RISOLUZIONE SULLA POLITICA MILITARE PROLETARIA

tr

Questo testo è  tratto dal Bollettino del Socialist Workers Party, Politica Militare Proletaria,  bollettino non datato pubblicato dal Dipartimento nazionale dell’educazione del  S. W.P. . La risoluzione è stata adottata in una conferenza plenaria tenutasi a Chicago dal 27 al 29 settembre 1940. La risoluzione è stata pubblicata anche su  Socialist Appeal del 5 ottobre 1940.

Trotsky e la direzione del Socialist Workers Party dal 1939 discutono concretamente per adeguare la politica militare di Lenin formulata nel suo scritto del 1916, “Il Programma militare della rivoluzione proletaria”. In questo scritto Lenin polemizza contro le tesi favorevoli alla rivendicazione del disarmo e contro Junius (Rosa Luxemburg) che negava “ogni possibilità di guerre nazionali sotto l’imperialismo”.  Lenin  sosteneva il lavoro militare clandestino nell’esercito, una delle condizioni per trasformare la guerra imperialista in guerra civile. Questa trasformazione ha come condizione gli antagonismi che sorgono negli eserciti di leva e che Lenin illustra con straordinaria vivacità e chierezza:

<< Che faranno contro di ciò le donne proletarie? Si accontenteranno di maledire ogni guerra e tutto ciò che è inerente alla guerra e di esigere il disarmo? Mai le donne mai una classe oppressa veramente rivoluzionaria accetteranno una funzione così vergognosa. Esse diranno ai loro bambini: “Presto tu sarai grande. Ti daranno un fucile. Prendilo e impara a maneggiare le armi. E’ una scienza necessaria ai proletari. Ma non per sparare sui tuoi fratelli, gli operai degli altri paesi, -come si fa nella guerra attuale, e come ti consigliano di fare i traditori del socialismo, – ma per lottare contro la borghesia del tuo proprio paese, per mettere fine allo sfruttamento, alla miseria e alle guerre, non formulando pii desideri, ma riportando la vittoria sulla borghesia e disarmandola. ”
Se ci rifiutiamo di fare questa propaganda, e di farla appunto in legame con la guerra attuale, allora è meglio astenersi totalmente dalle grandi parole sulla socialdemocrazia rivoluzionaria internazionale, sulla rivoluzione socialista,sulla guerra alla guerra>>.

L’orientamento da assumere sugli eserciti di leva è discusso da Trotsky con i compagni dello SWP nel giugno del 1940:

<< Trotsky – Lo stato oggi sta organizzando enormi macchine militari con milioni di uomini. Non saremo in grado di avere per molto tempo le limitate possibilità offerte dalle Guardie di Difesa: avremo le ampie possibilità offerte dallo stesso Stato borghese;

Cannon- Questo può assumere la forma di risoluzioni nei sindacati? Abbiamo bisogno di attrezzature, d’istruzione militare? Come facciamo non essere confusi con i patrioti?

Trotsky- Soprattutto all’inizio non eviteremo una parziale confusione. Ma tutta la nostra agitazione, la poniamo su una base di classe. Siamo contro gli ufficiali borghesi che ci trattano come bestiame, che ci fanno carne da macello. D’altra parte, a differenza degli ufficiali borghesi, ci preoccupiamo che i lavoratori vengano uccisi. Vogliamo ufficiali dei lavoratori. Possiamo dire ai lavoratori: siamo pronti per la rivoluzione, ma non voi. Ma in questa situazione, vogliamo i nostri ufficiali dei lavoratori, vogliamo scuole speciali per i lavoratori che ci insegneranno ad essere ufficiali. All’inizio la stampa borghese esiterà. Forse sosterrà anche l’idea. Ma se le linee di classe sono chiaramente tracciate, lei si preoccuperà e ci attaccherà>>.

Non esistono “pensieri strategici” o “antistrategici” come scrive Albamonte.  Esistono, invece, la strategia del proletariato rivoluzionario e la strategia della borghesia dominante.

