Trump e Netanyahu intensificano la guerra imperialista in Medio Oriente

Dichiarazione del Partido Obrero

 

Donald Trump ha deciso di ritirare gli Stati Uniti dal Trattato che blocca lo sviluppo nucleare dell’Iran, nonostante l’opposizione di Francia, Gran Bretagna, Germania, Cina e Russia.

Ciò significa un ritorno al blocco commerciale e finanziario dell’Iran, che Trump estende a tutte le maggiori potenze che fanno affari con il regime degli Ayatollah. Si tratta di un enorme passo avanti nello sviluppo della guerra economica scoppiata nell’economia capitalista mondiale.

I ministri di Trump hanno chiarito che l’obiettivo è rovesciare il regime iraniano, come è accaduto in Iraq e in Libia, e come stanno cercando di fare in Siria.

Significa anche sostegno fondamentale alla politica di guerra del sionismo contro il popolo palestinese e altre nazioni arabe in Medio Oriente. Israele sta approfittando di questa situazione per avanzare in un’escalation militare e ha appena bombardato le basi iraniane in Siria.

La decisione di Trump è anche un sostegno alla monarchia finanziario-feudale dell’Arabia Saudita, che sta sviluppando una guerra di sterminio in Yemen e minacciando di fare la guerra a Qatar e Iran.

Le altre potenze firmatarie hanno risposto che continueranno a difendere l’accordo con l’Iran, ma hanno già lanciato un’offensiva politica per indurre quel paese a cedere alle estorsioni di Trump. Sono disperati nel difendere i grandi affari che i loro monopoli stanno facendo in quel paese. Una capitolazione da parte dell’Iran renderebbe l’imperialismo americano, il sionismo e gli sceicchi della penisola araba i proprietari del Medio Oriente. Gran Bretagna e Francia stanno collaborando con Trump al bombardamento sistematico della Siria e ai piani di balcanizzazione del suo territorio.

Il blocco dell’Iran ha portato a un enorme aumento dei prezzi del petrolio, a vantaggio dell’Arabia Saudita e dei monopoli statunitensi del carburante non convenzionale, e danneggia l’Unione europea e gli importatori nel resto del mondo. È un altro colpo al deterioramento delle condizioni di vita delle masse. Le compagnie petrolifere russe raccolgono le briciole da questo aumento.

Russia e Cina stanno anche cercando di placare il mostro di Washington, per attutire la guerra commerciale degli Stati Uniti contro di loro. Trump ha appena annientato il monopolio mondiale dell’alluminio, il russo Rusal, costringendolo a vendere le sue azioni all’oligarca russo che detiene la maggioranza della capitale. La Cina, anche per i propri interessi, sta cedendo alle richieste di un’ulteriore apertura del proprio mercato finanziario ai capitali internazionali.

Durante i due anni del trattato, il governo iraniano ha perseguito una politica incessante di impoverimento dei lavoratori e di arricchimento dei clan clericali e della borghesia. Dallo scorso gennaio, gli scioperi dei lavoratori in Iran sono in aumento, contro i licenziamenti e i fallimenti bancari. Il trattato nucleare non ha aperto alcuna prospettiva di miglioramento per gli sfruttati o per il paese.

Il rifiuto da parte di Trump del trattato di congelamento del nucleare con l’Iran inizia una nuova escalation di guerre e catastrofi internazionali.

 

Per una campagna internazionale contro la guerra

 

Facciamo appello a sviluppare una campagna internazionale comune della classe operaia contro la guerra imperialista.

 

Basta con il blocco economico e l’escalation militare contro l’Iran!

 

Abbasso lo Stato sionista, per il diritto al ritorno del popolo palestinese.

 

Chiamiamo gli operai degli Stati imperialisti a raddoppiare la lotta contro i nemici di classe nel loro paese.

 

Chiamiamo a sostenere la lotta di classe del proletariato iraniano contro il padronato e il regime clericale.

 

Via l’imperialismo dal Medioriente. Per una Federazione di Repubbliche Socialiste.

 

 

 

42342

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...