La sinistra di fronte alla crisi mondiale

Di Pablo Heller

Tratto da “En Defensa del Marxismo” n°49 e ripubblicato nell’opuscolo “El renacimiento de la internacional”

“La Izquierda Diario” [giornale cartaceo e digitale del PTS, N.d.T.] pubblica un articolo di Claudia Cinatti, che cerca di rispondere all’articolo “Anticatastrofismo e politica democratizzante”, che ho scritto io, pubblicato su Prensa Obrera N° 1.428 (15/9). In essa abbiamo sviluppato una critica alle conclusioni politiche di una conferenza internazionale del PTS che si è svolta a Buenos Aires nell’agosto dello scorso anno.

Riassumendo la sua caratterizzazione della situazione mondiale, questa conferenza sostiene che si tratta di “una crisi globale ben più che congiunturale”. Si tratterebbe quindi di una crisi “strutturale”, ma il PTS, curiosamente, la priva di qualsiasi portata catastrofica. Il “catastrofismo” che questa corrente attribuisce al PO è denunciato ed etichettato come “metafisico”. Ma il denigrato catastrofismo non è altro che il riconoscimento delle tendenze intrinseche del capitale a dissolversi, cioè delle tendenze del capitalismo a crollare. Una “crisi globale” svincolata dalla sua dimensione catastrofica è come parlare di leone senza denti, perde la sua portata strategica. La conferenza della Frazione Troskista-Quarta internazionale (FT-QI), integrata dal PTS, presenta uno scenario mondiale in cui “il confronto tra rivoluzione e controrivoluzione”1 è assente quando stiamo attraversando una bancarotta capitalista senza precedenti, che è la fonte di crisi politiche nazionali e internazionali, e il fermento per la creazione di situazioni rivoluzionarie. Nella nostra critica abbiamo richiamato l’attenzione sul seguente punto: se questa dimensione viene scartata, la crisi non metterà a repentaglio l’attuale ordine sociale. In tale ottica, non possiamo parlare di crisi di potere. Tutto si riduce – come dimostrano le conclusioni del convegno in questione – ad una delegittimazione dei partiti tradizionali”, cioè ad una crisi di rappresentanza politica. Ogni crisi dell’insieme – “organica”, per dirla in termini petesiani [del PTS, N.d.T.] – solleva, se è davvero tale, una questione di potere; altrimenti è un’astrazione e un richiamo alla neutralità e alla passività.

 

Metafisica o catastrofe reale ed efficace

Quando Lenin sintetizza l’epoca imperialista, parla di “un periodo di guerre e rivoluzioni”, sottolineando così, che piaccia o meno al PTS, in termini catastrofici, il carattere della sua epoca. In altre parole, prevale l’antagonismo tra rivoluzione e controrivoluzione (la cui espressione più avanzata e scomposta è la guerra). La rivoluzione sociale è inscindibile dal catastrofismo, cioè dalle tendenze alla dissoluzione dei rapporti sociali capitalistici. Esprime che la contraddizione tra le forze produttive e i rapporti di produzione ha raggiunto il culmine e l’insormontabilità. Lo sviluppo delle forze produttive può farsi strada solo se è liberato dal suo involucro capitalistico.

Cinatti ci accusa di “metafisica catastrofica”, ma questo soprannome è valido per il PTS. Sradicate dalle sue basi materiali, le prospettive della rivoluzione socialista non vanno al di là di un’espressione di desiderio, di una questione morale. Cinatti oppone al catastrofismo alla necessità di fare “un’analisi concreta di una situazione concreta”, di rivolgersi all'”anima viva del marxismo secondo Lenin”. Non è la prima volta e non sarà l’ultima volta che si adotta un principio valido per prostituirlo o, come in questo caso, per renderlo ridicolo. L'”analisi concreta”, nelle mani di Cinatti, è la negazione di qualsiasi approccio alla situazione mondiale. La suddetta contesta il fatto che si possa parlare di crisi di potere e si chiede in modo sarcastico “dove si verifica, in tutto il mondo?

L’argomento è ridicolo, perché in politica, e nella vita in generale, i processi sono ben lungi dall’essere simultanei, il che non impedisce e tanto meno esclude la presenza di tendenze generali. Cinatti dovrebbe impugnare il “catastrofismo” di Lenin di quel “periodo di guerre e rivoluzioni” e rimproverare il rivoluzionario russo per la sua visione distorta, perché la rivoluzione non avviene dappertutto, figuriamoci simultaneamente. L’argomentazione di Cinatti non è solo infantile, ma implica anche una forte battuta d’arresto politica e teorica, perché, secondo il suo ragionamento, l’economia mondiale – caratteristica distintiva del capitalismo – scompare in ogni categoria ed è sostituita da una sommatoria delle economie nazionali. I processi politici nazionali vengono affrontati come se fossero compartimenti stagni, indipendenti l’uno dall’altro.

La cosa più notevole è che il catastrofismo continua ad essere messo in discussione mentre ci troviamo nel bel mezzo della catastrofe. Stiamo assistendo alla crisi più grave del capitalismo, superiore a qualsiasi crisi precedente, compresa quella del 1929/30. Il debito e il capitale fittizio sono dieci volte superiori al PIL mondiale, un’equazione insostenibile. L’economia mondiale è sull’orlo del fallimento. La crisi ha trascinato gli Stati e le loro banche centrali verso il basso. I soccorritori sono quelli che devono essere salvati. Nove anni dopo lo scoppio della Lehman Brothers, le munizioni per contrastare la crisi si sono esaurite.

