Panorama mondiale

Di Jorge Altamira

La stampa internazionale ha affrontato con notevole perplessità la svolta del confronto tra Stati Uniti e Corea del Nord, che è passato dalla minaccia di un bombardamento nucleare di Donald Trump a un “incontro di pace” a Singapore – con caratteristiche buffonesche. I successivi commenti su questo cambiamento sono stati altrettanto ambigui, sia da parte dei protagonisti che degli osservatori. Le conclusioni che sono state rilasciate hanno indicato una prospettiva di lunghi negoziati sulla “denuclearizzazione della penisola coreana” – una formula gelatinosa che non chiarisce se si riferisce alla Corea del Nord o coinvolge anche le basi statunitensi in Corea del Sud. D’altra parte, Trump ha assicurato che le sanzioni economiche contro il regime di Kim Jong-un sarebbero continuate fino al raggiungimento degli obiettivi del completo disarmo nucleare della Corea del Nord. Subito dopo, tuttavia, ha annunciato la sospensione dei processi militari congiunti con la Corea del Sud e il Giappone. Infine, se fosse possibile, la stampa americana ha annunciato che il centro di ricerca nucleare nordcoreano è stato promosso. C’è una tendenza alla guerra o siamo solo testimoni di una politica di estorsione e violenza che, al contrario, mira ad evitarla?

Una versione attribuisce l’incontro tra Trump e Kim al successo delle sanzioni economiche adottate contro la Corea del Nord congiuntamente da Stati Uniti, Cina, Russia e altre potenze. Una frazione minoritaria della burocrazia cinese avrebbe persino proposto di sostenere un’azione militare per frenare il piano atomico di Kim – come riportato più volte dal Financial Times. Le prove circostanziali fornite dai media hanno evidenziato un calo quasi totale degli scambi transfrontalieri tra la Cina e la Corea del Nord in questo periodo, che è stato invertito alla vigilia dei negoziati Trump-Kim. Secondo un altro approccio, Trump e il cinese Xi Jinping sono stati costretti a percorrere la via diplomatica, una volta concluso che la Corea del Nord aveva conquistato uno status nucleare irreversibile, che poteva solo essere contenuto. L’iniziativa del Presidente della Corea del Sud nell’invitare il Nord a partecipare ai Giochi Olimpici di Seul è stata effettuata con l’assenso di tutte le parti in disputa. Il centro-sinistra sudcoreano stava così riprendendo una politica che aveva fallito due decenni prima, nonostante i notevoli progressi nell’apertura commerciale della Corea del Nord, compresa la creazione di “zone economiche” per gli investimenti esteri. L’iniziativa sudcoreana di Kim Moon ha un alto grado di consenso nel Sud del paese. Questa operazione ha rivelato gli interessi sociali della burocrazia del Nord a favore dell’avvio del percorso capitalistico adottato dalla burocrazia cinese verso la fine degli anni Settanta. La strategia della Corea del Nord – almeno quella presentata ufficialmente – è quella di realizzare la riunificazione del paese nel suo insieme, sotto forma politica di una confederazione basata su basi sociali e prospettive simili. Sarebbe una variante del regime “un paese, due sistemi”, che ha iniziato la Cina con Hong Kong e ha segnato il principio della trasformazione capitalistica dello stato cinese.

Per evitare di perdersi in congetture diplomatiche, è necessario analizzare le forze nel loro insieme. La crisi capitalista mondiale e la straordinaria accentuazione delle rivalità economiche e politiche ha accelerato e ha rivelato un’impasse nella politica mondiale che richiede un risultato.

L’importanza della questione nucleare nordcoreana ha a che fare con il suo status sociale ambiguo nella politica mondiale. Il Pakistan o l’India, ad esempio, sono stati che non devono affrontare l’estorsione in materia nucleare, semplicemente perché sono capitalisti e perché, all’epoca, erano usati come contrappeso ad una Cina il cui regime sociale era di proprietà statale. L’Iran, sebbene diverso, è stato proscritto in materia nucleare dalla Rivoluzione del 1979, ma non lo era stato prima, sotto il regime dello Scià. L’Iran si confronta con lo stato sionista, che è il pezzo strategico dell’imperialismo, non solo in Medio Oriente. È chiaro, tuttavia, che l’imperialismo americano ha imposto dei limiti allo sviluppo atomico militare delle potenze alleate, per imporre la sua egemonia mondiale. Lo status atomico della Cina è stato tollerato o incoraggiato prima della transizione al capitalismo, per sfruttare il confronto russo-cinese, che si è scatenato negli anni ’60. Per un lungo periodo la Corea del Nord ha goduto della protezione militare della Repubblica popolare cinese. L’unica “parità nucleare” che gli Stati Uniti hanno dovuto tollerare è stata quella con l’ex Unione Sovietica.

La disputa nucleare sulla Corea del Nord deve quindi fare i conti con la contraddizione tra il suo status sociale e politico, da un lato, e l’economia e la politica mondiale, dall’altro.

