L’Algeria sull’orlo della rivoluzione: “Système dégage!”

di Sungur Savran

La posta in gioco in Algeria è sempre più alta. Il movimento di massa sta guadagnando un livello di fiducia tale che è diventato molto difficile per qualsiasi tipo di regime allontanarne le persone. L’8 marzo, in concomitanza con la Giornata internazionale della donna lavoratrice, il terzo round delle manifestazioni contro il regime di Abdelaziz Bouteflika (il moribondo presidente della Repubblica d’Algeria che cercava di candidarsi per la quinta volta nelle prossime elezioni) è riuscito in una spettacolare dimostrazione di forza: la maggior parte delle fonti parla di centinaia di migliaia di persone nella sola capitale di Algeri e di milioni di manifestanti in tutto il paese. Un quotidiano algerino (Le Matin d’Algérie) afferma, sulla base presumibilmente di rivelazioni da parte delle forze di sicurezza, che il numero di persone che hanno manifestato in tutto il paese ha raggiunto la cifra gigantesca di 15 milioni.

Sebbene ciò possa sembrare un’esagerazione, qualunque siano le cifre esatte, è un fatto innegabile che siamo di fronte alla più diffusa mobilitazione di massa dai tempi della guerra di liberazione e rivoluzione algerina tra il 1954 e il 1962. Ovviamente quella rivoluzione esprimeva alcune delle più eroiche e avanzate istanze della rivoluzione mondiale anticoloniale verificatasi sulla scia della seconda guerra mondiale. Dalla formula “Algérie française“, secondo la quale l’Algeria non era un possedimento coloniale ma proprio parte integrante della Francia, a quella de “Algérie indépendante” che alla fine trionfò, ci fu un’umiliazione di proporzione immense per la Francia. Si può dire che lo stesso tipo di umiliazione è in serbo per tutti i sostenitori del regime esistente all’interno e all’esterno del paese.

La resistenza del regime

Abbiamo già descritto il regime al potere in un precedente articolo (http://redmed.org/article/algeria-challenging-zombie-state). Si tratta di un insieme di vecchi “glorie” che hanno capitalizzato la gloria della rivoluzione per aggrapparsi al potere dal 1962. È risaputo che, dal momento che Bouteflika è incapace, è proprio suo fratello Said Bouteflika, insieme a Ahmed Gaid Salah, il capo di stato maggiore delle forze armate, che tira le corde. Tuttavia, ancora più importante, è l’intero insieme di classi sociali e strati che governano dietro le quinte. A partire dalle forze armate, politicamente molto forti ed economicamente coinvolte nella corruzione, insieme ai vertici della burocrazia civile, questo blocco riunisce tutti quegli strati che si crogiolano nella ricchezza generata dalle ampie fonti di gas naturale e petrolio che il paese possiede. Tra questi vi è la potente associazione degli imprenditori, il Forum des chefs d’entreprises (FCE) (il Forum degli imprenditori), fondato nel 2000 alla fine della guerra civile tra regime e fondamentalisti islamici e da allora fedele sostenitore del regime, e il dominio senza fine del clan Bouteflika. I capitalisti FCE sono notoriamente asserviti alla borghesia francese, come lo è il regime algerino stesso all’ex potere coloniale.