 

Nanni  Solinas-Ruju

 

RISOLUZIONE SULLA POLITICA MILITARE PROLETARIA

1)Il capitalismo ha gettato il mondo in un orribile vortice di guerra e militarismo. Ciò prova non la vitalità del capitalismo, ma la sua debolezza fatale, la sua incapacità di riconquistare la stabilità. L’epoca dell’agonia della morte del capitalismo e dell’inizio della trasformazione sociale è un’epoca di militarismo universale.  Può essere eliminato solo con la vittoria definitiva del proletariato. Questa è la caratteristica essenziale dell’attuale situazione mondiale.

  1. L’intervento degli Stati Uniti nella presente guerra, o il suo scontro con una Germania vittoriosa o il Giappone in una data successiva, è predeterminato da tutte le circostanze. Tutti i leader realistici del capitalismo americano lo capiscono chiaramente. Solo alcuni sciocchi pacifisti hanno qualche dubbio al riguardo. I due gruppi principali nel campo dell’imperialismo americano – gli interventisti e i cosiddetti isolazionisti – differiscono solo per quanto riguarda la strategia militare. Entrambi sono d’accordo sulla politica di preparazione per combattere e prendere. Lo stupendo programma di armamenti adottato dal Congresso ha e può avere un solo significato: l’aggressione militare nel prossimo futuro su scala mondiale.
    La questione se l’imperialismo tedesco, avendo conquistato l’Europa, possa o non possa “attaccare” gli Stati Uniti, non ha nulla a che fare con il vero problema. L’esistenza stessa di un potere imperialista aggressiva e in espansione nel mondo moderno è un “attacco” agli altri. Gli Stati Uniti, come potenza imperialista che ha le sue basi in tutto il mondo, vengono “attaccati” ovunque da un potere rivale cerca di conquistare un mercato, un pezzo di territorio o una sfera di influenza.
    Il fatto che gli Stati Uniti intervengano direttamente nella presente guerra europea, o che diano il via all’ azione militare su un altro punto, è solo una considerazione secondaria nella valutazione della prospettiva. Il vero corso è chiaro: l’imperialismo americano si sta preparando con tutta la velocità possibile per mettere la sua forza e la sua debolezza alla prova della guerra su una scala colossale.

                                               La lezione fondamentale

3. Nell’epoca del militarismo, le grandi questioni possono essere decise solo con i  mezzi militari: questa è la lezione fondamentale degli sviluppi della guerra attuale.
Gli agenti e gli apologeti dell’imperialismo democratico – i socialdemocratici, i centristi, i riformisti sindacali e i pacifisti – riempiono l’aria di lamenti per le vittorie militari di Hitler e diffondono i sentimenti di pessimismo e prostrazione.
Noi quarta internazionalisti mettiamo da parte questi traditori e mercanti di panico con odio e disprezzo. Il nostro compito è accertare ciò che è stato distrutto e ciò che è stato dimostrato dagli eventi epocali in Europa e trarre le conclusioni necessarie per la lotta futura.

                                 Il riformismo non può vivere oggi

In primo luogo, le vittorie della macchina da guerra fascista di Hitler hanno distrutto ogni plausibile base dell’illusione che una seria lotta contro il fascismo possa essere condotta sotto la guida di un regime democratico borghese. La guerra in Europa, come in precedenza nella prova spagnola, ha mostrato  il marciume e la spregevole codardia e l’avidità di tutto lo strato dominante dei democratici borghesi. Non sono disposti a sacrificare nulla se non la vita delle masse ingannate. Per salvare le loro vite personali e le loro proprietà erano pronti in un paese dopo l’altro a capitolare al fascismo e cercare la sua protezione contro l’ira della loro stessa gente.
Non meno completa e devastante è stata la distruzione del tradizionale movimento operaio riformista. Nel migliore dei casi, questo movimento tradizionale – i partiti e i sindacati – era di carattere pacifista. Cioè, è stato progettato per la pace, non per la guerra. Partiti che si sono limitate a protestare contro gli orrori della guerra e non hanno seriamente condotto una lotta per il potere per porre fine al sistema che causa la guerra – tali partiti erano completamente indifesi quando furono sottoposti alla prova della guerra. Lo stesso si è verificato per i sindacati. Tutti i concetti di progresso pacifico, graduale, riformista all’interno del quadro del capitalismo, e tutti i partiti e le organizzazioni che rappresentavano questi concetti in qualsiasi grado, sono stati distrutti come un castello di carte.

