“Noi lottiamo per questo diritto come parte della lotta contro ogni sfruttamento”.

L’intervento completo di Romina Del Plá nel dibattito sull’aborto legale e la separazione della Chiesa dallo Stato.

Romina Del Plá, deputata del Partido Obrero-Frente de Izquierda e quarta firmataria del disegno di legge presentato dalla Campagna per l’aborto legale, sicuro e gratuito, è intervenuta nella sessione della Camera dei Deputati evidenziando che questo dibattito è il prodotto delle enormi lotte del movimento delle donne e inquadrando il voto del FIT per il parere di maggioranza [dell’assemblea plenaria delle commissioni, N.d.T.] nella lotta per la “completa emancipazione delle donne”, di pari passo con la lotta contro “questo regime di sfruttamento, di aggiustamento, di fame e miseria”, per un governo dei lavoratori.

La deputata ha avvertito che anche con la legalizzazione la battaglia per questo diritto continuerà, di fronte alle manovre già anticipate dalle istituzioni clericali, e ha sollevato la necessità della separazione della Chiesa dallo Stato, sottolineando che “il capitalismo usa le istituzioni religiose per dominare e mantenere le masse nella sottomissione”.

 

Il discorso completo

“Siamo arrivati a questo momento storico grazie a una grande mobilitazione popolare che si sta svolgendo in tutto il paese, che è in corso da decenni, ma che molti hanno avvertito a partire dal NiUnaMenos [Non una di meno, N.d.T.]. E questa lotta ha un obiettivo: porre fine a migliaia di morti e mutilazioni dovute ad aborti clandestini, e porre fine ad uno strumento dello Stato contro le maggioranze popolari, che cerca di disciplinare e stabilire le basi del dominio di gran parte della popolazione secondo i principi della tutela, della discriminazione legale, dell’imposizione di ruoli alle donne.

“E questo è molto di ciò che stiamo discutendo qui, perché vediamo come questa ondata verde abbia a che fare con la rottura di questa tutela della Chiesa e dello Stato. Facciamo parte di questa lotta come parte della lotta per l’emancipazione delle donne, di pari passo con la lotta contro ogni forma di sfruttamento dell’uomo da parte dell’uomo. Da questa posizione voteremo per il parere di maggioranza a favore della legalizzazione dell’aborto”.

“L’aborto clandestino è uno strumento di controllo sociale, come la xenofobia, che compare improvvisamente quando si tratta di incolpare gli stranieri di alcuni paesi per quello che stiamo vivendo in una crisi economica – chiaramente non quelli che comandano le loro aziende monopolistiche. Come il razzismo o l’omofobia o l’odio verso altre scelte di genere, oggi incarnati nella persecuzione di Joe Lemonge, Mariana Gomez o Higui, tra gli altri casi”.

” Ciò che coloro che voteranno contro questa legge sono così determinati a mantenere intatto è questo regime di controllo sociale rappresentato dall’aborto clandestino. Votano per la morte delle donne, per le migliaia di mutilazioni, naturalmente per gli affari delle cliniche private, e per tutto il regime di tutela dello Stato, della Chiesa e dei governanti, che ora spingono la Chiesa e i suoi deputati a votare contro.

“Non è un caso: questo regime di sfruttamento, di adattamento, di fame e di miseria ha bisogno di queste risorse disciplinari. Per questo Mario Poli [arcivescovo di Buenos Aires, N.d.T.], nel Tedeum del 25 maggio, ha detto che “ogni crisi è affrontata con una buona dose di religione”, per offrire le risorse della Chiesa nell’invitare a rassegnarsi allo sfruttamento le grandi maggioranze popolari che devono subire le conseguenze delle sue politiche, specialmente le lavoratrici.

 

“Ci è chiaro che questa legge non è sufficiente per rompere con tutta questa imposizione della Chiesa Cattolica sulla vita sociale. La realtà internazionale lo dimostra: è uno Stato all’interno di uno Stato, ha le proprie regole, agisce come vuole. Abbiamo visto tutti la dichiarazione della clinica Mater Dei che afferma che infrangerà le leggi perché sta già infrangendo alcune leggi, perché pensa di essere impunita nel superare anche le leggi esistenti, molte delle quali sono incomplete – che è ciò che permette loro di continuare a proteggere individui come Ilarraz, che per 25 anni ha abusato di minori ed è tuttavia perfettamente protetto dall’istituzione della sacrosanta Chiesa. È questa istituzione che nega la libertà delle donne”.

“Voglio essere chiara, perché è qui stato detto che “non era molto chiaro” per cosa lottiamo noi che difendiamo questa legge. Lo abbiamo detto con tutte le nostre forze: stiamo lottando per il diritto all’aborto legale, sicuro e gratuito, in modo che ci siano il minor numero possibile di aborti, per ridurre il numero di aborti oggi disponibili. Nessuna contraddizione, pura dialettica: se la clandestinità continua, continuiamo ad avere centinaia di migliaia di aborti, che alcuni – tra cui alcuni che sono qui – credono di poter nascondere sotto il tappeto. Dobbiamo legalizzare l’aborto, toglierlo dal codice penale – perché la criminalizzazione è già fallita – e includerlo come un problema di salute pubblica insieme all’educazione sessuale che è bloccata dagli stessi settori.