Serve altro per riconoscere che siamo di fronte ad un disastro? Se questa non è una catastrofe, cosa è la catastrofe?

Il Partido Obrero non parla dell’esistenza di un’assurda “bancarotta permanente”, uno stadio che rimarrebbe indisturbato nei decenni. Questa è un’invenzione del PTS, un prodotto di Cinattti. L’autrice non pensa nemmeno che una “bancarotta permanente” sarebbe il contrario della catastrofe, perché una malattia che dura all’infinito cessa di essere terminale e diventa cronica.

Questo sguardo si avvicina alla caratterizzazione della situazione mondiale del PTS, ma non a quella del Partido Obrero. Non diamo un segnale uguale all’intero processo capitalista. Distinguiamo le fasi e, nell’ambito di tale approccio, identifichiamo l’attuale fallimento come una fase particolare, una nuova transizione nel quadro del declino storico del capitalismo. Ciò che sottolineiamo, al tempo stesso, è che queste fasi – compresa la crisi attuale – non sono anelli slegati, ma vedono un filo conduttore, sono fasi di una tendenza generale verso il collasso delle relazioni sociali capitaliste. Questa crisi è preceduta e preparata da crisi precedenti. Nel periodo che il PTS classifica come “restaurazione borghese” (su cui torneremo più avanti), si svolge il “lunedì nero” (1987), con un crollo spettacolare della Borsa di New York; l'”effetto Tequila” e il crollo della moneta messicana (1994), la crisi asiatica e la svalutazione a cascata delle monete della regione, il cui effetto si ripercuotono sull’economia mondiale nel suo complesso (1997); la crisi russa, che porta al crollo del rublo e del suo sistema bancario (1998); la crisi delle punto.com( 2000) e la crisi argentina del 2001. E nel mezzo l'”effetto Caipirinha”, come è stata chiamata la crisi brasiliana, che non va dimenticata. È stata una serie ininterrotta di scosse preliminari, che hanno annunciato il terremoto scoppiato nel 2008.

La bancarotta capitalista ha portato al fallimento di 40 governi in Europa nell’ultimo decennio. Il crollo dei regimi nazionalisti e progressisti in America latina ha le sue radici in questo stesso processo. L’onda d’urto attraversa gli Stati Uniti. Non è solo il destino di un governo, ma dell’intero regime politico, i suoi partiti e le sue istituzioni che si sono schiantati. Il Brexit è un segno delle profonde tendenze verso la dissoluzione dell’Unione europea. Non è superfluo sottolineare che l’Unione europea è la principale impresa controrivoluzionaria del dopoguerra, svolgendo un ruolo strategico nel processo di restaurazione capitalista dello spazio ex sovietico. La disintegrazione dell’Unione europea è un colpo decisivo all’ordine mondiale imperialista. Per non parlare del trionfo di Trump, che ha sconvolto i rapporti tra classi e nazioni su scala planetaria. Il PTS non si sposta. Ignorando questa prova schiacciante, Cinatti ci rimprovera di vedere una crisi di potere di portata mondiale. L’attuale fallimento ha esacerbato le tendenze alla guerra monetaria, commerciale, finanziaria e alla guerra stessa. Guerre come quelle in Medio Oriente sono diventate un conflitto internazionale, oltre alla guerra in Ucraina e alla guerra in corso in Afghanistan e Nord Africa. La catastrofe dei rifugiati è il prodotto di queste guerre. Gli effetti distruttivi di questi eventi sono equivalenti a quelli di una guerra mondiale.

L’autrice nel suo testo cerca di negare il nostro apprezzamento per le conclusioni della conferenza e ribadisce che “la conclusione principale della decima conferenza è che otto anni dopo l’inizio della crisi, e dopo una prima fase in cui la Cina e, più in generale, i paesi BRIC, hanno agito come controtendenza alla situazione più critica nei paesi centrali, siamo in una nuova fase nella cui dinamica sono inscritte crisi della grandezza di quella della Lehman Brothers (e ancora più grandi) , “catastrofi” militari e anche rivoluzionarie. In breve, uno scenario catastrofico: guerre, crisi rivoluzionarie nel contesto di una bancarotta dell’economia e crolli bancari. Anche se tardivamente darebbero la loro approvazione al Partido Obrero e sarebbe un riconoscimento della situazione attuale e della validità del “catastrofismo”, che lungi dall’essere un’entità metafisica, sarebbe vivo e vegeto.

Ma la “felicità” è di breve durata. Questa caratterizzazione, tuttavia, viene messa a repentaglio dall’affermazione che ciò che prevale sulla scena internazionale non è una questione di potere. È ormai consuetudine dire qualcosa e poi dire il contrario, cancellare con il gomito ciò che è stato scritto con la mano, anche nello stesso testo. Anche Il PTS fa anche uso e abuso di questo espediente e questo torna comodo perché è sempre possibile estrarre una citazione in cui una cosa è stata detta, nonostante prima o successivamente sia stato detto il contrario. Questo tipo di risorsa è funzionale al centrismo, che naviga sempre in due direzioni, rifugiandosi nell’ambiguità e nella confusione.

