La questione della guerra

Di Jorge Altamira

Il Partito Operaio ha vissuto, in preparazione del 25 ° Congresso, un intenso periodo di elaborazione e dibattito politico. La questione internazionale ha occupato un posto straordinario. Non potrebbe essere diversamente di fronte al peggioramento della crisi mondiale, che si manifesta nelle guerre economiche, nelle crisi dei regimi politici in molti paesi, nelle sollevazioni popolari e negli scioperi e, ultimo ma non meno importante, nell’aumento dei conflitti militari e dell’allargamento degli scenari di guerra e delle calamità umanitarie che ne derivano.

L’America Latina non sfugge affatto a questa situazione. Il Venezuela affronta la minaccia di un embargo petrolifero che potrebbe portare a colpi di stato militari e all’intervento straniero; Il Messico, la militarizzazione del confine da parte di Trump; la militarizzazione di Rio de Janeiro e di altre città brasiliane e, infine, un’annunciata installazione di basi nordamericane nell’Amazzonia brasiliana e “stazioni di monitoraggio” nella Triplice Frontiera. La “lotta contro il traffico di droga” o “contro il terrorismo” è usata come una foglia di fico per giustificare l’intervento delle forze armate nella repressione interna, indipendentemente dal fatto che è proibita dalla legislazione di diversi paesi.

Il terreno di prova di questa strategia di repressione interna, da parte delle forze armate dell’America Latina, è stato l’intervento militare ad Haiti, nell’ultimo decennio e mezzo, guidato dagli eserciti di Brasile e Argentina, sotto la precedente amministrazione dei governi “nazionali e popolari” di CFK e Lula. La crisi dei regimi politici ha appena visto un ultimo episodio con la caduta del presidente del Perù e, soprattutto, con l’aggravarsi della crisi politica brasiliana.

È proprio in questo contesto globale che il nostro partito ha associato il Congresso a due iniziative fondamentali. Da un lato, la convocazione da parte del Coordinamento per la Rifondazione della Quarta Internazionale (CRQI) di una conferenza internazionale aperta a diverse forze rivoluzionarie e, dall’altro, un’altra della CRFI stessa, sulla base di un rapporto politico internazionale e un bilancio delle sue attività. Le organizzazioni presenti, hanno partecipato al 25 ° Congresso e all’elaborazione della commissione incaricata della proposta di una risoluzione internazionale. In sintesi, il Congresso aveva nella propria agenda di discussione i Rapporti internazionali – uno per il Congresso e un altro per la Conferenza internazionale – e un bilancio del CRQI. Quest’ultimo documento confronta l’esperienza e la politica del CRQI con quella di altri raggruppamenti politici di sinistra, anche di quelli trotskisti.

 

41693

La guerra

Le tre istanze deliberative menzionate sono state dedicate al dibattito sulla questione strategica centrale del momento: la moltiplicazione delle guerre e l’intensificazione degli scontri. L’approccio centrale alla questione della guerra già fa una distinzione tra il metodo e la prospettiva del Partito Operaio, in riferimento ad altre forze politiche, che sono ancorate ad una posizione che postula uno sviluppo pacifico del capitalismo, ossia democratico ed elettoralista.

La guerra non è altro che l’estrema manifestazione delle insormontabili contraddizioni del capitalismo. Evidenzia da un lato il carattere irrisolvibile degli antagonismi di classe, e, dall’altro, la contraddizione tra lo sviluppo delle forze produttive e dell’economia mondiale con gli stati nazionali. Il fallimento capitalista, dal 2007/8, ha rivelato l’insieme di queste contraddizioni, da un lato, attraverso un feroce attacco ai diritti del mondo del lavoro; dall’altro, attraverso l’intervento degli Stati nazionali in soccorso delle rispettive borghesie. Trump non è che l’ultimo stadio di un esaurimento della cosiddetta globalizzazione, che esplode con la crisi globale e dà libero sfogo alla tendenza alla depressione economica internazionale. Seguiranno nuove crisi nella dislocazione dell’economia internazionale. La tendenza a contrastare questa depressione, con il ripristino del mercato e del capitalismo in Cina e nel territorio dell’ex Unione Sovietica, ha esaurito i suoi effetti. Per il capitale finanziario internazionale è necessario procedere all’eliminazione degli ostacoli ancora presenti in questi scenari, il che spiega le guerre commerciali e militari. Le cosiddette guerre localizzate, sia in Afghanistan, Yemen, Ucraina o Siria, non sono altro che l’espressione di un conflitto mondiale.