Nel contesto mondiale attuale, tuttavia, l’adozione da parte della Corea del Nord di una “via cinese” è condizionata dalla crescente controversia economica tra Stati Uniti e Cina. Un’apertura coreana sotto la guida della Cina significherebbe, in primo luogo, una retrocessione del Giappone e, in secondo luogo, un aumento dell’influenza della Cina sull’economia e la politica della Corea del Sud. Inutile dire che questa è una via d’uscita inaccettabile per l’imperialismo americano. È proprio il Giappone, appunto, che guida l’opposizione a un’intesa con Kim Jong-un. Al contrario, l’instaurazione di un “rapporto speciale” tra il regime nordcoreano e Trump sarebbe intollerabile per la Cina; il Pentagono non ha smesso di aumentare le operazioni militari e di spionaggio contro la Cina. Le critiche della borghesia americana al riavvicinamento tra Trump e il regime nordcoreano condizionano i negoziati sulla possibilità di un secondo mandato per Trump, e sono quindi diventati un campo di disputa politica interna negli Stati Uniti. Trump non ha revocato le sanzioni contro la Corea del Nord – il contrario di quanto sta facendo la Cina, che di fatto ha liberato il commercio transfrontaliero e provocato, incidentalmente, improvvise speculazioni immobiliari in quell’area e una riattivazione dell’economia oltre confine. L’offensiva statunitense contro la Cina, nelle ultime settimane, con un’escalation tariffaria che minaccia di raggiungere i 200 miliardi di dollari, ha anche lo scopo di imporre una “pax americana” sulla penisola coreana. Il Giappone non ha avuto altra scelta che giocare con Trump.  C’è una partita a cinque, con il Giappone e la Corea del Sud, e addirittura sei, con la Russia, che confina con la Corea del Nord. Putin non mancherà di presentare il proprio conto in questi negoziati – come l’annullamento delle sanzioni che soffre per l’occupazione della Crimea, o per contrastare il tentativo di Trump di sostituire il gas russo in l’Europa, e soprattutto in Germania, col gas non convenzionale che è in aumento in Texas. Mentre la palla viene tirata, appaiono tutti i conflitti della crisi mondiale e tutti i suoi protagonisti. Il problema non è “l’uomo-razzo”, come Trump ha chiamato Kim Jong Un, ma l’insieme di scontri internazionali e rivalità di un capitalismo in bancarotta.

Un’alta percentuale della popolazione della Corea del Sud sostiene ancora una volta la prospettiva di un accordo con il Nord e persino la riunificazione a determinate condizioni. Se la transizione ‘cinese’ della Corea del Nord e la riunificazione condizionata avranno successo, i lavoratori del Nord dovranno affrontare le crescenti carenze e disuguaglianze della privatizzazione dell’economia e la loro riconversione in forza lavoro. L’unità capitalistica della penisola inciderà ulteriormente sui diritti dei lavoratori del Sud. Questa prospettiva solleva la necessità del sindacato dei lavoratori coreani, con un programma proprio. La classe operaia ha di fronte una lotta internazionale affinché il destino nazionale coreano sia deciso dai lavoratori.  La lotta per l’autodeterminazione nazionale coreana, basata sulla conservazione dei benefici sociali e su un’Assemblea Costituente Libera e Sovrana, trasformerà il proletariato della penisola in una forza decisiva, e sarà un ponte per i lavoratori di Cina e Giappone. Le classi dirigenti e le burocrazie della regione sono ben consapevoli del “pericolo” che rappresenterebbe un esaurimento dei “negoziati” e l’intervento delle masse. Nascosto dai media, è il principale fattore storico presente.

Medio Oriente

Mentre l’Asia-Pacifico si va delineando un potenziale scenario di guerra di proporzioni gigantesche e anche di sfide rivoluzionarie, la guerra in Medio Oriente sta crescendo in grandezza e opera come prova generale di una prospettiva di guerra per il mondo intero.

Al relativo consolidamento dell’asse Putin-Bashar-Assad-Iran in Siria ha risposto con un’escalation militare dello stato sionista, che comprende Gaza e il Libano. I massacri di Gaza rispondono all’obiettivo di lunga data di sradicare la popolazione palestinese; il governo sionista ha ufficialmente respinto la soluzione dei “due stati”. C’è stato anche un colossale peggioramento della guerra e dei massacri nello Yemen da parte dell’Arabia Saudita e degli Stati Uniti. Il non riconoscimento da parte di Trump dell’accordo dei “sei” (Russia, Germania, Francia, Cina, Gran Bretagna, USA), che impone un tetto allo sviluppo nucleare dell’Iran, ha creato una crisi nelle relazioni economiche e politiche tra gli USA e l’Unione Europea. Trump esige che la Guardia Rivoluzionaria iraniana, gli Hezbollah e altre forze sciite si ritirino dalla Siria e smettano di sostenere i loro alleati nello Yemen. Chiede inoltre di interferire nell’accordo Russia-Turchia-Iran sulla soluzione politico-costituzionale in Siria. Trump e Netanyahu denunciano l’intenzione del regime iraniano di imporre una “zona d’influenza” che si estenderebbe da Teheran al Mediterraneo. Così facendo, cercano di giustificare una guerra che alimenta una dominazione politica e militare di Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita nella regione. Da parte sua, l’Unione europea, insieme a Cina e Russia, chiede a Teheran di cedere alle richieste americane, con il pretesto di salvare l’accordo nucleare e di porre fine alle sanzioni economiche. L’accettazione di questo tipo di ultimatum diventerebbe senza dubbio il primo passo nella debacle del regime iraniano, vessato anche dalla borghesia indigena, duramente colpita dal blocco economico internazionale.

Famose pubblicazioni, come The Economist e Financial Times, hanno descritto come Trump abbia intrapreso una politica di cambiamento di regime – che in ultima analisi, significa un attacco militare. Il rafforzamento di Trump delle sanzioni economiche ha trasformato ancora una volta l’Iran in una zona di disputa contro le imprese, soprattutto in Europa, che avevano approfittato della firma del trattato per investire massicciamente nello sfruttamento del petrolio, che è fondamentalmente obsoleto. Il veto statunitense di aziende come Total ha mostrato il dominio del sistema monetario centrato sul dollaro sull’economia mondiale nel suo complesso. Come promotore di un “commercio globale” nel dopoguerra, è diventato il suo principale ostacolo. Le previsioni di una transizione dal dollaro allo yuan, come spina dorsale del sistema monetario internazionale, fanno parte delle illusioni pacifiste. Tutte le transizioni valutarie, dal fiorino olandese in poi, hanno attraversato guerre internazionali. In ogni caso, la Borsa di Shanghai è stata colpita più duramente dall’attuale guerra finanziaria.