 

Crisi e recuperi

L’iniziale ritratto “catastrofico” è sostituito dalle tradizionali diatribe contro il catastrofismo. Cosa dice la riposta? “Come sappiamo, ci sono “equilibri instabili” (Trotsky, 1921), tendenze compensative, boom e crisi, che, tra l’altro, fanno la differenza nei tempi della politica, ritardano i processi, danno la sopravvivenza agli altri, eccetera, e questo è vitale per la nostra attività, che è, né più né meno, la politica rivoluzionaria. L’esistenza di “tendenze compensative”, l’esistenza di “cicli di prosperità e depressione” è la formula consueta e scontata per negare le tendenze al collasso del capitalismo. Il capitalismo, come una fenice, riesce a riemergere.

Il PTS riprende l’opinione che maggioritariamente nella sinistra ha finito per adattarsi al sistema prevalente: “ogni volta che ha piovuto, si è fermato; il capitalismo si riprenderà”. È vero: ogni volta che ha piovuto, si fermava; ma è anche vero che ogni volta che si fermava, pioveva di nuovo. E questa nuova pioggia, lungi dal risolvere i problemi accumulati, li aggrava, e non solo, ma ne crea di nuovi ed è fonte di inondazioni e altre catastrofi ambientali.

Ma, inoltre, i cicli non possono sfuggire alla fase storica. Così come le crisi sono cambiate nel contenuto e nella portata, lo stesso vale per le riprese. “La capacità e il carattere di ripristinare la salute di un giovane non sono gli stessi di quelli di un anziano. Questa analogia può essere applicata allo sviluppo sociale…. “I limiti insormontabili di un regime sociale sono evidenti non solo nelle crisi, ma anche nei loro recuperi”2. Il capitale non può essere ripristinato con i propri mezzi, ha bisogno dell’aiuto e del salvataggio dello Stato e dell’emergere della guerra.

Il recupero non è un processo indolore. Lo sforzo del capitalismo di trovare una soluzione significa un costo senza precedenti, un sacrificio e una privazione, una perdita di conquiste accumulate che finiscono per essere il fermento della rivolta popolare. Il tema della dialettica della crisi e della sua ripresa è che un sistema in decadenza, maturo, molto più sviluppato che in qualsiasi altra epoca, ha conseguenze devastanti, senza che questo assicuri al capitale una soluzione vincente.

 

Ancora una cosa sul catastrofismo

Opporre i cicli in modo antagonistico alle tendenze al collasso è grossolano. Raccomandiamo che torni a leggere la risposta di Rieznik, dove intavola una polemica con i colleghi della sua organizzazione che sollevano questo argomento.

Come oggi Cinatti, i compagni hanno sostenuto che il capitalismo è un fenomeno “complesso” e “contraddittorio” al punto che “la meccanica interna dello sviluppo capitalistico (si verifica) attraverso l’alternanza incessante di crisi e boom”.

La teoria del collasso sarebbe “unilaterale” – o “messianica” o “metafisica”, per citare le parole di Cinatti – nel segnalare la marcia al collasso senza capire che ogni caduta è seguita da una successiva ascesa. “La verità è che, attraverso il suo movimento ciclico, il capitalismo si trova di fronte a limiti assoluti che non può superare e questa è la sua inevitabile tendenza alla decomposizione. Entrambe le dimensioni – quella che spiega le dinamiche sinuose dell’economia capitalista e quella che rivela il suo esaurimento “irrisolvibile” – devono essere integrate. Intenderli come fenomeni antagonisti è tipico del revisionismo, che afferma, come il PTS, che il movimento “complesso”, “contraddittorio” e “ciclico” del capitalismo sconfessa ogni conclusione riguardo alla sua marcia irreversibile verso il collasso o il disastro.

Per il PTS, l’unica cosa che si può dire è che “le crisi sono il prodotto delle contraddizioni del sistema e che sono quindi inevitabili”; una volgarità che qualsiasi economista, non necessariamente di sinistra, non avrebbe alcun problema a sostenere”4.

Cinatti, come i suoi predecessori, contrappone al catastrofismo la nozione di “equilibrio instabile” e cerca di sostenere questa affermazione nell’autorità di Trotsky. Si tratta della follia di opporsi a Trotsky con Marx. Ma se c’è una cosa che ha presieduto le azioni dei leader della rivoluzione di ottobre, è la loro comprensione delle tendenze del capitalismo al collasso. La nozione di “equilibrio instabile”, con cui Trotsky fa una serie di chiarimenti sulla situazione internazionale, viene distorta e trasformata nel suo opposto.

Si arriva così al punto in cui “l’apprezzamento del destino storico del capitale di fronte al crollo è sostituito dalla sciocchezza che il capitalismo non galleggi e non affondi perché va su e giù, e quello che è ora su sarà domani giù e viceversa, certamente un “equilibrio instabile”. E questo è attribuito a Trotsky, trasformato in una versione degradata di Keynes che essi stessi hanno adottato”.5

L’autrice raccomanda di rileggere “Dove va la Francia” di Trotsky. Sarebbe molto produttivo se tale raccomandazione cominciasse da loro. Trotsky sostiene che “l’opposizione assoluta tra una situazione rivoluzionaria e una non rivoluzionaria è un classico esempio di pensiero metafisico, secondo la formula: ciò che è, è; ciò che non è, non è, e tutto il resto è lo sa il diavolo”6. Trotsky sostiene, contro il Partito comunista francese, che ha presentato la situazione in Francia come una tappa immobile e in linea con ciò ha respinto la lotta per il potere e si è opposto ad esso, “un programma di rivendicazioni immediate”. “Dove va la Francia” è un appello e una risposta al conservatorismo e all’adattamento al sistema imperante.

