Breve relazione sulla situazione dei lavoratori e delle lavoratrici in Iran

Rassegna maggio 2017 – maggio 2018

Di Ramin Javan

 

In Iran, tutti gli eventi non governativi e le attività delle organizzazioni dei lavoratori indipendenti sono vietati dal regime islamico in questo giorno.

I lavoratori e le lavoratrici lottano da più di un secolo (dal 1905 con la fondazione del sindacato degli stampatori) per ottenere, come loro legittimi diritti, retribuzioni e condizioni di lavoro eque. Tutti i precedenti tentativi di creare un movimento indipendente, sindacale e nazionale per promuovere gli interessi comuni sono stati repressi. I precedenti regimi dittatoriali (dinastia dello Scià e Repubblica islamica) sconfissero il movimento operaio e cercarono di mettere sotto controllo la propria organizzazione attraverso la nazionalizzazione.

Le sanzioni internazionali derivanti dal programma nucleare del regime islamico e la cattiva gestione e la corruzione dei governi in evoluzione negli ultimi decenni hanno esacerbato la crisi e peggiorato la situazione economica della maggior parte della popolazione iraniana. I lavoratori ne sono stati particolarmente colpiti.

Quando ha partecipato per la prima volta alle elezioni presidenziali sei anni fa, Rohani ha promesso di alleviare la difficile situazione economica di molte famiglie revocando le sanzioni internazionali e creando una svolta economica. Nonostante l’accordo nucleare con l’Iran, non vi sono ancora segnali positivi di un’inversione di tendenza. La Banca Mondiale riferisce in uno studio che la povertà e la disuguaglianza di reddito sono aumentate dall’inizio del mandato di Rohani, nonostante il raddoppio delle esportazioni di petrolio e l’aumento del prodotto interno lordo dell’Iran. Secondo la dichiarazione delle 5 organizzazioni dei lavoratori indipendenti dallo Stato iraniano, l’anno 97 (che corrisponde all’anno civile dal 21.03.18 al 20.03.19) inizia con un salario minimo che è quattro volte inferiore alla soglia di povertà. Il costo reale di una famiglia di quattro persone è di 5 milioni di tuman (830 euro) al mese, ma il salario minimo è fissato dal governo a 1,14 milioni di tuman (190 euro). Oltre l’80% dei lavoratori iraniani che lavorano all’interno del paese deve quindi vivere al di sotto della soglia di povertà. Questo deterioramento colpisce in particolare le donne.

Il 15-17 per cento delle lavoratrici non solo è discriminato nella società sulla base di basi giuridiche fondamentaliste, religiose e patriarcali, ma è anche vittima di molestie sessuali sul lavoro e percepisce una retribuzione inferiore a quella dei colleghi uomini. Molte donne sono state espulse dalle grandi aziende agricole e cacciate dalle piccole aziende agricole con salari bassi e arbitrarietà misogina.

Sebbene il lavoro minorile sia stato vietato da quando l’Iran ha firmato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti del bambino, milioni di bambini devono ancora lavorare. La situazione di questi bambini è preoccupante.

Mentre lo Stato parla di 2 milioni di bambini, le statistiche non ufficiali presuppongono che fino a 7 milioni di bambini lavorino come salariati. La maggior parte di loro lavora illegalmente per strada. Lavorano come lustrascarpe, pulendo i finestrini delle auto al semaforo o negli ingorghi. Gli altri che non lavorano per strada sono spesso impiegati nell’edilizia o in fabbriche di borse, dove non guadagnano nemmeno 50 euro al mese. Non sono coperti da assicurazione medica e non sono soggetti alla legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro. Inoltre, non sono protetti da aggressioni sessuali.

In contrasto con le promesse, il tenore di vita ha continuato a peggiorare nel secondo mandato di Rohani. Non passa settimana senza una protesta dei lavoratori in Iran. Le ragioni sono da ricercarsi nei ritardi di pagamento dei salari e nella mancanza di certezza del diritto (l’80% dei lavoratori ha contratti a breve termine). Questo atteggiamento antioperaio del governo si basa su una politica orientata verso gli investitori nazionali ed esteri, fornendo una forza lavoro disciplinata e a basso costo con la speranza di migliorare la situazione economica.

Secondo il Ministero dell’Interno, l’anno scorso sono state registrate 1700 proteste, di cui diverse centinaia di vertenze sindacali. Lottano su due livelli: da un lato a causa dei salari non pagati e delle incertezze giuridiche e, dall’altro, per la formazione di una comunità indipendente di interessi dei lavoratori in Iran.

Dopo la firma dell’accordo sul nucleare, l’attesa ripresa economica non si è concretizzata è il promesso miglioramento delle condizioni di vita catastrofiche di ampie fasce della popolazione non si è concretizzato. Uno dei motivi è rappresentato dagli Stati Uniti, che stanno destabilizzando le banche occidentali e le grandi imprese, impedendo loro di investire in Iran. Soprattutto da quando Donald Trump ha assunto il governo. Ma non è questa la ragione principale del protrarsi delle crisi: cattiva gestione, corruzione, un’amministrazione statale fatiscente e infine l’arbitrarietà dei governanti della Repubblica islamica dell’Iran impediscono una ripresa economica o anche solo un miglioramento delle loro misere condizioni di vita, che possa essere avvertito dalla popolazione.

Il disprezzo per le legittime richieste e la repressione delle proteste contro questi abusi da parte del governo hanno portato ad un insieme di rabbia esplosiva e di insoddisfazione che alla fine dello scorso anno ha travolto il paese sotto forma di rivolta. La forza delle critiche di migliaia e migliaia di uomini e donne emarginati e privati dei diritti civili è stata così forte da scuotere e paralizzare l’intero sistema. Le masse in protesta hanno assediato per giorni gli spazi pubblici e paralizzato l’intero apparato repressivo. “Abbasso Khamenei”, “Abbasso la dittatura”, “Abbasso la Repubblica Islamica” erano gli slogan dei manifestanti per le strade. Questa rivolta contro lo Stato islamico in diverse regioni è stata sostenuta principalmente da giovani donne e uomini, dai disoccupati e dai commercianti di strada, nonché da studenti, donne e movimenti sindacali. Questo ha segnato l’inizio della fine del regime totalitario islamico. Dopo aver superato lo shock, come negli anni precedenti, i governanti hanno schiacciato questa rivolta sociale con metodi brutali, uccidendo 30 persone e arrestandone più di 5.000. Può darsi che le Guardie rivoluzionarie islamiche e le organizzazioni paramilitari e i loro servizi segreti abbiano represso la rivolta per adesso. Ma i rapporti quotidiani sono la prova che in diverse città del paese diversi gruppi sociali continuano le loro proteste come i lavoratori, che continuano a reclamare i salari non pagati, o le donne, che fin dall’inizio del movimento di protesta nel loro modo creativo hanno denunciato l’abolizione del codice di abbigliamento come simbolo del totalitarismo patriarcale. Tutte queste forme di resistenza chiariscono che il messaggio di rivolta ha raggiunto la società: la Repubblica islamica non può essere riformata! I lavoratori e i sostenitori della rivolta sono ora consapevoli che l’affermazione dei loro diritti e delle loro rivendicazioni, quali il diritto di sciopero, la libertà di espressione e la formazione di sindacati liberi e indipendenti, è possibile solo nell’ambito di relazioni di libero potere democratico con una separazione tra Stato e religione. Tuttavia, la realizzazione di questa possibilità presuppone l’abolizione del regime islamico.

 

 

 

 

40763

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...