Questo regime sta cercando di resistere alla gigantesca ondata di proteste del popolo. Dal momento che Bouteflika non si è rivolto personalmente alla nazione sin dal suo ictus, le lettere sono state prodotte con la sua firma al fine di calmare il popolo. La prima di queste lettere prometteva che “se fosse stato eletto”, Bouteflika avrebbe organizzato un processo di consultazione nazionale per modernizzare il sistema secondo i desideri della popolazione e quindi organizzare elezioni anticipate che personalmente non avrebbe contestato. Il secondo inizia con un tono di autocompiacimento per elogiare la maturità democratica della società algerina, solo per sollevare un severo avvertimento riguardo alla possibile interferenza di forze interne ed esterne che stanno aspettando dietro le quinte di immergere il paese nel caos. Quindi è lo spettro del “decennio sanguinoso” degli anni ‘90 attraverso il quale il governo, o meglio il clan al potere, sta cercando di minacciare il popolo algerino alla sottomissione. E anche se la repressione non è ancora stata scatenata, il governo ha chiuso presto le università in modo da dividere e indebolire il movimento, visto il ruolo che i giovani avevano nelle mobilitazioni. Ma diverse università hanno reagito in modo sorprendente, ignorando gli ordini del Ministero e mantenendo aperte le istituzioni. Anche i professori si sono schierati con i loro studenti. Domenica 10 marzo, gli studenti delle scuole superiori hanno boicottato la scuola e si sono riuniti in centro, dove hanno scandito slogan contro Bouteflika. Ciò ha sollevato le ire del Ministro della Pubblica Istruzione, ma senza risultato.

Non è mai facile controllare o respingere un movimento di massa di queste dimensioni per qualsiasi tipo di governo. I passati sconvolgimenti rivoluzionari ci insegnano che una volta che il popolo è stato colto dall’impulso rivoluzionario, la repressione scatena soltanto la sua rabbia e rafforza la sua determinazione. Quindi, per il momento, il regime algerino temporeggia mentre cerca di instillare la paura della guerra civile nelle masse e di dividerle.

Ad affrontare questa struttura di potere corrotta è una nuova forza di orientamento neoliberale che è più apertamente filoimperialista rispetto alla duplice retorica della sovranità nazionale e dell’indipendenza del blocco di potere esistente. Attualmente questa corrente è rappresentata, in primo luogo, dal candidato Ali Ghadiri, egli stesso ex generale dell’esercito, che promette una sorta di “rottura” astratta dall’orientamento esistente del regime.

Più importante di questa opposizione è l’emergere di frizioni nella FCE a causa della rabbia popolare. Sebbene Ali Haddad, il presidente dell’organizzazione dei capi sia fedele al regime, il vicepresidente e due membri importanti hanno dichiarato la cessazione del pagamento per quanto riguarda le loro quote, un boicottaggio di sorta. Quindi sembra che il regime degli zombi non sia più vivo almeno per una parte della stessa borghesia dominante. Ciò è di buon auspicio per le prospettive immediate dell’insurrezione popolare, ma minaccia un eventuale recupero del movimento di massa da parte di una sezione della borghesia.

Ci sono persino delle crepe all’interno della struttura di potere stessa. L’ONM, l’organizzazione degli ex mujaheddin, cioè i veterani della guerra di indipendenza contro la Francia, ha dichiato apertamente che sta dalla parte del popolo e che sostiene le loro rivendicazioni. Allo stesso modo, Djamila Bouhired, un’eminente protagonista della Guerra di Liberazione, ha preso il suo posto tra i manifestanti venerdì. Almeno sette personalità di spicco, alcuni membri del Comitato centrale e alcuni ex parlamentari si sono dimessi dal partito al governo FLN e si sono uniti alle manifestazioni contro il quinto mandato che Bouteflika sta cercando. Sempre più, a quanto pare, i giorni del regime stanno diventando numeri

La rapida maturazione dell’insurrezione

A parte i numeri, il movimento di massa sta diventando una vera minaccia perché, politicamente parlando, è maturato molto rapidamente nel giro di un paio di settimane dal 22 febbraio, quando è stato organizzato il primo round di manifestazioni. Durante il primo turno, l’obiettivo politico sembrava essere sbarazzarsi del presidente zombie. Al secondo turno, il 1 ° marzo, le masse popolari si erano rese conto che il vero zombie era il regime che ha tirato le fila di Bouteflika e ha quindi iniziato a dirigere il suo fuoco sull’intero regime. Ora sia le parole d’ordine sia il dibattito sono saliti a un nuovo livello. Non si tratta più di liberarsi del regime ma di come liberarsi dal regime.