Il libro sottolinea che ciò che esiste, specialmente nel presente, sono “situazioni intermedie e transitorie”. Invece di compartimenti stagni, è necessario concentrarsi sul passaggio da una situazione all’altra.

Trotsky sottolinea che “una situazione rivoluzionaria è formata dall’azione reciproca di fattori oggettivi e soggettivi”, e sottolinea che “la prima e più importante premessa di una situazione rivoluzionaria è l’intollerabile esacerbazione delle contraddizioni tra le forze produttive e i rapporti di proprietà”. Il fattore più dinamico nella situazione mondiale è proprio la bancarotta capitalista, che è ciò che il PTS e i suoi partner mutilano nella loro crociata “anti-catastrofista”. Si tratta di una visione conservatrice della realtà mondiale, incompatibile con una strategia rivoluzionaria. Vale la pena ripetere l’avvertimento di Trotsky al Partito comunista francese: “Se il partito del proletariato tarderà nell’analizzare in tempo le tendenze della situazione pre-rivoluzionaria e ad intervenire attivamente nel suo sviluppo, una situazione controrivoluzionaria sorgerà inevitabilmente al posto di una situazione rivoluzionaria”.

 

Soggettività e obiettività

In mezzo a tanti luoghi comuni, non poteva mancare quello che avverte che il capitalismo non cadrà da solo, che per farlo crollare è necessaria l’azione consapevole degli uomini.

Il catastrofismo è trasformato in sinonimo di “rivoluzione dietro l’angolo”. L’autore attribuisce al PO una tesi costruita di proposito dal PTS. Non esiste un automatismo di questo tipo tra le tendenze dissolutrici del capitale e la rivoluzione sociale. Ma questo non può indurci a negare una premessa in nome dell’altra.

La soggettività rivoluzionaria è la profonda comprensione del collasso capitalista in termini di programma politico e di azione. Se non ci fossero tendenze così catastrofiche, l’azione degli sfruttati si limiterebbe all’impotenza, a un’azione donchisciottesca come quella del personaggio letterario di Cervantes contro i mulini a vento. Ancora una volta, è opportuno ricordare che in mezzo a questo sconvolgimento politico e teorico, la storia è fatta dagli uomini, ma non arbitrariamente, ma a partire e di fronte alle condizioni materiali che li circondano.

Non ignoriamo che la bancarotta coesiste con un enorme ritardo soggettivo che, insieme a una crisi capitalistica senza precedenti, ci vede di fronte a una mancanza di risposta di pari portata storica da parte del proletariato. Nel campo della sinistra mondiale, la bancarotta capitalista ha rafforzato le tendenze democratiche e la collaborazione con l’imperialismo “democratico”. La sinistra ha giustificato questo adattamento dicendo che “l’uva è acerba”. Invece di affrontare le sfide della tappa, calcano la mano sulle condizioni oggettive e la capacità del capitale di neutralizzare la crisi.

Cinatti equipara il catastrofismo alla rivendicazione morenista, che proclama l’esistenza di una situazione rivoluzionaria che dura indefinitamente, il che è curioso perché è il PO che ha pubblicato una lunga serie di articoli che criticano la puerilità di una tale tesi e negano l’esistenza di una situazione rivoluzionaria in Argentina, che è stata poi mantenuta dal MAS, quando era composto dagli attuali leader del PTS. Non è il PO ma Il PTS che deve regolare i suoi conti con l’eredità morenista, che ancora oggi continua a zoppicare sullo stesso carro del suo padrone, che è stato caratterizzato da una politica democratizzante e tributaria del nazionalismo borghese.

 

“Fine della storia” in chiave petesiana.

Gran parte della sinistra – vale la pena ricordare – considera chiuso il ciclo storico aperto dalla Rivoluzione d’Ottobre. La rivoluzione socialista, secondo il punto di vista della maggioranza, ha perso la sua validità. Anche se il PTS cerca di nasconderlo, la sua conclusione non si sottrae a questa visione.

Il PTS considera il periodo storico iniziato all’inizio degli anni Ottanta come un periodo di “restaurazione borghese”. Questa fase sarebbe stata presieduta da tre sconfitte del proletariato mondiale: quella della frustrata ascesa rivoluzionaria del periodo 1968-1981; l’avanzata neoliberista e la restaurazione capitalista in URSS, Cina e nello spazio ex sovietico. La scena internazionale sarebbe dominata dalla vittoria della borghesia imperialista. Il PTS è contagiato da tutto il trionfalismo della borghesia e dei suoi portavoce, che pensavano di vedere nella dissoluzione dell’URSS la fine della storia e una nuova fase di fioritura del capitalismo. Il PTS assume questa caratterizzazione avendone vergogna, per questo parla di “limiti” nella restaurazione borghese. Ma questo non lo nega; al contrario, conferma questa tesi apologetica, poiché i limiti operano solo come semplici attenuanti.

L’approccio alla restaurazione capitalista è inscindibile dalla crisi mondiale e il suo sviluppo, la sua portata e il suo futuro sono condizionati da essa. La restaurazione è una reazione e un tentativo di rispondere all’esaurimento del ciclo capitalista iniziato nel 1945. I “trent’anni gloriosi” del dopoguerra (che non erano né trenta né gloriosi) si sono conclusi in una nuova impasse. L’inconvertibilità del dollaro e la recessione del 1974-75 sono segni inequivocabili di questa crisi del capitale, che ha addirittura messo a dura prova i regimi burocratici degli Stati operai che cercavano di uscire dalla loro crescente situazione attraverso un maggiore intreccio con il capitale mondiale. Fu in questo processo che scoppiarono le rivolte operaie e gli sconvolgimenti politici, come in Polonia o durante la Rivoluzione Culturale Cinese (1966-1976).

