“Eterno Putin”

putindi Jorge Altamira

Con il 74% dei voti, il candidato “indipendente”, Vladimir Putin, ha ottenuto un’altra rielezione che gli offre l’opportunità di governare fino al 2024. Lo fa dal 2000 sebbene, prima, ruotando nella posizione di primo ministro, con i presidenti Eltsin e Medvedev, e poi senza maschere interposte.

In questa occasione ha messo da parte la lista tradizionale, Russia Unita, probabilmente, alcuni dicono, a causa della sua reputazione in calo. Alcuni telegiornali riportano che la partecipazione degli elettori ha superato quella delle ultime elezioni, con il 65% degli aventi diritto al voto, altri dicono il contrario, che si è ridotto al 60%. Il tasso di partecipazione conta, perché rivela il grado di astensione dall’elettorato, sia prima che ora.

Putin avrebbe potuto raccogliere, alla fine della giornata, il voto del 44% degli aventi diritto. Se si sottraggono i numerosi casi di frode che sono stati esposti, il bonaparte russo avrebbe un sostegno elettorale ben al di sotto della metà dei cittadini.

Il disegno elettorale aveva un sentore chavista. Putin era l’esponente del nazionalismo di fronte a un’opposizione che denunciava come “liberale”: al momento della chiusura delle liste esponeva la sua natura madurista, perché escludeva dalle elezioni i candidati “liberali” con maggiore ascendente. Alexei Navalny, l’uomo con maggiore riconoscimento di questa ala, ha invitato a boicottare le elezioni.

Diciamo che Putin rivendica la sua condizione di alternativa a qualsiasi “restaurazione conservatrice”. Come difensore dell ‘”autoritarismo” contro la “repubblica”, ricatta l’elettorato dal “campo nazionale e popolare”.

La somiglianza non è, tuttavia, uguaglianza: Putin ha fatto carriera politica reprimendo ferocemente le nazionalità che sono state rimaste entro le frontiere russe dopo lo smantellamento dell’Unione Sovietica, e anche quelle che sono fuori. Inutile aggiungere che lo scontro con il Regno Unito, negli ultimi giorni, in merito all’omicidio di un doppio agente dei servizi di entrambi i paesi, ha portato una maggiore aurea di nazionalismo a chiunque fosse un agente del KGB negli anni della ” guerra fredda “.

Il ruolo speciale di Putin negli ultimi decenni della Russia è stato quello di leader dell’operazione politica dei servizi di sicurezza per evitare la disintegrazione nazionale del paese, come delineato nei primi anni della restaurazione capitalista.

Alcuni trotzkisti speravano che la funzione fosse esercitata da questi servizi per prevenire la disintegrazione dell’URSS. Fu una delle tante illusioni che si manifestarono durante il periodo della degenerazione burocratica della Russia.

Ciò che infine avvenne, fu un’operazione dispotica di contenuto restaurazionista, che pose i Servizi come arbitri disciplinari delle sanguinose lotte tra mafie e oligarchie per l’accaparramento delle proprietà statali dell’era sovietica. Non era un’operazione “costituzionale” o “pacifica”, ma, in una certa misura, una guerra civile al vertice, né parziale né relativamente “progressiva”, perché si limitava a sostituire il furto anarchico con un furto ordinato.

Il regime putinista rappresenta, in modo più o meno diretto, l’oligarchia confiscatrice della Russia. La questione dell’omicidio della doppia spia, negli ultimi giorni, ha messo in evidenza, ancora di più, le enormi ricchezze che l’oligarchia russa ha riciclato nella città di Londra – che, per questo motivo, è stata ribattezzata “Londongrado”.

In questi stessi giorni, la compagnia energetica EN + ha fatto un’offerta iniziale di azioni alla Borsa britannica. Né le misure amministrative né l’aumento abusivo dei tassi di interesse sono stati in grado di fermare la fuga di capitali dell’oligarchia russa.