Solo il  bolscevismo si leva

La guerra in Europa ha ancora una volta, e più categoricamente che mai, posto l’alternativa fondamentale dell’epoca delle guerre e delle rivoluzioni: o la dittatura del capitalismo fascista, o la dittatura del proletariato. Il tentativo dei lavoratori europei sotto l’influenza delle burocrazie sindacali riformiste , di trovare nel capitalismo democratico una terza alternativa, portò alla catastrofe. La terza alternativa è stata distrutta nel sangue e nel fuoco. Ma il programma della lotta dei lavoratori per il potere non è stato distrutto. Quando i lavoratori europei risorgeranno  – quel programma sarà la loro bandiera. Queste sono le lezioni fondamentali della guerra.
4.Solo il bolscevismo, che mira a dirigere il movimento operaio verso la conquista del potere politico con mezzi rivoluzionari, si alza e si rafforza sotto la prova dei grandi nuovi eventi. La guerra e il militarismo, che schiacciano tutte le altre organizzazioni e screditano tutti gli altri programmi, sono  una nuova conferma  delle previsioni del bolscevismo. Nell’epoca  del militarismo hanno spazio solo i partiti che ispirano gli operai a disprezzare tutte le mezze misure,  a non fermarsi davanti a nulla. Questi sono partiti di un nuovo tipo che non hanno nulla in comune con i partiti riformisti-pacifisti del movimento operaio tradizionale. Tale partito è Socialist Workers Party . Il suo programma può essere considerato in una frase: dittatura del proletariato.

Liberarsi del pacifismo

5.La certezza che anche gli Stati Uniti saranno dominati dal militarismo mette alla prova  il partito( SWP) con la categorica necessità di liberarsi da ogni residuo di tendenze pacifiste  piccolo-borghesi   e di concezioni derivate dal passato, in particolare dalla sinistra socialdemocratica. Il pacifismo è un veleno debilitante nel movimento operaio. Il pacifismo, in tutte le sue forme, non è altro che una protesta in tempo di pace contro la guerra; di fronte alla guerra vera, spinge i lavoratori come pecore, disarmate, indifese e senza un programma, al massacro. Nella nostra epoca, che è completamente dominata dal militarismo, le proteste negative contro la guerra non servono a nulla. Il proletariato richiede un programma positivo che consideri i fatti della guerra e del militarismo, i tratti caratteristici del capitalismo in decadenza, come punto di partenza per le azioni pratiche.
Il primo impatto della guerra in Europa rivelò una tendenza centrista piccolo-borghese nel  SWP che prese forma come una fazione. Sotto la guida di Burnham e Shachtman questa fazione minoritaria intraprese una lotta dirompente nel partito e tentò di rovesciare le dottrine marxiste in favore di improvvisazioni giornalistiche. La lotta dirompente della fazione Burnham-Shachtman culminò nella diserzione del partito in un tipico rinculo piccolo-borghese contro la disciplina della maggioranza proletaria del partito. L’aperto ripudio del socialismo da parte di Burnham in meno di due mesi dopo che aveva abbandonato il partito, era il seguito logico del corso che seguì nella lotta del partito. Il tradimento del socialismo di Burnham confermò fino in fondo la caratterizzazione che fece il partito di questo ciarlatano e della fazione piccolo-borghese che organizzò e manovrò per una scissione. Dal momento della “convention” del partito, la fazione secessionista si è evoluta costantemente nella direzione del tradizionale antimilitarismo socialista di sinistra, che in fondo è solo una forma di pacifismo. La risoluta lotta della maggioranza del partito contro la fazione di Burnham-Shachtman e la sua decisiva vittoria nella lotta furono le condizioni necessarie per la sopravvivenza del partito. Un implacabile lotta ai disertori su ogni punto non è meno necessario. Il partito non può avere il minimo motivo di conciliazione su qualsiasi punto con la fazione di disertori ispirati dalla paura piccolo-borghese di fronte alle realtà e alle complessità della guerra in via di sviluppo.