Queste esplosioni rivoluzionarie non solo riflettevano l’esaurimento del “socialismo in un paese”, ma indicavano anche l’impasse del capitalismo mondiale. La restaurazione capitalista ha allargato il raggio di sfruttamento del capitale internazionale e ha permesso di giungere in nuovi mercati. Tuttavia, questo principio si uscita dalla saturazione del mercato mondiale ha portato ad una maggiore saturazione dello stesso mercato.

Questo spiega il paradosso: da principale salvatore della crisi capitalista, la restaurazione è diventata uno dei principali fattori di aggravamento. Perché? Perché, in stretta connessione con questo aumento del raggio d’azione del capitale, si è intensificata la concorrenza tra i monopoli capitalisti internazionali che lottano per conquistare questi nuovi mercati e promuovere una nuova distribuzione del mercato mondiale. “Poiché il capitale affronta la restaurazione capitalista con metodi propri, si sono rafforzate anche le sue tendenze fondamentali: concentrazione della ricchezza in un polo e della miseria sociale nell’altro; accentuazione dell’anarchia economica e, quindi, delle crisi finanziarie e commerciali; liquidazione degli strati intermedi e della piccola produzione; aumento delle crisi agrarie e delle esplosioni contadine; maggiore blocco dello sviluppo indipendente delle nazioni arretrate. In definitiva, alla guida di nuove guerre e nuove rivoluzioni”8.

Le tesi programmatiche del CRQI giungono a un’altra conclusione: “Con la restaurazione capitalista, la crisi storica del capitalismo non si è attenuata, ma si è acuita. La crisi storica del capitale ha compiuto diversi passi avanti e questo ha rafforzato la tendenza a creare situazioni rivoluzionarie e rivoluzioni sociali. In questo modo si evidenzia la tendenza del capitale alla propria dissoluzione”9.

La fase aperta dal crollo degli Stati operai degenerati ha sciolto il sistema di relazioni internazionali stabilito dagli accordi del dopoguerra e, con esso, ha generato crisi internazionali sempre più profonde. L’esaurimento dell'”architettura diplomatica” della Guerra Fredda indica l’apertura di una nuova fase nelle relazioni tra classi sociali a livello internazionale.

Il PTS, d’altro canto, descrive un quadro di attenuazione e persino di inversione della crisi del capitale. Stiamo in presenza di due analisi della crisi diametralmente opposte.

 

Gramsci

L’utilizzo di Antonio Gramsci che fa il PTS è funzionale alla sua negazione della portata catastrofica della crisi capitalista. Gramsci reagisce contro la politica del “terzo periodo” perseguita dal Terzo Internazionale. Egli contesta l’ultra sinistrismo ispirato dalla caratterizzazione che era il tempo della “offensiva rivoluzionaria”, che ha portato i partiti comunisti all’avventurismo e ad una politica irresponsabile.

In opposizione a questo orientamento, Gramsci richiamava l’attenzione sulla necessità di ottenere il sostegno dei lavoratori e promuoveva il fronte unito come strumento per ottenere il sostegno delle masse. Ma Gramsci, nelle sue argomentazioni ha anche omesso la tendenza al collasso del capitalismo. Nelle sue analisi, Gramsci getta l’acqua sporca con il bambino. La “rivoluzione imminente” – quella dietro l’angolo – è assimilata alla teoria del collasso capitalista che sarebbe stata alla base della Rivoluzione d’ottobre e dell’onda rivoluzionaria immediata che l’ha seguita. Sebbene Gramsci non abbia mai negato che la base economica governasse in ultima analisi il metabolismo sociale e i processi politici, le sue riflessioni vanno nella direzione opposta, ponendo l’accento unilateralmente sulla sovrastruttura politica. Contrariamente al cosiddetto “modello orientale” (compresa la rivoluzione russa), in cui tutto sarebbe concentrato sul potere coercitivo dello Stato, le democrazie occidentali sarebbero riuscite a costruire nuove fortezze (le istituzioni della società civile), conquistando così il consenso popolare e contrastando le tendenze alla rivoluzione sociale.

Sulla base di questa distinzione, il leader comunista italiano proporrà la cosiddetta “guerra di posizione” (una lotta che avrebbe lo scopo di minare le forze dell’ordine sociale prevalente e raggiungere così l’egemonia della società civile), tutto questo in opposizione alla “guerra di movimento” che, secondo lui, avrebbe guidato l’offensiva finale contro il regime. Come sottolineano alcuni autori, questa discussione ha avuto un precedente, nonostante Gramsci non lo sapesse, nel dibattito tra Karl Kautsky e Rosa Luxemburg, tra “guerra di logoramento” e “rovesciamento”. Al centro della strategia di logoramento furono successive campagne elettorali che, secondo Kautsky, avrebbero dovuto dare alla SPD una maggioranza numerica nel Reichstag. Negando che gli scioperi di massa aggressivi avessero una qualche rilevanza per la situazione tedesca dell’epoca, Kautsky avanzò l’idea di una separazione geopolitica tra est e ovest. “Nella Russia zarista”, scriveva Kautsky, “non c’era il suffragio universale, non c’erano diritti legali di riunione, non c’era libertà di stampa. Nel 1906 il governo fu isolato all’interno, l’esercito sconfitto all’esterno e i contadini si ribellarono in tutto il vasto e disperso territorio imperiale. In queste circostanze, una strategia di rovesciamento era ancora possibile. “Le condizioni, ha sostenuto, per uno sciopero in Europa occidentale, e soprattutto in Germania, sono comunque molto diverse da quelle della Russia pre-rivoluzionaria e rivoluzionaria.