E il salto è chiaro anche nelle parole d’ordine. Per molti, forse la maggioranza, non è più sufficiente ottenere lo svolgimento delle elezioni senza Bouteflika. Le richieste sono avanzate per includere non solo il ritiro di Bouteflika, ma anche quello del governo, così come lo scioglimento di entrambe le camere del parlamento. Queste sono poste come precondizioni per il passaggio a un paese libero e democratico. Come il paese dovrebbe passare dal primo al secondo è argomento di intenso dibattito. Si parla di un governo di transizione e di un’assemblea costituente. C’è uno slogan spesso ripetuto che dice “niente elezioni prima della caduta delle bande”. Va notato che, con questa rivendicazione, il movimento di massa sta estendendo la sua portata alla sfera socio-economica, rendendo così gli obiettivi dell’insurrezione sia sociali che politici. Ciò dimostra che qui esiste già una tendenza nascente alla rivoluzione sociale, oltre che politica.

È affascinante vedere come i movimenti rivoluzionari delle persone imparino prontamente e rapidamente gli uni dagli altri e persino emulino consapevolmente i modelli usati da altri paesi. Le azioni del venerdì in Algeria sono ora etichettate come “Atti” come nel gergo del teatro, proprio come i sabati del movimento francese dei gilet gialli sono stati soprannominati sin dall’inizio. Ma poi, senza sorpresa, i poteri dominanti imparano anche gli uni dagli altri. Il governo algerino è stato ispirato, con ogni probabilità, dal governo sudanese quando ha chiuso le università in anticipo per indebolire il movimento. E ovviamente, in modo più comico, la promessa di Bouteflika di organizzare una consultazione nazionale dopo le elezioni è un’imitazione grossolana delle tattiche di Macron. Troviamo tutto ciò comico non solo perché la struttura del potere algerino aspira a camminare sulle orme del suo ex governatore coloniale, ma anche perché il “processo di consultazione nazionale” è stato una farsa persino nella sua patria originaria, la Francia, e quindi sembra più un insulto dell’intelligenza del popolo algerino che una corda da afferrare nella disperazione dal regime.

È anche degno di nota il fatto che il principale slogan della rivoluzione araba del periodo 2011-2013 sia tornato in auge. “La gente vuole la caduta del regime” è stata cantata in tutto il mondo arabo in quegli anni. Ha viaggiato per il mondo, per essere dipinto (in francese) sui muri di Parigi grazie ai gilet gialli e successivamente per riapparire nell’attuale rivolta algerina. Con una differenza, a quanto pare, da ciò che leggiamo nella stampa algerina: gli algerini, il più francofono di tutti i popoli arabi, usano, invece della parola “nizam” (regime) alla fine, la parola francese “système“. Questo è anche il motivo per cui alcuni cartelli recitavano: “Système dégage“. “Dégage” (che significa “vattene”), è stato utilizzato per la prima volta in Tunisia nella forma “Benali, dégage”. Il fatto che ciò che deve andarsene sia ora il regime o il sistema piuttosto che un singolo dittatore mostra la rapida maturazione politica delle masse algerine.

Prospettive

Diversi punti sono emersi in modo abbastanza chiaro nell’Atto III della rivolta algerina. Il primo è che, sebbene il blocco dominante si trovi di fronte a delle spaccature, non pensiamo che l’alternativa al regime sarà ricercata nell’ala neoliberale di Ghadiri. Se sta per emergere un’alternativa borghese, quell’alternativa dovrà venire dal blocco del potere dominante. La ragione è che, sotto l’effetto dello stress creato dalla Terza Grande Depressione, il neoliberismo sfrenato, e in particolare il globalismo come estensione internazionale del neoliberismo, non sono più una via da seguire per le classi dominanti dei paesi che stanno sperimentando la ricaduta della recessione sul loro fronte interno. L’Algeria è uno di questi paesi, dove la crisi è molto grave a causa del crollo del prezzo del petrolio e del gas naturale dal 2014. Ciò richiede un approccio più interventista anche per gli interessi della borghesia.