In contrasto con questa offensiva contro l’Iran e l’Europa, la precaria alleanza tessuta tra Siria, Turchia e Russia ha continuato ad avanzare per imporre, alle proprie condizioni, la cosiddetta “soluzione politica” alla guerra in Siria. La Turchia si scontra con il resto della NATO e soprattutto con gli Stati Uniti per la sua politica di sradicare il movimento curdo dal territorio curdo della Siria settentrionale. Nel bel mezzo di questa guerra c’è un accordo non scritto che divide la Siria in aree di controllo della Turchia a nord, Israele a sud e il cosiddetto “territorio fertile” di Bashar al-Assad. L’autodeterminazione nazionale esercitata dai “nazionali e popolari” nella maggior parte del mondo per giustificare il loro sostegno al regime di massacro siriano è una semplice narrazione. Gli accordi di Astana, da un lato, tra Erdogan, Rohani e Putin, e quelli tra Putin e Netanyahu, dall’altro, non lasciano dubbi sulla precaria divisione della Siria, celata dalla fraseologia di “uscita politica”.

Nel tentativo di unire il suo fronte interno, dopo il colpo di stato militare del 2016, Erdogan ha scatenato altri conflitti internazionali, al di fuori della Siria e dell’Iraq, ad esempio in relazione allo sfruttamento del gas sulle coste di Cipro, dove anche Grecia e Israele si contendono. Tsipras (l’ex “amico” dei palestinesi) ha raggiunto un accordo con Netanyahu. La questione di Cipro è che ancora una volta si contrappongono la Turchia e la Grecia. Le rivoluzioni arabe del 2011 hanno rivelato la definitiva irrealizzabilità dei regimi politici emersi in Medio Oriente dopo le sconfitte subite nelle ultime due guerre con Israele. La crisi economica mondiale colpisce ancora una volta Egitto, Iran, Giordania, Turchia e anche l’Arabia Saudita. Le illusioni della borghesia “islamica” dell’Anatolia turca di forgiare la propria egemonia nel territorio dell’ex Impero Ottomano sono state infrante. È impossibile fare una prognosi per il Medio Oriente senza includere la disintegrazione del regime di Erdogan nello scenario nel suo complesso.

Il conflitto incentrato sulla guerra in Siria si è prolungato fino allo scontro tra Arabia Saudita e Qatar, la cui causa ufficiale è lo sfruttamento congiunto dei giacimenti di gas del Golfo Persico, che l’emirato sta sviluppando con l’Iran. I sauditi sono venuti a pianificare un’invasione del loro vicino di casa con un esercito mercenario, che hanno arrestato di fronte all’opposizione del Pentagono.  Gli Stati Uniti hanno evitato di allinearsi ufficialmente con il regno saudita su questo punto, e stanno addirittura spingendo per un accordo. In cambio, chiedono la fine del sostegno del Qatar ad Hamas a Gaza.  Erdogan sostiene il Qatar e ha dispiegato una forza militare per sostenere l’emiro del Qatar. Pompeo cerca di disarticolare il conflitto che cresce giorno dopo giorno. Un eventuale attacco all’Iran sarebbe un conflitto regionale varie volte superiore a quello della Siria.

È nota, tuttavia, la tendenza alla disintegrazione politica del regime saudita, che si è manifestata nella epurazione scatenata dal nuovo governo di Mohammed bin Salam contro gli sceicchi del regno. La caduta del prezzo internazionale del petrolio di due anni fa ha messo in luce la vulnerabilità dell’economia petrolifera saudita, con deficit fiscali crescenti e una crescita inarrestabile del debito pubblico – e, soprattutto, la disoccupazione. Da qui emergono piani per offrire una percentuale del monopolista del petrolio Aramco nei mercati azionari e procedere ad una improbabile “diversificazione dell’economia”. L’intenzione di vendere una parte di Aramco ha scatenato una forte disputa tra la City di Londra e la Borsa di New York. La lotta per l’interferenza e l’eventuale controllo di questa gigantesca azienda potrebbe colpire il mercato petrolifero nel suo complesso. L’avvicinamento dell’Arabia Saudita alla Russia e persino alla Cina (il principale importatore internazionale di combustibili) non è estranea a questa insolubile impasse della monarchia saudita. Il rinvio dell’annunciata vendita in offerta pubblica di Aramco nel corso del 2018, è il risultato degli scontri nel regno. Una partecipazione privata esporrebbe la corruzione che circonda il suo consiglio di amministrazione e le prebende degli sceicchi. Le ultime notizie dicono che la vendita di azioni sarà sulla borsa valori dell’Arabia Saudita – il Tadawul Exchange.

Accademici e giornalismo politico tendono ad esaltare la solidità dello stato sionista, in contrasto con le crisi dei suoi cosiddetti “nemici storici”. Netanyahu non è riuscito a evitare, tuttavia, l’ingresso “riuscito” della Russia sulla scena siriana, l’avanzata dello sciismo filo-iraniano (indipendentemente dall’inarrestabile crisi del regime ayatollah), la rottura della sua storica alleanza con la Turchia e, non da ultimo, la disintegrazione proprio di tutti gli stati vicini, e persino l’irruzione rivoluzionaria delle masse in alcuni di essi. La crisi dei vecchi regimi in Medio Oriente appare come una tregua che il sionismo confonde con la fattibilità, quando è vero proprio il contrario, perché il sionismo non può riempire il vuoto di quel crollo. L’alternativa della guerra diffusa è semplicemente un incubo per la popolazione ebraica. Questo spiega le ripetute dichiarazioni dell’apparato di sicurezza dello stato sionista e degli ex capi dell’esercito contro la politica di espansione degli insediamenti coloniali e l’espulsione sistematica degli arabi palestinesi. La limitazione storica del sionismo non sarà salvata da un’alleanza con Trump – può solo provocare un crollo.