Rosa Luxemburg denunciò “l’intera teoria delle due strategie” e il suo “netto contrasto tra la Russia rivoluzionaria e l’Europa occidentale parlamentare “11 come una razionalizzazione del rifiuto di Kautsky di scioperi di massa e la sua capitolazione all’elettoralismo.

Non si può ignorare che Gramsci attaccò la rivoluzione permanente, che identificò con l’assalto finale al potere, il che è paradossale perché fu Trotsky ad affrontare la politica criminale del “terzo periodo” e a proclamare il fronte unico. Alcuni attribuiscono questa confusione al fatto che il rivoluzionario italiano fu confinato in prigione e mancò di informazioni sulle lotte in corso all’interno del movimento comunista. Ma a prescindere dall’interpretazione del fatto, la verità è che Gramsci si pone sul lato opposto rispetto alla rivoluzione permanente. Non è un fatto secondario, definisce un orizzonte strategico.

Se si vuole salvare l’eredità di Gramsci, si deve partire dall’importanza che egli ha dato alla necessità di conquistare il favore popolare e l’egemonia politica, cosa che altri rivoluzionari avevano già sottolineato in precedenza, e ancora più chiaramente; poi i dirigenti dell’Ottobre lo fecero e restò scritto nei documenti della Terza Internazionale. Per quanto riguarda la vera distinzione tra “guerra di posizione” e “movimento”, la questione era già stata risolta da Lenin, il quale sottolineava che la guerra di posizione (di “logoramento”, secondo il concetto di Kautsky) doveva essere considerata come preparatoria alla guerra di movimento. In altre parole, conquistare le masse è il passo preparatorio e ineludibile verso la presa del potere. Nello stesso senso, Trotsky ha fatto riferimento all’argomento, anche in termini di tattiche militari.

In questo punto, Gramsci non apporta nulla di originale, ma aggiunge confusione, poiché molte delle sue valide riflessioni sono integrate in un corpus teorico confuso e ambiguo – in breve, antirivoluzionario. “Formulare una strategia proletaria essenzialmente come guerra di posizione significa dimenticare la natura necessariamente improvvisa e vulcanica delle situazioni rivoluzionarie, che per la natura di queste formazioni sociali non possono essere stabilizzate a lungo e quindi richiedono la massima velocità e mobilità d’attacco per non perdere l’opportunità di prendere il potere. L’insurrezione, come Marx ed Engels hanno sempre sottolineato, dipende dall’arte dell’audacia12.

Cinatti ci rimprovera di mettere in discussione l’uso che il PTS fa di Gramsci, come se considerassimo un peccato approfittare dei contributi del passato. Questo rimprovero, ancora una volta, ci fa sorridere, per non piangere. Tutto ciò che diciamo nella nostra critica è perché, quando c’è tanta letteratura in materia, dà un posto privilegiato alle posizioni ambigue e ostili alla rivoluzione permanente. Le nozioni teoriche del marxista italiano, le sue incoerenze, le sue formule vaghe e contraddittorie, la sua confusione, hanno l’effetto mitigante – come alcuni autori hanno interpretato – della sua prigionia, ma nel caso del PTS si tratta di una definizione strategica.

La ragione è semplice: il privilegio concesso alle categorie di Gramsci – con quella enfasi unilaterale sulla politica sovrastrutturale – è funzionale al suo “anti-catastrofismo”.

 

Crisi organica

Il PTS abbraccia e rivendica con entusiasmo la nozione di “crisi organica”, coniata da Gramsci. Cosa ci dice Cinatti “La categoria di “crisi organica” implica una crisi economica, politica e sociale (statale, dice Gramsci) che può essere aperta dall’azione degli sfruttati, ma anche da un ‘fallimento della classe dirigente’, che apre un periodo di rottura politica delle masse con i loro partiti tradizionali e di cambiamento dei modi di pensare. Queste situazioni in cui ‘il vecchio non riesce morire e il nuovo non riesce a nascere’ sono favorevoli alla nascita di ‘fenomeni aberranti’, e mettere all’ordine del giorno le ‘soluzioni di forza’ – cioè, i colpi di scena bonapartisti e le tendenze convulse della lotta di classe.

Mettere tutti gli ingredienti sul piatto non garantisce un pasto delizioso; peggio ancora, tale azione presenta il pericolo di renderlo indigesto. Qual è la portata e la natura della crisi economica, come si articola con la crisi sul piano politico e sociale, ha una portata catastrofica o questo è escluso? Se la tendenza al collasso è puramente metafisica, ciò pone un limite alla crisi politica e sociale, perché il capitale potrebbe essere ricostruito o, almeno, sopravvivere, magari con le stampelle, ma sopravvivere finalmente.

