Proteste e scioperi a Panama contro un aumento delle tariffe

Barricate nelle principali città contro gli aumenti tariffari e per la rinazionalizzazione dei servizi pubblici

Di Alejandro Guerrero

 

Ora è Panama, nella sua capitale e in molte delle sue città più importanti, che sta vivendo una rivolta popolare contro l’aumento dei prezzi dell’elettricità. Ci sono barricate, l’intervento di 14 sindacati e l’annuncio di uno sciopero degli insegnanti di 24 ore “d’avvertimento”, a cui si aggiunge la lotta dei lavoratori edili, che stanno facendo lo sciopero per gli aumenti salariali. Lo sciopero dei costruttori ha il suo epicentro nella città caraibica di Colon.

Anche se il governo ha ritirato e sospeso gli aumenti, ha ordinato allo Stato di sovvenzionare le imprese per 300 milioni di dollari l’anno, che saranno necessariamente a spese dei bilanci della sanità e dell’istruzione, peggiorando l’inflazione e il tenore di vita delle masse lavoratrici. D’altro canto, alcune organizzazioni sindacali ritengono che la misura non sia stata annullata, ma semplicemente ritardata, per cui chiedono che l’aumento sia definitivamente respinto (Telesur, 16/7).

L’aumento dell’8,4 per cento ha colpito il 24,5 per cento della popolazione che consumava più di 300 kilowatt/ora, cioè la piccola borghesia e, soprattutto, le industrie e le PMI, che gridavano a gran voce. Pertanto, a differenza di Haiti, le proteste non avevano un’origine strettamente popolare, però questo elemento è cambiato con il corso della lotta.

I sindacati e alcuni portavoce delle barricate indicano che le imprese non assorbiranno in alcun modo gli aumenti, il che porterà a un aumento dell’inflazione e inevitabilmente si sposterà sugli scaffali quando il tenore di vita dei lavoratori si avvicinerà all’insostenibilità.

Inoltre, il presidente Juan Carlos Varela (che ha vinto le elezioni con una coalizione del suo Partito Panamense e del Partito Popolare, entrambi di destra liberale) ha incaricato il ministro dell’Economia e delle finanze, Eyda Varela, “di garantire che lo Stato assuma gli effetti dell’adeguamento tariffario fino all’approvazione da parte dell’Assemblea nazionale dell’esenzione fiscale” (“La Estrella de Panamá”; 16/7/18). Tuttavia, questa Assemblea è nelle mani, con una schiacciante maggioranza, dell’opposizione al governo e in un anno preelettorale. Come sempre, la crisi economica si trasforma in una crisi politica ad un ritmo accelerato. In ogni caso, poco ci si può aspettare da questi oppositori: a marzo, ad esempio, il loro partito principale, Volontà Popolare, si è congratulato con il governo per aver adottato misure contro il Venezuela richieste dal Dipartimento di Stato.

Tutto ciò avviene nel bel mezzo di un grave squilibrio fiscale. Dal 2013 Panama soffre di un elevato deficit fiscale, che da allora è in crescita. Secondo la Banca mondiale, il paese è “fortemente indebitato”. Il fatto che lo Stato si accolli l’onere della rinuncia ai dazi provocherà l’inflazione a scapito delle masse impoverite.

L’analista economica Irene Giménez ha dichiarato che lo stato panamense poteva soddisfare questi 300 milioni di dollari di “dispensa” solo attraverso un aumento dell’indebitamento o la creazione di nuove tasse, “e il governo non ha spazio per nessuno dei due” (Ibid.). Si vede così, una situazione senza via d’uscita nell’attuale stato di cose, quindi, la possibile caduta del governo.

Tutto dipenderà ora dalla direzione politica che le barricate che coprono le principali città del paese potranno prendere e chiedere la rinazionalizzazione delle società di servizi, che fino agli anni ’90 erano di proprietà dello Stato. La loro privatizzazione, in mezzo alla corruzione generale e allo stato di fallimento di queste aziende, fu l’ultimo passo per disarmare ciò che restava del regime nazionalista di Omar Torrijos Herrera, comandante della Guardia Nazionale, che nel 1968 portò a termine un colpo di stato e governò fino al 1981. Torrijos ordinò una serie di nazionalizzazioni ed ebbe conflitti con gli Stati Uniti sul Canale di Panama, controllato militarmente dal Dipartimento di Stato.

Per evitare il ripetersi di questi fallimenti, è necessario rinazionalizzare le imprese di servizi, ma sotto il controllo dei lavoratori e degli utenti, il che richiederà a sua volta una banca unica e una gestione collettiva dei lavoratori. In breve: un governo dei lavoratori.43273

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...