Le mobilitazioni popolari in Iran e Tunisia, all’inizio dell’anno, soprattutto di operai di tutte le dimensioni, e anche i parziali scioperi metallurgici in Turchia (generalmente vittoriosi), dimostrano che i colpi di stato controrivoluzionari e la repressione non hanno messo fine alla tendenza alla ribellione popolare. In questo quadro, gli slogan storici della Quarta Internazionale sono ancora più validi che in passato; ci riferiamo alla Federazione Socialista del Medio Oriente, attraverso la rivoluzione proletaria. Le cosiddette divisioni etniche sono essenzialmente di natura politica, non hanno l’entità loro assegnata dalle sette confessionali. Saranno superati da alleanze di sfruttati guidati dalla classe operaia, su base e prospettiva internazionalista. Questa Federazione socialista renderà praticabile lo smantellamento dello Stato sionista e la realizzazione del diritto al ritorno del popolo palestinese.

La transizione verso una crisi globale su larga scala

L’economia mondiale è entrata in una fase di scontri commerciali e finanziari senza precedenti. È una conseguenza degli sviluppi che la crisi ha avuto dopo il fallimento internazionale del 2007/8. In questa nuova fase spiccano le rappresaglie tra le grandi potenze. Vi è un’inversione dei flussi finanziari che colpisce l’intera economia mondiale, non solo le cosiddette “economie emergenti”. La “normalizzazione” della politica monetaria è giunta troppo tardi per contenere il crollo del debito pubblico e lo straordinario indebitamento delle banche e delle imprese industriali.   Un’accentuazione della guerra economica, soprattutto finanziaria, in quest’ultimo caso potrebbe rovesciare diversi regimi politici e creare situazioni rivoluzionarie.

Gli economisti borghesi presentano lo svolgersi della crisi come un fenomeno “macroeconomico”, che riguarda gli squilibri dei conti pubblici e della bilancia dei pagamenti. Come dimostrato dal calo degli investimenti globali, c’è una crisi del tasso di profitto anticipato. Dietro i crolli “macroeconomici” e il fallimento delle politiche economiche, opera la legge fondamentale del capitalismo, che è la tendenza alla svalutazione del capitale investito. La pretesa di superare questo limite attraverso una valorizzazione fittizia amplia la portata del successivo crollo: le rendite consumano i profitti industriali – i dividendi vengono pagati tramite prestiti.  La crisi mondiale è un metodo anarchico di ristrutturazione dei rapporti sociali della produzione, che sono entrati in una contraddizione sempre più esplosiva con lo sviluppo delle forze produttive. Essa accentua la lotta di classe e la tendenza alla guerra da un lato e alla rivoluzione dall’altro.

C’è una tendenza al ripiegamento nazionale, che non è altro che la prova che lo Stato è la risorsa ultima del capitale di fronte al fallimento. Ma la crisi che il salvataggio capitalista provoca negli stati nazionali può essere risolta solo nell’arena della rivalità internazionale. Da qui la tendenza al fascismo e alla guerra. Le misure protezionistiche scatenate dal regime di Trump puntano nella direzione opposta a quella di un muro del mercato interno. Sia contro il Messico e il Canada, sia contro l’Unione europea e la zona euro, e soprattutto, naturalmente, contro la Cina, il governo degli Stati Uniti intende, da un lato, imporre un maggiore accesso al suo capitale e, soprattutto, bloccare lo sviluppo dei suoi rivali. La fase di straordinari guadagni offerti dall’integrazione della Russia e della Cina nel mercato mondiale è stata relativamente esaurita – i rendimenti della “globalizzazione” sono decrescenti.

La cricca di Trump chiede niente di meno che la Cina ponga un limite allo sviluppo della scala del valore della sua industria, che minaccia di rompere il monopolio statunitense nel campo dei semiconduttori – il cuore della tecnologia moderna (“Cina 2025”). Chiede anche di porre un tetto all’espansione della cosiddetta ‘Via della Seta’, che è un piano infrastrutturale che collega la Cina con l’Europa attraverso vari corridoi. Sono gli stessi che l’Unione Europea ha pianificato negli anni ’80 e ’90, senza successo. Con queste richieste in termini di sicurezza nazionale, Trump ha formalizzato una politica di guerra contro la Repubblica Popolare Cinese. La questione della Corea del Nord, come è già stato detto, si intreccia con l’evoluzione di questo conflitto strategico. Non meno importante è lo scontro con l’Europa, dove i vantaggi decrescenti della zona euro – il vano tentativo della borghesia europea di creare una valuta di riserva in competizione con il dollaro – stanno diventando sempre più evidenti. Il crollo della Grecia, il Brexit, ora la crisi italiana e più in generale la crescita delle tendenze al ripiegamento nazionale dell’ultradestra europea, costituiscono prove evidenti di un rallentamento o caduta diretta del tasso di profitto capitalistico, nonostante la gigantesca distruzione dei diritti sociali che ha avuto luogo soprattutto in Europa.

