MOSCA 1, LONDRA 0

di Jorge Altamira

may-putinL’episodio dell’avvelenamento di un russo, ex doppia spia, e di sua figlia, a Londra, è ancora poco chiaro come all’inizio. Tre settimane dopo, Londra non ha ancora presentato a Mosca le prove raccolte nelle indagini. È proprio questo escamotage nel presentare le prove che il leader dell’opposizione laburista, Jeremy Corbyn, ha denunciato alla Camera dei Comuni. Diverse denunce del governo britannico riguardo l’avvelenamento di altre persone nei pressi del luogo di residenza della spia in pensione, sono state smentite dalle autorità dell’ospedale della città. Nessuna di queste smentite, tuttavia, annulla la possibilità di un attacco criminale da parte del governo di Putin, che ha un vero record di liquidazione degli avversari politici, specialmente nella stessa Russia. Dopotutto, uccidere una spia che è andata al servizio di un potere rivale è, in fin dei conti, un metodo di avvertimento all’interno dei servizi di sicurezza dello stato.

Ciò che rende questo incidente politicamente rilevante è che la rappresaglia del governo britannico contro la Russia si è limitata a una reciproca espulsione di diplomatici. Come nei casi precedenti, la Gran Bretagna evita di adottare sanzioni contro gli oligarchi russi politicamente ed economicamente legati al Cremlino che risiedono a Londra o che hanno enormi affari ed investimenti. La città è diventata per lungo tempo la destinazione preferita dei capitali in fuga dalla Russia – la ragione principale della ripetuta crisi subita dal sistema bancario russo. È ovvio che il governo di Theresa May non vuole sparare un colpo contro la City, che si è trasformata nel tempo in un enorme paradiso fiscale. L’attuale primo ministro era responsabile del Ministero degli Interni nelle precedenti amministrazioni, quindi non è la prima volta che protegge i capitali russi dalle conseguenze di attriti politici o criminali del suo paese con la Russia. Ha agito allo stesso modo sotto il governo dell’ex primo ministro David Cameron. Per riassumere la cosa: la durezza della denuncia contro Putin non va oltre una messa in scena.

Qual è lo scopo di tutto questo?

La stampa internazionale ha evidenziato, all’unanimità, che la posizione britannica non è stata sostenuta dai paesi dell’Unione Europea o degli Stati Uniti – il che, oltre ad essere interessante, è un indizio politico per capire cosa sta succedendo. La Gran Bretagna, assorta in una Brexit in cui sta perdendo tutto, è una potenza in declino e soprattutto isolata. Lo dimostra la piega che stanno prendendo questi negoziati per lasciare l’UE, in cui sta perdendo anche la biancheria. Il numero di società finanziarie che stanno cambiando la propria sede da Londra a Parigi, Francoforte e Dublino, ha superato quelle emigrate dalla Catalogna in altre località della Spagna nella recente crisi indipendentista. La Corte britannica si è appena pronunciata a favore dell’ammissibilità di una regressione dalla Brexit da parte del Parlamento, mettendo in secondo piano il sostegno che ha ricevuto in un referendum. In breve: ha fallito il tentativo da parte dell’assediato governo britannico di usare l’incidente criminale (non importa chi è stato il responsabile) per estorcere il sostegno politico dei suoi alleati e avvalersi della ‘minaccia russa’ per attutire i colpi che ha ricevuto nella negoziazione del Brexit. Se il governo russo aveva, in anticipo, questa caratterizzazione politica della situazione del governo di May, la scelta di regolare i conti con un traditore, sei anni dopo la sua partenza dalla Russia, potrebbe essere descritta come un ‘colpo perfetto’.

La consistenza del sostegno alla Gran Bretagna da parte dei suoi alleati è stata messa alla prova non appena si è avuta notizia della vittoria di Putin nelle elezioni di domenica scorsa in Russia. Trump si è congratulato con lui con grande cordialità, e su scala poco inferiore, Merkel e Macron. Non è il trattamento previsto per una persona responsabile di un reato in un territorio straniero. L’intenzione britannica di ottenere l’applicazione dell’articolo 5 della NATO, affinché si consideri l’azione russa come un attacco all’intero blocco, ha fallito miseramente. May dovrà affrontare, d’ora in poi, un aggravamento della crisi politica. Con margini più scandalosi, la residente di Downing Street ha preteso che l’Occidente boicottasse la Coppa del Mondo.

Trump non ha rinunciato nel contare sulla Russia e su Putin nella lotta commerciale, finanziaria e politica che ha scatenato contro i partner storici degli Stati Uniti o di negoziare un accordo internazionale tra il gas di scisto e il petrolio di scisto degli Stati Uniti con il petrolio di Russia e Arabia Saudita. Sta facendo pressioni affinché la saudita Aramco (più di un trilione di dollari di attivo) quoti nel mercato azionario di New York, e non a Londra. Merkel, da parte sua, ha imposto al blocco dell’euro il gasdotto Northstream, che porterà il gas russo in Germania, in un accordo tra le banche tedesche e Gazprom. Lo stesso vale per l’Italia, la cui compagnia di bandiera, la compagnia petrolifera ENI, ottiene concessioni per l’esplorazione e lo sfruttamento nell’Artico.

Quando l’eccentrico ministro degli esteri di GB, Boris Johnson, non ha esitato a mettere sullo stesso piano la Coppa del Mondo con le Olimpiadi del 1936, nella Berlino di Hitler, si è reso chiaro che il suo governo ha perso il GPS. Una “narrazione” non convincente. È più probabile che la squadra britannica finisca per andare a Mosca, che il governo di maggio continui a funzionare il prossimo luglio.

 

Jorge Altamira.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...