Nicaragua: Macri dovrebbe guardarsi le spalle

Di Jorge Altamira

Appena una settimana prima delle massicce manifestazioni popolari in Nicaragua, il governo di Daniel Ortega ha ricevuto il premio per il “miglior progetto di investimento straniero” (Forbes, 11/4). “Il riconoscimento” è avvenuto in occasione dell’Annual Investment Meeting di Dubai, Emirati Arabi Uniti. L’insolita onorificenza per un governo che pubblicizza il suo status “nazionale e popolare” non si è ridotta a una celebrazione occasionale, perché secondo le stesse informazioni, “il più innovativo progetto di investimenti esteri diretti in America Latina e nei Caraibi”, è il “programma di investimenti PRONicaragua” che il governo sandinista promuove con risorse fiscali.

In questo contesto si deve caratterizzare l’enorme reazione che la “riforma pensionistica” imposta quasi una settimana fa dal decreto di Daniel Ortega ha suscitato nella popolazione e soprattutto nei giovani universitari. La riduzione delle pensioni del 5% e l’aumento dei contributi personali (dal 6,25% al 7%) e dei contributi a carico del datore di lavoro (dal 19 al 22,5%) non solo hanno suscitato una rivolta dei settori popolari, ma hanno anche provocato la rottura del patto governativo in vigore da oltre un decennio tra il grande padronato, riunito nel Consiglio Superiore delle Imprese Private, e l’orteguismo. La “riforma”, tuttavia, è stata “raccomandata” dall’FMI per coprire un deficit di 75 milioni di dollari nella previdenza sociale. La stessa Previdenza Sociale che presta il suo fondo di garanzia per sovvenzionare il “PRONicaragua” che gli investitori internazionali accolgono con piacere.

“I manifestanti sono stati convocati dal potente Consiglio Superiore delle Imprese Private (Cosep) – dicono le agenzie Clarín e La Nación (24/4) – che è stato un alleato di Ortega negli undici anni del suo mandato, ma che dopo la riforma del sistema pensionistico è diventato un’entità di opposizione”. In questo modo, il grande padronato, al quale si è unita l’Unione dei produttori agricoli, è diventato la direzione politica della mobilitazione popolare. Costretto dalla rivolta generalizzata ad abrogare il decreto sulle pensioni, Daniel Ortega ha chiesto il “dialogo” con gli impresari, che sono stati felici di respingerlo fino a quando ” non saranno stati rilasciati tutti i prigionieri “. Il Cosep è affiancato dal clero del Nicaragua, dalle università private e dall’ambasciata degli Stati Uniti. “Ho aperto il mio cuore a loro e mi hanno risposto con il mio portafoglio”, ha detto il ministro di Alfonsín, Juan Carlos Pugliese, trent’anni fa, di fronte a un inconveniente simile. Il Nicaragua è uno degli obiettivi ambiti dalla Cina, che all’epoca si è offerta di costruire un canale tra i Caraibi e il Pacifico, con il disappunto, provvisorio, degli Stati Uniti.

La direzione politica delle mobilitazioni non è contesa da nessun’altra organizzazione, al di fuori del fronte patronale-clerico-universitario. Questo è il cuore della situazione in Nicaragua. Questo fronte non chiede l’allontanamento della famiglia Ortega dal governo, perché non ha ancora messo insieme un’alternativa politica che la rimpiazzi. Resta aperta una transizione politica cruciale. I media stanno cercando di presentare questo acefalia della leadership come qualcosa di positivo, con l’intenzione di evitare che si generi una differenziazione politica. Il fronte unico tra il grande padronato, da un lato, e il popolo per le strade, dall’altro, nasconde la contraddizione tra la classe sociale che per dieci anni ha sostenuto l’orteguismo e una massa di lavoratori e giovani che hanno dato libero sfogo all’indignazione che hanno accumulato nel corso del decennio.

La brutalità della repressione esercitata dall’orteguismo, che però si sarebbe subito ritirato abrogando il decreto, ha messo in luce il banditismo politico del sandinismo. Il fatto è che, accanto ai brutali attacchi della polizia e dell’esercito contro i manifestanti, hanno operato “milizie” del partito ufficiale, il che non ha nulla a che vedere, naturalmente, con “l’armamento delle masse”. Nei fatti, il Nicaragua è governato da un regime monopartitico. Queste “milizie” non sono l’arma di resistenza “nac & pop” all'”offensiva neoliberale”, ma uno strumento contro le masse e contro lo sforzo di sviluppare un’alternativa indipendente dei lavoratori al governo dei padroni che viene premiato a Dubai.

 

Il crollo del sistema pensionistico nicaraguense rivela che governi di diverse tendenze in America Latina sono nella stessa condizione – la crisi senza via d’uscita della dominazione politica capitalista in America Latina, nel contesto dell’impasse economica e politica globale. Il logoramento dei Macri e degli Ortega, dei Maduro e dei Kuczinski, dei Piñera e dei Lula, ha la base storica comune della decadenza capitalista.

 

Macri dovrebbe guardarsi alle spalle.

42012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...