Migliaia di compagne al primo Congresso Nazionale del Plenario de Trabajadoras

Per l’organizzazione socialista delle lavoratrici e della gioventù

 

Il primo Congresso Nazionale del Plenario de Trabajadoras si è svolto questo sabato presso la Facoltà di Architettura e Design della UBA [Università di Buenos Aires, n.d.t.] con la partecipazione di oltre 2.500 donne provenienti dai 24 distretti del Paese. Prima della relazione di apertura, è stato mostrato un video emozionante che mostra i 20 anni di lotta del Plenario de Trabajadoras alla luce della lotta più generale delle lavoratrici in questo periodo, dalle assemblee piquetere dell’Argentinazo alla conquista della mezza approvazione dell’aborto legale al Congresso, attraverso il Ni Una Menos, la lotta che è scoppiata dalla prigionia della giovane donna di Tucumán Belén (imprigionata dopo aver subito un aborto spontaneo), contro le reti di tratta, e gli incontri delle donne, tra le altre pietre miliari.

Al congresso hanno partecipato compagne del Polo Obrero, delle scuole secondarie e dell’università, docenti universitarie, membri di Jubilados Clasista [Pensionati Classisti, n.d.t.], delegate di Wal-Mart, Inti e decine di altri luoghi di lavoro e dell’Associazione LGBTI 1969. Erano presenti anche i parenti di Laura (scomparsa a Ciudad Evita), Luna Ortiz (scomparsa e assassinata a Tigre) ed Elena (madre di Nadia Rojas, vittima delle reti di trafficanti). Hanno partecipato alle deliberazioni anche Elsa Rodríguez, che è stata ferita il giorno dell’assassinio di Mariano Ferreyra, e Zulema Montero (della campagna Migrare non è un crimine). Catalina Guagnini, storica attivista per i diritti umani e leader del PO, è stata eletta per acclamazione presidente onoraria. All’inizio del Congresso, è stata denunciata la condanna di Raquel Blas (referente della compagnia statale Mendoza) per aver partecipato a un blocco stradale.

Ileana Celotto, segretaria generale dell’AGD-UBA, ha rivolto un primo saluto alla ribellione universitaria che si sta verificando nelle ultime settimane.

 

L’organizzazione socialista delle donne

Vanina Biasi, leader nazionale del Plenario de Trabajadoras ha curato la relazione di apertura, che si è concentrata sull’enorme crisi del governo Macri e sul piano di guerra che sta promuovendo contro gli sfruttati. “I compiti delle donne non possono essere affrontati separatamente da questa situazione”, ha affermato.

Vanina ha denunciato che il piano di aggiustamento del macrismo, che in questi giorni ha aggiunto un colpo di svalutazione che ha fortemente indebolito i salari, è stato realizzato con la complicità padronale e della burocrazia sindacale, e ha ritenuto che per superare quest’ultima è necessario promuovere una deliberazione nelle basi operaie in difesa dei salari e delle condizioni di lavoro. Alla politica di scioperi isolati da parte della burocrazia e alla proposta di attendere fino al 2019 da parte dei settori dell’opposizione, si è opposta la lotta per uno sciopero attivo di 36 ore per rompere l’aggiustamento e il patto con il FMI.

“Siamo in un momento storico in cui dobbiamo discutere di una trasformazione sociale fondamentale senza essere confusi con alcun tipo di trucco”, ha detto, aggiungendo che “non c’è alcuna possibilità di soddisfare le minime aspirazioni che noi donne abbiamo sollevato se non andiamo avanti per combattere questo regime di sfruttamento e fame”.

Nella battaglia per l’organizzazione socialista delle donne lavoratrici, un aspetto fondamentale è quello di smascherare il ruolo reazionario e contenitivo del clero. Ha denunciato l’esistenza di un “legame strategico per fermare l’azione delle masse” tra lo Stato e la Chiesa, che richiede una forte campagna per la loro separazione. In questo senso, ha polemizzato con il triumvirato di San Cayetano, che abbellisce con la categoria di “economia popolare” ciò che è in realtà la massima espressione di precarietà del lavoro e di sottomissione ai leader politici. La proposta di una lotta comune dei movimenti sociali contro l’adeguamento deve essere accompagnata da una denuncia sistematica del clero di fronte alle basi di queste organizzazioni.