L’orizzonte strategico di queste guerre è disegnato sin da quelle nel Golfo e in ex Jugoslavia: la colonizzazione dei paesi dell’ex ‘blocco socialista’ e, strada facendo, la sottomissione, da parte dell’imperialismo yankee, degli imperialismi minori, sia attraverso pressioni economiche e politiche, sia attraverso conflitti armati. La competizione economica è rafforzata da quella militare per rompere la resistenza a questa offensiva. Trump ha avvertito l’Unione Europea che il tentativo di creare una forza militare dell’Unione Europea sarebbe considerato un “casus belli”. Lo stesso vale per la Cina in relazione alla sostituzione del dollaro negli scambi internazionali e ai piani per costruire un’industria dei superconduttori indipendente dai monopoli statunitensi. Il metodo seguito dal Congresso del PO e dalle Conferenze internazionali è stato quello di evidenziare le relazioni reciproche e contraddittorie tra la crisi mondiale, la conseguente guerra economica, la tendenza alla guerra e la lotta di classe internazionale.

 

Russia e Cina

La guerra in Siria è servita da illustrazione di questo conflitto globale in intensi dibattiti in commissioni e assemblee plenarie. L’occupazione da parte della Turchia del nord-ovest della Siria (Afrin) e il protettorato stabilito dagli Stati Uniti nel nord-est, hanno trasformato il nord della Siria in una sorta di base NATO e una forte inversione della crescente egemonia che sembrava esercitare la Russia in questa guerra. Trump e Erdogan tuttavia contano, per la loro offensiva, sulla liberazione dello spazio aereo da parte di Putin, la cui aviazione si è occupata al tempo stesso di rioccupare, a sud, la città di Ghouta, vicino a Damasco, per mezzo di un feroce bombardamento. La presunta difesa, da parte di Putin, dell’autonomia della Siria contro l’imperialismo e il sionismo, ha portato a un compromesso tra l’uno e l’altro e nella distribuzione territoriale del paese. Con lo stesso metodo, Israele ha ampliato il suo dominio sulla Siria meridionale.

La Cina, d’altra parte, ha accompagnato Trump nel voto di sanzioni sulla Corea del Nord, per intervenire come mediatore nella neutralizzazione del regime di Kim Jong-un richiesta dagli Stati Uniti.

Le risoluzioni votate nel Congresso del PO e le due conferenze successive hanno messo in luce l’interazione di due fenomeni: da un lato, l’obiettivo strategico di trasformare la Russia e la Cina in semicolonie del capitale finanziario internazionale e, dall’altro, la politica di impegni e alleanze di questi due regimi con l’imperialismo. Le risoluzioni votate denunciano queste alleanze come una politica di rafforzamento dell’oppressione di tutti gli sfruttati del mondo e come una risorsa dei regimi restauratori per affrontare la crisi nei loro paesi e la tendenza a rivolte operaie popolari.

 

Conclusioni e risoluzioni

Le venti organizzazioni che hanno partecipato alla Conferenza Internazionale, con la loro presenza o con i loro documenti, si estendono dall’America Latina all’Europa e dal Medio Oriente alla Russia. Sono organizzazioni con storie ed esperienze diverse, attratte da un dibattito internazionale e dalla necessità di un’organizzazione internazionale, come risultato di nuove situazioni storiche e di sfide politiche senza precedenti. Lo sviluppo dei dibattiti ha ancora una volta rivendicato il metodo del PO e del CRQI per ricostruire l’Internazionale operaia e rivoluzionaria attraverso il dibattito politico e l’attività comune risultante di tutte le organizzazioni, partiti e gruppi che lottano contro l’ordine esistente basandosi sulla lotta di classe, l’organizzazione indipendente del proletariato e l’opposizione alla guerra imperialista e ai suoi lacchè attraverso la guerra di classe contro il capitale e i suoi Stati.

Nella chiusura di queste impressionanti attività, le notizie sulla portata del primo giorno di sciopero in Francia contro la riforma del lavoro nelle ferrovie servirono da ratifica delle risoluzioni discusse. Nella lotta contro la guerra imperialista, il nemico si trova nel proprio paese. Una vittoria del proletariato francese contro Macron sarebbe un grande colpo contro le guerre in cui l’imperialismo francese è impegnato nel Medio Oriente e nel Nord Africa, insieme al resto dei suoi compari imperialisti. Rafforzerebbe le prospettive di una vittoria della classe operaia argentina contro i tentativi simili di Macri.

L’imperialismo sa bene che la continuazione delle sue guerre richiede lo schiacciamento dei suoi stessi popoli attraverso stati di polizia e anche fascisti. Ciò trasforma la guerra contro la guerra imperialista in una mobilitazione internazionale.

Mentre la guerra è la risorsa finale ed estrema dell’imperialismo per conservare il sistema di sfruttamento in un regime di barbarie, l’altro polo è la rivoluzione – la rivoluzione socialista internazionale – che emerge anche come una risorsa insostituibile per schiacciare la barbarie e riorganizzare la società su basi veramente umane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...