In secondo luogo, la classe operaia sta entrando nella mischia con i suoi metodi. Domenica 10 marzo è stato proclamato uno sciopero generale, seguito da un buon rapporto tra lavoratori e dipendenti, secondo quanto riportato dalla stampa algerina. Le imprese pubbliche o private, comprese quelle più grandi come Sonatrach, Cevital, i porti e i trasporti hanno visto una partecipazione molto alta. Alcune città si arrestarono completamente. Fino a questo punto la rivolta sembrava essere una sorta di movimento dei cittadini interclasse. Questa unità tra persone di ogni ceto sociale sembrava ad alcuni la forza del movimento. Quindi alcune figure di spicco si sono espresse esplicitamente contro lo sciopero generale. Queste persone agiscono molto chiaramente, indipendentemente dalle loro intenzioni soggettive, come i portavoce della piccola-borghesia, se non le ali dissidenti della borghesia. Queste classi non vogliono che la classe operaia distingua le sue forze come un potere indipendente perché sanno che sarà più difficile per loro arrestare il movimento al più piccolo segno di addolcimento da parte del regime, senza che il movimento sfugga di mano e si trasformari in una rivoluzione.

L’azione indipendente della classe operaia con i suoi metodi di classe e, si spera, sempre più con le sue richieste di classe, è di fondamentale importanza per il futuro del movimento. Per il momento, sembra che solo i cosiddetti sindacati autonomi vadano con la rivolta popolare, mentre i sindacati ufficiali sono più riluttanti. Ma ora, mentre queste righe sono state scritte lunedì 11, 20 sindacati del Tizi Ouzou wilaya (provincia) affiliati alla federazione ufficiale dell’Unione europea dei lavoratori del mare (Unione generale dei lavoratori algerini – UGTA) sono chiaramente usciti contro il quinto mandato di Bouteflika. Tutti questi sono segnali estremamente importanti. Elementi del regime stanno passando dalla parte delle masse. Soprattutto, la classe lavoratrice sta guadagnando la sua indipendenza. Solo nella misura in cui la classe operaia diventa una forza motrice indipendente della rivolta, il futuro del movimento sarà garantito e in tal modo si prevarrà la vendita della lotta da parte delle forze medio-alte della classe.

La rivoluzione algerina, quando diventerà una realtà, avrà bisogno di tutte le diverse classi e gli strati popolari, compresi gli strati più poveri della piccola-borghesia. Tuttavia, per la sostenibilità della rivoluzione è necessario l’impronta della classe lavoratrice sulla rivoluzione. Questo è stato anche il caso della Tunisia e dell’Egitto. Nel caso della Tunisia, la fonte iniziale della rivoluzione deve il suo slancio alla povertà e alla disoccupazione di cui ha sofferto un settore schiacciante della gioventù in quello che viene chiamato “l’entroterra” del paese (al contrario del litorale, che almeno ha il vantaggio del turismo). E quando la rivoluzione decollò sul serio, l’UGTT, la potente federazione sindacale, svolse il ruolo di capo organizzatore e di casa dei rivoluzionari. In Egitto, un milione e mezzo di lavoratori abbandonarono i sindacati ufficiali in cui erano stati regimentati per formare nuovi indipendenti. E c’è stato un ampio movimento di sciopero che ha chiaramente accelerato la caduta di Hosni Mobarak.

In terzo luogo, le masse lavoratrici hanno sofferto seriamente nell’ultimo decennio, quando la Terza Grande Depressione ha devastato l’economia algerina, in modo più evidente sotto forma della caduta del prezzo del petrolio e del gas naturale. Quindi la rivolta ha radici socio-economiche e cause politiche. Tuttavia, questi non sono ancora diretti al dominio della borghesia, ma piuttosto alla “corruzione”. Una reazione consapevole della classe richiederà tempo per emergere.