Lo sviluppo della crisi mondiale ha scatenato uno scontro di forze sociali all’interno della borghesia mondiale, e soprattutto della borghesia americana. La burocrazia restauratrice della Cina e la classe capitalista che si è sviluppata attraverso quella restaurazione non hanno i mezzi per costruire un nuovo imperialismo – “in un solo paese”. Si trovano ad affrontare, e questo nel breve termine, lo scoppio di una crisi finanziaria, che ha già avuto la sua prima esplosione tra il 2014 e il 2015. Questa crisi prende il volo come conseguenza di una gigantesca speculazione immobiliare; il suo finanziamento da parte di banche “deregolamentate”, che sono in stato di insolvenza; un eccesso di capacità installata in industrie sature; una gigantesca immobilizzazione di capitali in titoli del Tesoro statunitense e di altri paesi. Accanto ai loro piani di “espansione”, la burocrazia cinese ha sviluppato altri piani – per ottenere assistenza dal sistema finanziario internazionale per venire in soccorso delle finanze cinesi.

Non va dimenticato che la restaurazione del capitalismo in Cina, per quanto importante sia il suo territorio e soprattutto la sua popolazione o il suo potenziale di sviluppo, avviene con i metodi del capitalismo decadente e senile – il capitalismo monopolistico e il gigantesco capitale fittizio. I grandi progetti cinesi affrontano i propri limiti. Questo spiega i ripetuti tentativi del governo di produrre una riforma bancaria e borsistica a lungo termine che attiri finanziamenti internazionali per i suoi obiettivi – sia tecnologici che infrastrutturali. Una parte, probabilmente la maggioranza del capitale mondiale, sarebbe favorevole ad associarsi, alle proprie condizioni, a questi obiettivi, e non di bloccarli, come sta accadendo dall’inizio della restaurazione capitalistica. Lo dimostra l’associazione di diversi paesi alla Bric Bank (Brasile, Russia, India, Cina), e alla Infrastructure Bank istituita dalla Cina, da cui sono stati esclusi solo gli Stati Uniti e il Giappone – anche prima dell’ascesa di Trump. E’ vero, tuttavia, che anche questa “via” non poteva annullare la tendenza alla rivalità per la partecipazione agli utili e, in ultima analisi, la tendenza alla diminuzione dei rendimenti. Mentre Trump si dedica a minacciare il mondo intero attraverso i tweet, nel mercato globale, ogni giorno, tra aziende internazionali e cinesi. L’obiettivo è quello di entrare nei mercati più preziosi della Cina e persino di raccogliere il capitale necessario attraverso partnership. Negli ultimi anni, tuttavia, Francia e Germania hanno cercato di bloccare l’associazione dei capitali cinesi con lo slogan “difendiamo i nostri campioni nazionali”. D’altra parte, si sforzano di aprire ancora di più i mercati cinesi agli investimenti europei.

Un altro obiettivo molto importante dell’offensiva di Trump è la zona euro, e in particolare la Germania, che accusa di accumulare un inaccettabile surplus commerciale. Trump, un agente delle compagnie petrolifere, vuole imporre l’ingresso di gas nordamericano non convenzionale in Europa, che fino ad ora è stato rifornita dal Nord Africa e dalla Russia. Si tratta di un grande conflitto capitalistico, con implicazioni per gli schieramenti politici internazionali. Il regime dell’Alleanza atlantica, imposto dopo l’ultima guerra, è minacciato di esplosione. Trump ha dichiarato che qualsiasi tentativo dell’Europa di dotarsi di una forza militare indipendente sarebbe considerato “casus belli”. La crisi italiana e il cambiamento politico frontale che ha avuto luogo in Italia nelle ultime elezioni, inaugurano una nuova fase di disintegrazione dell’UE e della zona euro. Lo dimostra il suo impatto in Germania, dove il governo della Merkel vacilla, già colpito dal rifiuto ottenuto nelle ultime elezioni. A differenza della Grecia e, naturalmente, del Brexit, l’Italia ha nel suo fascicolo un “piano B”, che prevede la circolazione di una valuta parallela all’euro, che continuerebbe ad operare come unità di conto per le attività e i patrimoni finanziari, per sostituirla al momento opportuno e porre fine all’unità monetaria della zona. La crisi mondiale ha spietatamente demolito l’intero edificio “istituzionale” eretto dall’imperialismo, e ha aperto le vene di una dissoluzione del mercato mondiale.

L’aspetto singolare di questa crisi è la divisione che ha causato nella borghesia americana, che in Argentina si chiamerebbe “la grande crepa”. L’opposizione a Trump non smette di ribadire le sue contraddizioni ‘mercantiliste’ – per esempio, che un ‘livellamento’ del commercio con la Cina danneggerebbe le esportazioni verso gli Stati Uniti da parte di società statunitensi con sede lì. In opposizione all’equilibrio della “bilancia commerciale”, chiedono di prestare attenzione alla bilancia dei pagamenti, dove c’è un netto avanzo a favore degli Stati Uniti, per quanto riguarda il rimpatrio di dividendi, interessi e servizi diversificati all’estero. I principali analisti sottolineano che gli Stati Uniti non hanno la capacità produttiva per far fronte alla differenza di 350 miliardi di dollari che sarebbe necessaria per correggere il deficit commerciale con la Cina. Queste differenze di approccio rivelano il deserto industriale che ha creato, negli Stati Uniti, l’internazionalizzazione del capitale americano e la sua conversione nell’ultima fase della scala di valore delle nazioni con la forza lavoro più economica; la dimensione colossale del suo capitale fittizio ha reso ipertrofico il suo sviluppo industriale. I rendimenti decrescenti della “globalizzazione” per il capitale americano si intrecciano con l’obsolescenza in cui le infrastrutture e gran parte dell’industria sono rimaste negli Stati Uniti, dove il deterioramento sociale è in crescita. I lavoratori in Europa e negli Stati Uniti sono stati relativamente più duramente colpiti dalla “globalizzazione”. L’incompatibilità tra la forma dello Stato nazionale, da un lato, e l’economia mondiale, dall’altro, ha raggiunto un livello esplosivo senza precedenti.