Cinatti ci mette in guardia contro l'”economicismo”: “Gramsci -dicono la nostra critica, non ha negato le crisi economiche, ma ha posto un limite a ciò che potevano fare da sole. Ha detto che le crisi creano solo un terreno favorevole per i rivoluzionari, ma non garantiscono la rivoluzione. Bravo per la scoperta! Ma prima di evidenziare i limiti dell’economismo, è necessario chiarire la direzione principale del processo economico. La cosa più sorprendente è che tali sciocchezze si possono dire in modo naturale, come se si trattasse di una grande massima. Raccontami di cosa ti stai vantando e ti dirò cosa ti disturba.

L’espressione “crisi organica” dovrebbe essere messa da parte, perché le crisi sono organiche o non lo sono. Di cosa sarà la crisi? Dell’organismo. Dopo aver escluso il catastrofismo come metafisico, la crisi capitalista si riduce a una crisi cronica, che durerebbe nel tempo. Abbiamo riprodotto, in chiave petesiana, la tesi sostenuta da cospicui rappresentanti della borghesia: il capitalismo sarebbe entrato in una stagnazione a lungo termine. Questi uomini dell’establishment chiamano questo fenomeno “stagnazione secolare”, che presenterebbe più la prospettiva di un declino sereno del capitalismo che di un collasso. Tradotto nel linguaggio petesiano, sarebbe un “equilibrio instabile” del capitalismo, che risparmierebbe l’umanità dal dolore della catastrofe: “Una crisi strisciante senza Grande Depressione, ma anche senza una solida ripresa”, come sottolinea Cinatti nella sua risposta.

È degno di nota che il PTS stia facendo riemergere il corpus teorico gramsciano in un momento in cui le “trincee” che la democrazia occidentale avrebbe scavato – sulla base della cultura e del consenso – per contenere qualsiasi azione che minasse gli interessi e il dominio degli sfruttatori (la loro egemonia) sono relegate in secondo piano, mentre le basi coercitive dello Stato vengono ampliate. Invece di evolvere verso forme più “occidentali” – come previsto da Gramsci – e di espandere le “trincee”, la linea prevalente è quella di chiudersi in forme più “orientali”. La tendenza a liquidare le libertà democratiche, a perseguitare e limitare l’azione dei media e dei sindacati, a spezzare i partiti del regime, a bloccare il funzionamento delle istituzioni della stessa democrazia borghese, a rafforzare il presidenzialismo, il bonapartismo e i regimi di eccezione sono tutte espressioni del corso politico che la borghesia prende nella misura in cui la crisi non si arresta, che è il lievito che alimenta la ribellione degli sfruttati.

 

Polo rivoluzionario contro il centrismo

Cinatti oppone ai presunti successi della sua conferenza internazionale il fallimento della nostra conferenza latinoamericana. L’autopromozione e l’autoproclamazione sono schermi per evitare un bilancio del suo l’intervento e orientamento politico. La sfida di qualsiasi conferenza internazionale che valga la pena è quella di sottoporre all’esame dei propri militanti, e in generale di tutti i combattenti, le proposte politiche che sono state avanzate, e se hanno superato la prova degli eventi. L’esasperazione e la pedanteria non possono nascondere la rovina delle loro posizioni in casi decisivi di lotta di classe.

La politica seguita dal gruppo boliviano del FT-QI in merito alla “tattica” di costruire un PT [Partido de Trabajadores, Partito dei lavoratori, N.d.T.] seguendo la burocrazia della COB [Centrale Operaia Boliviana, il principale sindacato in Bolivia, N.d.T.] non è forse fallita? Il PT che hanno proposto non è mai stato altro che una creatura artificiale, truccata da una burocrazia sindacale in liquidazione. La stessa tattica è stata utilizzata dal PTS in Argentina quando hanno proposto una “partita senza padroni” che è passato senza infamia e senza gloria. Un partito centrista che potrebbe ospitare tendenze democratizzanti e ostili all’indipendenza politica dei lavoratori, e includere settori della burocrazia sindacale. Anche questa è una delle proposte che Moreno ha ripetutamente avanzato, chiedendo la costruzione di un partito dei lavoratori da parte di burocrati sindacali di tutti i tipi. Anche se il PTS dice di aver rotto con questi progenitori, ad ogni passo mostra l’eredità morenista. Qual è il bilancio del gruppo brasiliano nel suo tentativo di aderire al PSOL, in questo caso facendo codismo verso un partito che sta apertamente proponendo candidatura padronali? E la sua presentazione nelle liste elettorali della PSOL, anche se provano a nasconderla con l’argomento che l’organizzazione petesiana di quel paese ha chiamato esclusivamente a votare per i propri candidati… Qual è la differenza con gli accoppiamenti e gli slogan a cui siamo abituati dalla sinistra opportunista che finisce per essere alla coda dei partiti padronali? La grande sfida per la sinistra rivoluzionaria è quella di creare un polo politico alternativo al nazionalismo borghese e al “progressismo” capitalista. Ciò può essere fatto solo con un’implacabile e rigorosa opera di demarcazione politica nei confronti di tali forze. Il PTS ha tentato una politica di imitazione del Kirchnerismo – anche se deve essere ammesso, con pochi risultati, come testimonia il comportamento di fronte alle crisi in relazione a Milagro Sala o Hebe de Bonafini. Questo orientamento è stato espresso in una tendenza dissolutrice del Fronte di sinistra: perché correre a ribattezzare il nazionalismo borghese “neo-riformismo”, quale sarebbe la peculiarità che giustificherebbe un tale cambiamento di nome? Questo costituisce un lavaggio di faccia di quelle forze in un momento in cui il PTS e la sua corrente internazionale stanno mantenendo un campo di convergenza con il nazionalismo borghese in nome di una presunta “lotta comune contro la destra”.