 

 

                     Adattare le nostre tattiche alla guerra

La guerra imperialista non è la nostra guerra e il militarismo dello stato capitalista non è il nostro militarismo. Non appoggiamo la guerra e il militarismo degli imperialisti più di quanto non appoggiamo lo sfruttamento capitalista dei lavoratori nelle fabbriche. Siamo contro la guerra nel suo complesso, proprio come noi siamo contrari al dominio della classe che lo conduce, e mai in nessuna circostanza votiamo per dare loro alcuna fiducia nella loro condotta di guerra o preparazione per essa, non un uomo, non un cent, non una pistola con il nostro supporto. La nostra guerra è la guerra della classe lavoratrice contro l’ordine capitalista. Ma solo con le masse è possibile conquistare il potere e stabilire il socialismo; e in questi tempi le masse nelle organizzazioni militari sono destinate a svolgere il ruolo più decisivo di tutti. Di conseguenza, è impossibile influenzare il corso degli eventi con una politica di astensione. È necessario prendere il militarismo capitalista come una realtà consolidata che non siamo ancora abbastanza forti da abolire e adattare le nostre tattiche pratiche ad esso. Il nostro compito è proteggere gli interessi di classe dei lavoratori nell’esercito non meno che nella fabbrica. Ciò significa partecipare alla macchina militare per fini socialisti. I rivoluzionari proletari sono obbligati a prendere posto accanto agli operai nei campi di addestramento militare e sui campi di battaglia come nella fabbrica. Stanno fianco a fianco con le masse di soldati-operai, avanzano sempre e in ogni circostanza il punto di vista indipendente della classe, e si sforzano di conquistare la maggioranza all’idea di trasformare la guerra in una lotta per la loro emancipazione socialista

                                           Andiamo dove vanno i lavoratori

In condizioni di militarizzazione di massa, l’operaio rivoluzionario non può sottrarsi allo sfruttamento militare più di quanto non possa sfuggire allo sfruttamento in fabbrica. Non cerca una soluzione personale al problema della guerra sfuggendo al servizio militare. Questo non è altro che un abbandono del dovere di classe. Il rivoluzionario proletario va con le masse. Diventa un soldato quando diventano soldati e va in guerra quando vanno in guerra. Il rivoluzionario proletario si sforza di diventare il più abile tra i soldati-operai e dimostra in azione che è più interessato al benessere generale e alla protezione dei suoi compagni. Solo in questo modo, come nella fabbrica, il rivoluzionario proletario può conquistare la fiducia dei suoi compagni d’armi e diventare un leader influente tra loro.
Le guerre totali intraprese dai moderni imperialisti, e allo stesso modo i preparativi per tali guerre, richiedono un addestramento militare obbligatorio non meno che l’appropriazione di enormi fondi e la subordinazione dell’industria alla fabbricazione di armamenti. Finché le masse accettano i preparativi di guerra, come è indubbiamente il caso negli Stati Uniti, la mera agitazione negativa contro il bilancio militare e la coscrizione non può, da sola, produrre risultati seri. Inoltre, dopo che il Congresso aveva già stanziato miliardi di dollari per gli armamenti ed era certo di passare un bilanco della coscrizione senza un’opposizione seria, tale agitazione negativa contro la coscrizione era in qualche modo tardiva e facilmente degenerata in pacifismo dalla bocca sottile. Ciò si è verificato con le organizzazioni (i socialisti di Tommaso, i lovestone, ecc.) Affiliati con l’assurdo conglomerato che si definisce “Comitato per  mantenere la guerra in America” ​​- uno strumento vile e infido degli imperialisti “democratici”. L’ipocrisia del loro pacifismo è indicata dal fatto che, contemporaneamente, si dichiarano a favore della vittoria della Gran Bretagna. Altrettanto ingannevole è l’agitazione puramente pacifista degli stalinisti, impiegati oggi a nome della politica estera di Stalin sotto il patto Hitler-Stalin; e alcuni saranno abbandonati domani quando Stalin ordinerà, se riterrà necessario cambiare partner. Il pacifismo di Browder e il pacifismo di Thomas derivano da radici diverse ma sono identici nel loro tradire gli interessi della classe operaia. Sotto il dominio di un imperialismo moderno che sta già armando fino ai denti, una lotta astratta contro il militarismo è nel migliore dei casi donchisciottesca.