Eppure, nonostante questi limiti, la transizione verso una rivoluzione a pieno titolo è iniziata, a nostro avviso, in Algeria. La ragione è che il movimento di massa sta discutendo e discutendo le modalità della formazione di nuove strutture statali. Non è solo rivoltante contro la sua sofferenza, ma prendendo le cose nelle sue mani e riflettendo su una nuova costellazione di elementi del potere politico. È ancora troppo presto per definirlo una rivoluzione, ma la tendenza è chiaramente lì. Questo è il punto più importante. La questione del potere è già stata posta. Se la classe operaia genererà, nel corso di questa lotta, le organizzazioni (consigli, comitati di fabbrica e, soprattutto, un partito rivoluzionario) che possono servire come base per un trasferimento di potere da una classe all’altra è ancora da vedere. Una volta messo in moto, una rivoluzione con questo tipo di supporto di massa ha il potenziale per durare diversi anni. Quindi nessuno può prevedere il risultato finale, se la rivolta di massa diventi una rivoluzione oppure no.

Alcune riflessioni sui compiti

È difficile, se non impossibile, offrire una chiara linea tattica da lontano, a meno che non si abbia almeno un punto d’appoggio nel paese attraverso il quale si possa tenere il polso delle masse. Il tipo di soluzioni pronte all’uso e le parole d’ordine che sono avanzate da personalità internazionali autonome, senza il dovuto rispetto per la posizione concreta delle classi e delle forze politiche nel paese, sono le più sgradite. Tuttavia, un dialogo internazionalista con i rivoluzionari sul campo è anche auspicabile, perfino necessario.

Il rifiuto delle elezioni in queste condizioni e la richiesta che tutte le istituzioni esistenti della struttura del potere si dissolvano e cedano il posto a nuove strutture sono, naturalmente, corrette. Questo è precisamente un momento in cui un boicottaggio (se il governo insiste ad andare avanti con le elezioni) è indicato nei termini più puri, quando il movimento di massa ha il potenziale potere di sostituire le istituzioni esistenti, incluso il parlamento, con delle nuove e più democratiche. Qualsiasi organizzazione che si ritiri su quella posizione, una posizione che è ora condivisa da ampie sezioni del movimento di massa, dovrà essere vista come capitolante ancora prima del regime corrotto.

Tuttavia, tra le due formule che circolano, quella di un governo di transizione e un’assemblea costituente sovrana, i socialisti proletari dovrebbero assolutamente optare per quest’ultima. Un governo di transizione che dovrebbe preparare il paese per elezioni democratiche, un governo che non è responsabile di alcun organo eletto, è una formula per l’assorbimento e il recupero del movimento di massa all’interno dei contorni del potere di classe borghese. L’esperienza della rivoluzione sudanese in corso ci insegna concretamente che questo tipo di governo sarà di natura “tecnocratica” (vedi il nostro articolo sulla rivoluzione sudanese, http://redmed.org/article/sudan-revolution) e quindi rimane nelle mani della piccola-borghesia e della borghesia, che hanno gli “specialisti” nelle loro fila, e rispondono al pungolo dell’imperialismo in assenza di qualsiasi altro potere. Un’assemblea costituente sovrana dovrebbe essere il potere a cui un governo di transizione dovrebbe essere responsabile.

Naturalmente, non ci dovrebbe essere feticismo dell’assemblea costituente. Se la classe operaia e le masse contadine o i disoccupati e gli altri strati oppressi generano i loro organi di auto-organizzazione, allora i socialisti proletari dovrebbero, quando l’equilibrio delle forze lo consentirà, andare oltre la richiesta di un’assemblea costituente alla domanda di lavoratori ‘e lavoratori’ o un governo operaio e contadino basato su questi organi di auto-organizzazione.

Tutto questo è davvero troppo generico per essere di orientamento ai rivoluzionari proletari nell’Algeria. Definisce non quale tattica dovrebbe essere perseguita, ma piuttosto quale tattica non dovrebbe essere perseguita.