La Conferenza latinoamericana promossa dal Partido Obrero e dal PT uruguaiano ha discusso e approvato un documento che fa il punto sulle principali esperienze politiche della regione e stabilisce un orientamento per le principali sfide della lotta di classe nel continente. La Conferenza internazionale del PTS è afflitta da caratterizzazioni superficiali e persino contraddittorie e, cosa più importante, il suo punto di partenza è una copertura dell’attività delle sue correnti.

La fine della risposta di Cinatti è imperdibile. Quello che esibisce come il principale passo avanti è la confessione di un fallimento politico. Il loro passaggio dal “propagandismo internazionalista” all'”internazionalismo pratico” che ora proclamano consiste nell’estendere l’esperienza de “La Izquierda Diario”, una politica sovrastrutturale e svuotata di significato. Invece di un mezzo che sia il portavoce di una strategia definita, il PTS intende sostituirla con un “portale di notizie” centrista, senza confini politici definiti e con una molteplicità di posizioni dissimili e contraddittorie. Da tale orientamento non può emergere nessun polo rivoluzionario che trasformi la classe operaia in un’alternativa di potere. Questa prospettiva è la grande sfida che ci attende, di fronte alla bancarotta capitalista che è al suo decimo anno e le cui premesse sono peggiorate e sono il motore di grandi sconvolgimenti politici, nazionali e internazionali, nonché il terreno fertile per la creazione di situazioni rivoluzionarie. La prospettiva generale del socialismo è la crisi mondiale del capitalismo, perché se un sistema sociale non funziona è evidente che tutta l’umanità sta cominciando a spingere, a seconda di quanto sia chiaro, per un cambiamento nel sistema. In questo risiede la portata della questione della crisi, un punto di partenza inevitabile per lo sviluppo di una strategia rivoluzionaria.

 

Pablo Heller è economista, docente di Storia e Sociologia all’Università di Buenos Aires e ricercatore all’Istituto Gino Germani. dirigente del Partido Obrero, è stato consulente di numerosi collettivi di lavoratori, tra cui Sasetru Gestión Obrera, Hospital Francés, Parmalat e Transporte del Oeste-Ecotrans. È autore di Fábricas ocupadas (Argentina 2000-2004) e Capitalismo zombie e co-autore di altri libri come Contra la cultura del trabajo e Un mundo maravilloso (capitalismo y socialismo en la escena contemporánea). I suoi articoli appaiono regolarmente in Prensa Obrera e En difensa del Marxismo.

 

NOTE

  1. Riportiamo per vostra informazione la sintesi delle conclusioni della Conferenza FT-QI: “La crisi economica, la polarizzazione politica e sociale che si esprime a livello internazionale e la crescente delegittimazione dei partiti tradizionali – in particolare in Europa e negli Stati Uniti – stanno dando luogo a fenomeni politici di ogni genere a livello globale. Questi elementi (crisi economica, politica e sociale) sono quelli che ci permettono di definire che, in alcuni paesi dove sono più strettamente combinati, ci sono tendenze verso la ‘crisi organica’, un concetto enunciato da Antonio Gramsci per spiegare momenti o situazioni in cui prevale non il confronto tra rivoluzione e controrivoluzione, ma piuttosto una ‘crisi globale’, che va ben oltre la congiuntura.
  2. Pablo Heller: il capitalismo zombie. Biblos Editoriale, maggio 2016, p. 41.
  3. Pablo Rieznik: Catastrofismo, forma e contenuto. In difesa del marxismo n. 35, marzo 2008.
  4. Idem.
  5. Idem.
  6. Leon Trotsky: Dove sta andando la Francia? Ediciones Pluma, gennaio 1974, pp. 53 e 62.
  7. Leon Trotsky, idem, p. 62.
  8. Tesi programmatiche del CRFI. “Programmi del movimento socialista e sindacale”. Rombini editoriali
  9. Idem.
  10. Perry Anderson: Antinomie Gramsci. Epoca editoriale, Cuadernos Políticos, luglio settembre 1977, pp. 70-71.
  11. Id. al 74-75.
  12. Perry Anderson, tra gli altri concetti, sottolinea che “nel caso di Gramsci, le inadeguatezze della formula di una ‘guerra di posizione’ erano chiaramente correlate alle ambiguità della sua analisi del potere di classe borghese. Gramsci equiparava la “guerra di posizione” all'”egemonia civile”, come si ricorderà. Così come il suo uso dell’egemonia tendeva spesso ad implicare che la struttura del potere capitalista in Occidente fosse essenzialmente basata sulla cultura e sul consenso, così l’idea di una guerra di posizione tendeva ad implicare che il lavoro rivoluzionario di un partito marxista fosse essenzialmente quello della conversione ideologica della classe operaia – da qui la sua identificazione con il fronte unico, il cui scopo era quello di conquistare la maggioranza del proletariato occidentale per la Terza Internazionale. In entrambi i casi, il ruolo della coercizione – repressione da parte dello Stato borghese, insurrezione da parte della classe operaia – tende a scomparire. La debolezza della strategia di Gramsci è simmetrica a quella della sua sociologia” (op. cit., pp. 87-88).CRISI-ECONOMICA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...