 

                Il nostro programma per questo periodo

La strategia rivoluzionaria può essere solo prendere questo militarismo come realtà e contrapporre un programma di classe del proletariato al programma degli imperialisti in ogni punto. Combattiamo contro l’invio di soldati-operai in battaglia senza un adeguato addestramento e attrezzatura. Ci opponiamo alla direzione militare dei soldati-operai da parte degli ufficiali borghesi che non hanno riguardo per il loro trattamento, la loro protezione e la loro vita. Chiediamo fondi federali per l’addestramento militare di lavoratori e lavoratori-ufficiali sotto il controllo dei sindacati. Stanziamenti militari? Sì, ma solo per l’istituzione e l’equipaggiamento dei campi di addestramento dei lavoratori! Addestramento militare obbligatorio dei lavoratori? Sì, ma solo sotto il controllo dei sindacati!
Tali sono gli slogan concreti necessari per lo stadio attuale della preparazione dell’imperialismo statunitense alla guerra nel prossimo futuro. Costituiscono un programma di transizione militare che integra il programma politico generale di transizione del partito.
L’imperialismo statunitense si prepara alla guerra, materialmente e ideologicamente, senza aspettare di decidere in anticipo la data in cui inizieranno le ostilità o il punto preciso di attacco. Anche l’avanguardia dei lavoratori deve prepararsi alla guerra senza dipendere da risposte speculative a queste domande secondarie. La militarizzazione del paese in preparazione alla guerra si sta verificando sotto i nostri occhi. Tutto il nostro lavoro e i nostri piani per il futuro devono essere basati su questa realtà.

                     Il futuro ci appartiene

Le prime fasi della militarizzazione e della guerra presentano enormi difficoltà al nostro partito perché dobbiamo nuotare controcorrente. Il partito sarà testato in via preliminare per la sua capacità di riconoscere queste difficoltà e rimanere fermo quando la lotta è dura e il progresso lento. Solo un partito fortificato dai grandi principi e dalle associazioni mondiali della Quarta Internazionale potrà farlo.
Non siamo una partito come gli altri partiti. Noi soli siamo dotati del programma scientifico del marxismo. Solo noi conserviamo una fiducia incrollabile nel futuro socialista dell’umanità. Noi soli siamo pronti a  scontrarci con il militarismo universale del capitalismo in decadenza alle sue stesse condizioni e condurre di conseguenza la lotta del proletariato per il potere.
La guerra nel suo corso distruggerà completamente tutti gli altri partiti operai, tutti i movimenti  incoerenti. Ma non farà altro che rafforzare  il partito in buona fede della Quarta Internazionale e aprire la strada alla sua crescita e alla sua eventuale vittoria.
Il futuro appartiene al partito della dittatura del proletariato, il partito della Quarta Internazionale. Deve avere solo fiducia in se stesso, tenere duro, scavare e preparare il futuro.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...