“Vorrei sottolineare anche che è falso che “ora nessuna è più penalizzata’ o che nessuna donna sia imprigionata: è una menzogna! La clandestinità e l’illegalità dell’aborto continuano ad essere uno strumento contro le donne, per imporre la solitudine già qui descritta, per imporre la colpa a chi decide per qualsiasi motivo di interrompere la gravidanza. Che ne parli Belen, 2 anni e mezzo di prigione per un aborto che non è mai stato praticato”.

“Qui si parla dell’entroterra del paese: bene, parliamo dell’entroterra, è il massimo di cui dobbiamo parlare. Perché è nelle province dell’entroterra che le donne sono più disciplinate, dominate e sottomesse, e tutto è coperto dalla sacrosanta difesa della Chiesa e della famiglia. Parliamo di Tucumán, che ci ha praticamente minacciato di lasciare il paese perché non si sarebbe conformato a nessuna legislazione se qui avessimo approvato l’aborto legale; che prima di vedere se curano una donna che viene all’ospedale sanguinando a morte, si preoccupano di come saranno perseguiti. Parliamo di Salta, che non aveva aderito al protocollo nazionale, che tiene i registri delle donne ricoverate per aborti clandestini, delle ragazze violentate e costrette a portare a termine la gravidanza. Parliamo di Mendoza, naturalmente, deputato Ramón, dove abbiamo una bambina di 10 anni che è costretta a continuare la gravidanza perché la legge dell’interruzione legale, già provata nel codice penale, nella sentenza della FAL e nel protocollo nazionale, non si applica [Applausi]. Parliamo di tutti i luoghi dove le donne sono sottomesse dai padroni, dal lavoro precario, dal diritto al lavoro di cui si è parlato qui, dalle violazioni anche massicce che poi sono giustificate in nome delle “considerazioni etniche”.

“Parliamo di chi forma i giudici, chi forma i medici, nelle province del nord dove queste professioni sono insegnate solo all’università cattolica. Naturalmente, parliamone, perché è di questo che dobbiamo sbarazzarci definitivamente”.

“Ci sono molti deputati che credono che il seggio appartenga a loro, anche violando il voto di chi li ha messi in questo luogo. È notevole: qui ci sono state rotture di gruppi parlamentari, persone che hanno cambiato il nome del gruppo, persone che hanno abbracciato la poltrona dicendo: “E’ mia” Per fare cosa? Per votare contro le donne! E altri che dicono di essere sotto pressione. Coloro che dicono di essere sotto pressione – sia dai loro governanti che dalla Chiesa – hanno due conclusioni da trarre: la prima è che in quei luoghi dove voteranno contro le donne, faremo chiaramente progredire organizzazioni come il Partido Obrero, il Frente de Izquierda – a Salta, a Mendoza, a Santa Fe… – perché siamo chiaramente gli unici che possono difendersi a fondo come donne. E il secondo aspetto è che le persone, i lavoratori, i giovani, stanno anche guardando chi sono i leader che vogliono avere: coloro che sono sotto pressione e non possono difendere il minimo principio? Per favore! Qui, nel Frente de Izquierda e nel Partido Obrero, siamo monolitici: abbiamo un programma e lo difendiamo. Quando vinciamo, quando perdiamo, quando le cose vanno bene o vanno male, perché difendiamo i lavoratori, le donne dalla sottomissione in ogni circostanza: ora che possiamo gridare e quando abbiamo dovuto essere in clandestinità, lottando contro la dittatura militare – che alcuni qui hanno il coraggio di parlare dei diritti che difendono – quando difendono i genocidi, e sono stati i giustificatori di ogni barbarie che è stata fatta in questo paese”.

“Qui abbiamo diversi pericoli. È stata inclusa l’obiezione di coscienza; non condivido questo aspetto, ma vorrei sottolineare che, parallelamente, nella discussione sulla la legge sui culti si sta discutendo l’obiezione di coscienza istituzionale o ideologica, e ciò condizionerà il funzionamento dell’istruzione e della sanità. Noi che ci battiamo per l’educazione sessuale laica e scientifica -quando alcuni di coloro che qui la ostacolano l’hanno appena scoperta-, abbiamo appena fatto passi avanti con l’approvazione di una legge che modifica l’attuale legge sull’educazione sessuale nella Provincia di Buenos Aires, in modo che l’educazione sessuale scientifica e laica possa essere realmente applicata.

 

“Voglio rivendicare il movimento delle donne, e voglio rivendicare soprattutto i giovani, le ragazze e i ragazzi che stanno dimostrando di volere una nuova società, una società in cui abbiano libertà, educazione sessuale, contraccezione. Ed è per questo che rivendico il diritto alla lotta, agli scioperi, alle occupazioni, alla mobilitazione, perché è il miglior tributo alla riforma universitaria del 1918.

” Uno dei primi passi che ha fatto la prima grande rivoluzione socialista della storia, un secolo fa in Russia, è stato quello di sancire il diritto all’aborto, il diritto delle donne di decidere del proprio corpo. Esigiamo questo processo perché è chiaro che per approfondire i diritti delle donne dobbiamo approfondire la lotta per i diritti dei lavoratori e degli sfruttati, per l’emancipazione da tutte le forme di sfruttamento, e questa è in definitiva la lotta per un governo dei lavoratori.

“Contraccettivi per non abortire, educazione sessuale deve decidere, l’aborto legale per non morire!42805

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...