Anche se gli analisti finanziari sottolineano che la guerra economica scoppiata non ha ancora colpito i mercati finanziari, l’inversione del “rally rialzista” del debito pubblico e del mercato azionario è evidente dallo scorso dicembre.a

Il tasso di interesse sul titolo del Tesoro USA a 10 anni è salito dall’1,30% al 3,1% in due anni. La leva finanziaria di questa obbligazione, utilizzata dalle banche come garanzia del debito, ha iniziato a diminuire, per evitare il rischio di perdite straordinarie.

lBX:TMBMKIT-02Y

Questa è l’evoluzione del tasso di interesse del bond biennale dell’ITALIA – da un tasso negativo dello 0,25% annuo allo 0,50% annuo. Il crollo delle obbligazioni è un segno che i “mercati” ritengono che il debito pubblico italiano di quasi due trilioni e mezzo di euro sia entrato nella zona “default”.

Il mercato azionario dei paesi sviluppati non è migliore dei paesi “emergenti”, indipendentemente dal rating dato agli uni e agli altri.

Parlare della stabilità dei mercati finanziari significa ignorare ciò che sta accadendo.c

Questo Indice dei Mercati Emergenti, IME, ha accumulato dall’inizio dell’anno un calo di oltre il 10%.

dBorsa di Shangai

Con una sequenza diversa da quella della crisi degli anni ’30, la tendenza verso un nuovo collasso è chiara. In Cina, la Banca Centrale ha appena aperto il rubinetto di liquidità per aiutare le aziende e le banche insolventi, mentre la Russia ha dovuto venire in soccorso di diversi conglomerati colpiti dalle sanzioni di Trump.

I tagli fiscali promossi dal governo di Trump hanno causato un flusso di denaro verso gli Stati Uniti e creato una certa illiquidità a livello internazionale, che colpisce i mercati più indebitati. D’altra parte, il debito pubblico americano è in aumento, per finanziare un deficit del Tesoro e degli stati dell’ordine del 6/7% del PIL – che è vicino a un trilione e mezzo di dollari, con una tendenza naturalmente crescente. Questa politica di riattivazione economica è un riconoscimento dei limiti dei tentativi di superare il ciclo recessivo scatenato dalla crisi del 2007/8 e ancor prima dalla crisi asiatica (1997).  La Federal Reserve ha iniziato a ritirare il finanziamento monetario dal deficit per evitare di polverizzare il dollaro come valuta di riserva internazionale. Alla luce di questo quadro generale, molti prevedono che le perdite di denaro da diversi paesi “emergenti”, come la Turchia, il Brasile, l’Argentina e potenzialmente il Messico, diventeranno l’innesco di un nuovo e diffuso crollo finanziario.

Crisi, crolli e guerre sono state le madri di tutte le rivoluzioni, che, dopo tutto, non sono altro che l’espressione della ribellione delle forze produttive contro l’ordine sociale e politico esistente. La sinistra, in modo diffuso, ha fatto ricorso al pretesto che nessun regime sociale o politico cade automaticamente, per sviluppare un approccio puramente empirico alla crisi mondiale, e rifiutarsi di trasformarla nel granitico punto di partenza di qualsiasi strategia rivoluzionaria nel periodo attuale. Le rivoluzioni arabe, le guerre civili, in alcuni casi, e le guerre imperialiste, in altri, sono state, se non il prodotto, poi il risultato della crisi mondiale, così come l’argentinazo, il crollo delle gestioni ‘populiste’ in America Latina, o nel presente, il crollo delle gestioni ‘neoliberali’ e l’insurrezione in corso in Nicaragua contro un governo ‘bolivariano’ sostenuto dall’imperialismo yankee.

“Destra, dest!”

Uno degli sviluppi politici più rilevanti del periodo attuale è stata l’ascesa della cosiddetta ‘estrema destra’ in un numero considerevole di paesi. In generale, questa destra ha formato governi bonapartisti o semi-bonapartisti, di potere personale e parlamenti fittizi. La galleria spazia da Putin e Xi Jinping a Trump e passa per Erdogan o l’egiziano Al Sisi (cui si è recentemente aggiunto il saudita Mohammed bin Salman), e si manifesta soprattutto negli stati dell’Est europeo, crescendo in Italia e Germania. Sebbene fortemente segnato da peculiarità politiche, nazionali e storiche non trasferibili, il suo filo conduttore è lo sviluppo della crisi mondiale.

Il caso di Putin è emblematico, perché emerge come una soluzione dei servizi di sicurezza dello Stato di fronte alla minaccia di disintegrazione nazionale implicita nella restaurazione capitalistica sotto la guida della cricca di Eltsin e soprattutto degli Stati Uniti, e la guida dei Clinton e delle grandi banche internazionali. Il crollo della Borsa di Mosca e i fallimenti del 1997, sulla scia della crisi del sud-est asiatico, collega il bonapartismo russo con il fallimento capitalista internazionale. La promessa di democrazia portata avanti dalla restaurazione capitalistica è sepolta prima ancora che si formi un embrione.  Il bonapartismo putiniano mira anche a contenere i processi nazionali di autodeterminazione e lo sviluppo di organizzazioni operaie indipendenti. L’impronta bonapartista esclude che si tratti di un fenomeno fascista, i cui seguaci sono relegati ai margini, perché non esiste uno scenario di guerra civile. Il fenomeno dell’estrema destra non deve essere confuso con il fascismo, che è sempre una mobilitazione di masse declassate dalla stessa crisi capitalistica, contro il proletariato, con metodi di guerra civile. In specifiche condizioni eccezionali, tuttavia, il Bonapartismo può emergere come una breve transizione o ponte verso il fascismo.