Vanina ha denunciato gli enormi negoziati del clero e l’accentuazione della loro campagna reazionaria contro le donne nelle ultime settimane. In questo contesto, non possiamo ritardare la lotta. Ha chiesto una consultazione popolare vincolante sull’aborto legale in opposizione alle dichiarazioni che “hanno deciso di mettere il movimento nel congelatore” per la presentazione legislativa di un disegno di legge che vedrebbe la luce… solo nel 2020!

L’organizzazione femminile che crescerà”, ha detto Vanina, “in questa fase sarà quella che sarà in grado di offrire un programma per superare la crisi. Propone la lotta per la cacciata di Macri e dei governatori e la loro sostituzione con un’Assemblea Costituente.

 

Una stessa lotta

Alla fine della giornata, dopo il lavoro delle commissioni, sono intervenuti Néstor Pitrola e Romina Del Plá.

Pitrola ha chiesto di “collegare l’emancipazione femminile alla lotta per il governo dei lavoratori” e ha sottolineato come il Congresso fosse un contributo in questa direzione. Ha sottolineato l’opportunità del Congresso alla luce della crisi. Dopo aver ricordato l’inarrestabile svalutazione della moneta da aprile, ha denunciato che si trattava di “un Rodrigazo [svalutazione economica sotto il governo di Isabela Peron e la guida del Ministero dell’Economia di Celestino Rodrigo, n.d.t.] per non aver fermato la fuga di capitali, per non aver risolto la crisi del debito”. L’Argentina è ancora sul percorso del default”, ha detto.

“Come porre fine a questo governo?”, ha detto, “come aiutare la classe operaia e il movimento popolare a porre fine a Macri?”, che è la questione centrale che deve essere discussa, e ha anche insistito sulla necessità di una Assemblea costituente.

Ha messo in discussione la politica dell’opposizione padronale che cerca di subordinare le lotte alla loro politica elettorale verso il 2019. Ha citato come esempio lo sciopero universitario, dove le leadership Kirchneriste “hanno rinunciato allo sciopero, quando è scoppiato il movimento studentesco”, come contributo alla gestione dell’aggiustamento, ad eccezione del Conadu storico, che ha mantenuto lo sciopero. “Sono l’ostacolo numero uno al movimento popolare e al movimento delle donne”, ha detto. D’altra parte, il PO – contrappeso – si propone di liberare tutte le energie in ogni movimento di lotta.

Ha anche messo in discussione le insidie della parità di genere, citando l’esempio delle decine di deputate e senatrici che si sono allineati con il clero e hanno votato contro l’aborto legale. Il problema”, disse, “è di classe.

Romina Del Plá ha rivendicato le importanti lotte che si stanno svolgendo in questo momento, come la lotta ad Astilleros Río Santiago, lo sciopero universitario e la lotta degli insegnanti per i salari e contro il deterioramento degli edifici.

Ha fatto appello a non abbandonare il terreno conquistato nella lotta per l’aborto legale e ha proposto una campagna per una consultazione popolare vincolante che permetta di lottare per questa rivendicazione in ogni luogo di studio e di lavoro. “È una battaglia offensiva. Ora che stavamo per conquistarlo, non stiamo andando a casa”, ha detto tra gli applausi forti. Ha rivendicato l’esproprio dei beni della Chiesa perché ciò significava “attaccare le fondamenta di quella dominazione sociale”.

 

Ha sottolineato come prossimi passi nella lotta: il 18 settembre, un giorno per la separazione di Chiesa e Stato; il 25-26 settembre, la partecipazione allo sciopero nazionale; e il 28 settembre, una mobilitazione per l’aborto legale.

Il Congresso, che ha anche votato una leadership nazionale del Plenario, si è concluso con il canto dell’Internazionale, l’inno delle lavoratrici e dei lavoratori nel mondo.44002

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...