A livello internazionale, la funzione del nuovo regime si è manifestata in Ucraina, quando la NATO ha imposto un regime pro-imperialista, nonostante le ripetute promesse fatte, dalla presidenza di Bush Sr., che l’Ucraina fosse appartenuta alla “zona di influenza” ‘dalla Russia.

Putin ha risposto con l’occupazione lampo della penisola di Crimea e con il sostegno condizionato alla resistenza dell’Ucraina orientale. Questa operazione ha aumentato considerevolmente il bonapartismo nazionalista di Putin.

A settembre 2015 c’è stata una replica in Siria, quando la Russia ha inviato parte della sua flotta e dell’aviazione per controllare lo spazio aereo della Siria e rafforzare il sostegno di Iran e Hezbollah al regime di Bashar al-Assad. La pressione politica di questi eventi sulla popolazione russa è stata enorme – per alcuni persino una riedizione della “guerra patriottica” che ha affrontato il nazismo.

Un’opposizione politica socialista e rivoluzionaria a un regime di queste caratteristiche deve stabilire radici molto solide – prima di tutto con una chiarezza di teoria, strategia e programma.
Al di là della portata del suo territorio e l’importanza del suo arsenale militare, la Russia è una potenza molto minore nell’economia mondiale. È soprattutto esportatore di gas e petrolio, e non è in grado di finanziare gli oleodotti che proiettano queste esportazioni in Germania, a ovest e in Cina, a sud-est.

Le elezioni della scorsa domenica ai sono tenute mentre i prezzi di queste materie prime erano del 25% superiori rispetto al punto in cui erano caduti nel 2014. Nel 2015 ha subito un’enorme recessione, dalla quale ha iniziato ad emergere nel 2017.

Il prezzo del rublo e il tenore di vita delle masse sono calati bruscamente; lo stipendio medio oscilla tra i 300 e i 400 dollari. La pressione esercitata dal deflusso di denaro e capitali ha portato a una politica di alti tassi di interesse e un freno alla spesa sociale.

La Russia sta attraversando una brutale crisi degli investimenti, che è aumentata del 130% dalle rovine del disastro del 1998, mentre il prodotto lordo ha raggiunto il 330 percento. La speculazione finanziaria e ancor più quella immobiliare si sono accaparrate i pochi risparmi nazionali.

La Russia cresce all’1,5 / 2,0% annuo, quando dovrebbe farlo al 6% per iniziare a risalire la china. Per questo motivo, lo slogan dell’oligarchia è: “Capitoliamo alla NATO affinché elimini le sanzioni economiche; riduzione delle spese militari e operazioni militari all’estero; politica liberale e sicurezza legale per attrarre capitali stranieri; adeguamento fiscale e maggiore flessibilità del lavoro “.

Putin, “ispirato” dal suo collega Trump, ha annunciato che “studia” una forte riduzione delle tasse sul profitto, con lo scopo di incoraggiare il rimpatrio del capitale russo dai paradisi fiscali. Sberbank, la più grande banca in Russia, ha appena riferito che la fuga di capitali rappresenta la più importante minaccia alla continuità del sistema bancario di Mosca.

La guerra criminale che la Russia sta sviluppando in Siria non ha futuro – Putin cerca una via d’uscita. Ciò è dimostrato dagli incontri che ha ospitato nelle città di Sochi e Astana per organizzare la spartizione della Siria tra le potenze contendenti.

Il risultato è che una parte della Siria settentrionale è stata ceduta alla Turchia, in cambio della riconquista della città di Guta, nelle vicinanze di Damasco, e un’altra parte dello stesso confine agli Stati Uniti. Israele si è appropriata di parti del sud, attraverso le milizie siriane pro-sioniste. L’intervento di Putin rappresenta un costo insopportabile per la Russia;  i prezzi del gas e del petrolio stanno calando nuovamente.
Dopo la scorsa domenica, le agenzie di stampa dovranno affrontare il problema di parlare molto di più di ciò che accade in Russia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...