I fenomeni di destra nell’Europa orientale hanno una radice simile a quella della Russia, anche se attenuata, in primo luogo, dalla sua integrazione nell’Unione europea, e successivamente accentuata da quella stessa appartenenza, aggravata dallo scoppio della crisi di dieci anni fa. Sia in questo caso che in Russia, la destra si consolida dopo il passaggio attraverso esperienze socialdemocratiche, che sono quelle che portano alla privatizzazione dell’economia e ai programmi di aggiustamento. Il centro-sinistra finisce per essere identificato con la miseria e la perdita dell’autonomia nazionale – una caratteristica comune a tutti i processi di destra, dove non si manifesta l’influenza di un partito rivoluzionario. Le possibilità di una rinascita bolscevica nell’area dell’ex campo socialista furono temporaneamente esaurite dalla sconfitta delle rivolte operaie nell’est e in Russia negli anni ’70 e ’80, e soprattutto dal passaggio della sinistra al campo della restaurazione capitalista. Non è nemmeno possibile concepire lo sviluppo di una sinistra rivoluzionaria senza la critica più implacabile dell’approccio democratico, che ha coperto e continua a coprire il capitale e la sua politica.

Nonostante l’accentuata diversità dei fenomeni bonapartisti e soprattutto l’ascesa della destra o “estrema destra”, la prova acido della destra politica è stata centrata sui paesi che hanno formato il nucleo della cosiddetta “unità europea”. In questo senso, questa destra appare in una fase iniziale come una reazione alla cosiddetta perdita di sovranità nazionale e alle crisi affrontate, fin dall’inizio, dalla formazione di uno spazio economico e politico unico. Dalla “comunità dell’acciaio”, all’inizio, al “mercato comune” e alla “zona euro”, questa “unità” è progredita attraverso crisi che hanno intensificato le sue insormontabili contraddizioni – vale a dire l’impossibilità di un’associazione capitalista internazionale o “ultra-imperialismo”. Il tentativo di destra, tuttavia, si trova di fronte ad un limite decisivo, che è l’impossibilità di superare l’impasse dell'”unità europea” attraverso il ritorno ai vecchi confini economici, e quindi politici, nazionali. L’ala destra minaccia di far esplodere quella “unità” dal suo stesso centro di gravitazione. Questa contraddizione insormontabile si è manifestata, con lo scoppio della crisi mondiale, in Grecia, poi in Gran Bretagna e più volte in Italia. La crescente impasse del Brexit evidenzia la precarietà di ogni tentativo di fare marcia indietro, anche per un potere come la Gran Bretagna. Avanti o indietro, l’UE e l’area dell’euro si stanno avvicinando a un’implosione di enorme portata, che avrà conseguenze rivoluzionarie o controrivoluzionarie, a seconda delle forze presenti e del contesto internazionale. Questa implosione determinerà la possibilità di un fenomeno fascista, ma non prima; l’ascesa della destra o ‘estrema destra’ al governo costituisce un tentativo anticipatorio, limitato al “controllo dei danni”, sotto forma bonapartista.

Il fenomeno di destra più “spericolato” è senza dubbio quello tedesco, con l’ascesa dell’Afd, l’Alternativa per la Germania, che rivendica la tradizione del nazismo. Da fattore di contenimento del nazionalismo di vecchio stampo in Europa e difensore di un’identità politica sovranazionale, la Germania potrebbe diventare il contrario. La corrente reazionaria ha preso slancio dai settori disoccupati e impoveriti degli stati che erano sotto il controllo stalinista prima dell'”unificazione”. Molti di essi sono stati declassati. Il regime politico ha perso il sostegno elettorale che è passato dall’80% a meno del 50% per i due principali partiti del sistema. Le divergenze sulla questione dell’immigrazione non sono la causa di questa decomposizione politica, ma solo la copertura di ciò che è fondamentale: la disintegrazione dell’UE e della zona euro – una moneta che non ha raggiunto lo scopo di competere con il dollaro come moneta di riserva. Attaccare e reprimere gli immigrati è uno strumento demagogico pre-fascista per deviare la ribellione popolare contro la crescente miseria sociale e l’assenza di uscite. Alla fine, il gigantesco spostamento di masse, dal Medio Oriente e dal Nord Africa, è la conseguenza delle guerre massacro della capitale mondiale e dei suoi stati, che non si prevede di cessare.

L’ascesa della destra e dell'”estrema destra” avviene sulle spalle della socialdemocrazia e dello stalinismo, in Europa, che sono retrocessi a livello di sette, o che, come in Spagna e Portogallo, governano in minoranza con il sostegno di maoisti, “trotskisti” e indignados (Podemos). Il centro-sinistra, la sinistra e l'”estrema sinistra” in Europa sono stati i protagonisti attivi della cosiddetta “costruzione europea” – alcuni del governo, altri “criticamente”, cioè in forma ipocrita. L’estrema sinistra europea è forse la più politicamente degenerata del mondo. Propone un'”Europa sociale” o addirittura un'”Europa socialista”, come estensione della pseudo internazionalizzazione degli Stati europei, e non come la rottura dell’UE e dell’euro, con la prospettiva degli Stati Uniti socialisti d’Europa, Russia compresa. La demagogia di destra non affronta risposte rivoluzionarie ma democratizzanti, lasciando le masse senza una prospettiva anticapitalista di lotta al fascismo. Il crollo democratizzante ha persino trascinato le destre tradizionali di Francia, Italia e persino Spagna (Sarkozy, Berlusconi, Rajoy); la disintegrazione del sistema politico italiano dura da decenni – dal crollo della Democrazia Cristiana e dei Comunisti, e lo stesso è accaduto in Francia.