Un’ultima parola sulla natura “pacifica” del movimento. Questo non è nuovo. Era la moda anche durante la rivoluzione egiziana. Come il fatto che i rivoluzionari si siano astenuti dall’armare le persone giocate nelle mani del Bonaparte al Sisi, il capo dell’unica forza armata nel paese (a parte gli integralisti islamici), è ora chiaro per tutti da vedere. Abbiamo cercato umilmente di ricordare ai rivoluzionari egiziani che tutte le rivoluzioni risolvono alla fine le loro domande in sospeso con le armi. Le masse algerine, così come i sudanesi, cantano “silmiya, silmiya” (“pacifico, pacifico”) quando sono fuori a manifestare. Ciò è comprensibile in un paese che porta ancora le cicatrici di una devastante guerra civile che è durata per tutto il decennio degli anni ’90. Ad ogni modo, è solo “alla fine”, come abbiamo sottolineato sopra, che molte rivoluzioni hanno dovuto ricorrere alla lotta armata. Ma prestare attenzione alla psicologia delle masse per il momento è diverso dal disarmarle.

Internazionalismo

Ci sono diversi aspetti dei compiti concreti dell’internazionalismo proletario nel contesto di un’insurrezione. Indicheremo solo un aspetto molto specifico nel caso algerino. È della massima importanza che il movimento di massa algerino stabilisca legami duraturi e stretti con il movimento dei gilets jaunes in Francia e viceversa. Una ragione è ovviamente la solidarietà reciproca tra due movimenti insorti in due paesi. Un’altra è la risposta delle masse ribelli alla solidarietà tra le classi dirigenti dei due paesi. L’imperialismo francese ha messo il naso nella rivoluzione tunisina e senza dubbio farà lo stesso in Algeria e sarà necessaria una risposta comune a questo. Un altro è l’aspetto coloniale della storia delle relazioni tra i due paesi: un’alleanza degli oppressi e degli sfruttati sarà un esempio della bellezza dell’internazionalismo per il resto del mondo. Ancora un altro, e qui stiamo arrivando al nocciolo della questione, è l’esistenza di una grande comunità di immigrati di origine algerina che vive e lavora in Francia, che potrebbe essere strumentale nel fornire il collegamento per istituire la tanto necessaria solidarietà tra i due movimenti. Infine, abbiamo detto “viceversa” qui sopra: non solo aiuterebbe il movimento algerino a stabilire un contatto con i gilets jaunes, ma sarebbe ancora più utile per il movimento francese, perché creerebbe per loro un nuovo alleato molto forte nei “beur“, le massicce comunità di immigrati arabi in Francia e, in particolare, le generazioni nate in Francia.

Siamo all’alba di una nuova fase della lotta a livello internazionale. Chiamiamo questo periodo la terza ondata della rivoluzione mondiale. Dopo una fase iniziale nel 2011-2013, la mobilitazione sembrava diminuire e passare attraverso quello che chiamiamo un “momento parlamentare”. Ma il 2018 è stato testimone di ribellioni popolari in tutto il mondo. Sembra quindi che si stia aprendo una nuova fase in cui le rivoluzioni e le rivolte determineranno ancora una volta i termini della lotta nei diversi paesi. (Per i dettagli dell’argomento vedi http://redmed.org/article/2018-year-resurgence-third-wave-world-revolution). Come per confermare il fatto che la fase che si sta aprendo non è un processo completamente nuovo, ma la ripresa dell’ondata rivoluzionaria del 2011-2013, ha raggiunto il suo apice in due paesi arabi, il Sudan e l’Algeria.

Studiando queste rivolte, ribellioni e, ovunque possibile, rivoluzioni dirette, non solo nel mondo arabo ma ovunque, dallo Zimbabwe all’Ungheria, da Haiti all’Iraq, ci prepareremo per il prossimo uragano. Ma senza i partiti rivoluzionari proletari e senza un’Internazionale rivoluzionaria basata su questi, la classe lavoratrice non può vincere. Il programma, la strategia e le tattiche diventano reali guide all’azione solo quando i combattenti esistono e basano la loro politica su di loro per condurre le classi lavoratrici al potere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...