La crescita di destra, ossia la disintegrazione europea, ha dato luogo a nuovi sviluppi politici; da un lato, ad accordi politici di questa destra con Putin; dall’altro, cosa ancora più importante, al corteggiamento della destra “antieuropea” da parte di Trump, che si integra con gli attacchi ai partiti tradizionali e con la guerra economica che ha scatenato contro i paesi dell’euro. La guerra economica diventa guerra politica. Lo sciovinismo europeo potrebbe vedere in Trump un “contrappeso” alla resistenza offerta dall'”establishment” tradizionale: in questo caso, passerebbe da un padrone coloniale attenuato a uno infinitamente più aggressivo – porterebbe la disintegrazione dell’Europa a un parossismo. Gli antagonismi del processo capitalista rendono impraticabile una “internazionale” sciovinista, prefascista, ‘d’estrema destra’, da Trump a Putin, passando per l’Europa, per non parlare di Erdogan, Xi Jinping o il nordcoreano Kim Jong-un. Ciò che questa “fantasia” mette in evidenza, tuttavia, è la tendenza della borghesia alla reazione politica e alla guerra. Oltre ad essere il centro del fallimento capitalista internazionale, gli Stati Uniti sono diventati anche il centro di una soluzione bonapartista e sciovinista alla crisi politica aggravata dalla crisi mondiale. Ciò che può essere tranquillamente concluso di fronte alla crisi politica scatenata negli Stati Uniti dall’ascesa di Trump e dalla resistenza di un settore forte della borghesia statunitense, è che un’inversione del Bonapartismo statunitense porterebbe a una controtendenza democratica molto transitoria – perché Trump è il risultato della decadenza degli Stati Uniti e della decadenza della sua democrazia di contenuto imperialista.

La destra bonapartista è salita al governo, in diversi paesi, come conseguenza della crisi mondiale, ma non ha risolto, e nemmeno affrontato, i problemi sociali creati da quella crisi; nonostante la sua virulenza verbale e la repressione della polizia e dei servizi, sono afflitte da un grande immobilismo. In Ungheria o in Polonia sono state sfidato, in più di un’occasione, da massicce mobilitazioni. Le crisi che li hanno portati al governo, attraverso nuove esplosioni, avranno il compito di farla fuoriuscire, con mezzi popolari o più reazionari, ma sempre con nuovi scontri di classe e nuove esperienze politiche. Questa sarà l’occasione per le tradizioni rivoluzionarie di questi popoli di rinascere. Noi socialisti dobbiamo preparare, politicamente e organizzativamente, l’irruzione delle masse e un esito rivoluzionario.

America Latina

Nel corso dello sviluppo di questa crisi globale, l’America Latina ha offerto un proprio panorama. La crisi mondiale ha spazzato via le sue esperienze bolivariane o nazionali e popolari e ha dimostrato, ancora una volta e per l’ennesima volta, la loro incapacità di compiere un tentativo di reale autonomia nazionale. Dall’inizio della crisi attuale, gli anni Settanta, la povertà si è decuplicata e la miseria sociale, che aggiunge alla sopravvivenza precaria la precarietà del lavoro e lo sfruttamento intensificato, a livelli senza precedenti.

La controffensiva di destra o ‘neoliberale’, che ha causato questo fallimento, non ha messo radici in nessun paese: non in Argentina, non in Brasile, non in Ecuador o Cile. Le elezioni che si terranno in Messico gireranno il pendolo nella direzione opposta, senza riaprire una prospettiva di indipendenza nazionale. Mentre López Obrador cerca di placare i magnati messicani, il crollo che minaccia l’accordo commerciale con il Canada e gli Stati Uniti stimolerà un intervento eccezionale da parte di tutte le classi sociali. Il Messico deve affrontare la possibilità di una frammentazione dello Stato nazionale. Dopo una tregua benevola da parte dei mercati internazionali, la guerra economica internazionale e le sue derivazioni finanziarie hanno provocato una fuga di capitali all’estero. In Argentina è stata sollevata la possibilità di un crollo politico e di una soluzione in coalizione con il peronismo; in Brasile, la crisi politica mostrerà tutta la sua ampiezza quando le prossime elezioni lasceranno nuda l’ingovernabilità del paese. In entrambi i paesi ci sono stati grandi sconvolgimenti sociali; in Argentina la mobilitazione dei lavoratori contro la riforma delle pensioni e la riforma delle donne per il diritto all’aborto, oltre a numerose lotte parziali con i metodi di occupazione dei posti di lavoro. In Brasile, oltre alle lotte parziali, un recente sciopero di camionisti, sindacati autonomi e datori di lavoro ha lasciato il paese sull’orlo del collasso e ha inferto un duro colpo alla “deregolamentazione” e alla privatizzazione del petrolio.

L’America Latina sta attraversando un periodo caratterizzato dalla decomposizione dei regimi sociali e politici in tutto il continente. Questa è una delle peculiarità del momento politico attuale.

In Argentina, un’impraticabilità del macrismo lascerebbe, da un lato, l’alternativa di una coalizione tra il macrismo e il peronismo; dall’altro, una coalizione del peronismo con il kircnerismo, che potrebbe accettare, al limite, il posto di secondo violino. Questo è anche il caso del Brasile, dove il Lulismo rifiuta il ritorno al governo attraverso la mobilitazione e l’azione diretta, ed è deciso a sostituire le candidature di Lula all’interno di un ampio spettro politico della borghesia. Direttamente responsabile di una crisi monumentale e intrecciata con la grande borghesia durante il suo governo – tra cui tangenti e corruzione – Kirchnerismo e Lulismo intendono funzionare come una risorsa di salvataggio per il regime capitalista di ultima istanza, con i “programmi” keynesiani per riattivare l’economia, attraverso le esportazioni. Per ora, la borghesia nega loro questo ritorno e scommette che una parte dell’agenda sarà occupata dal “neoliberismo”. Uno e l’altro hanno lanciato una campagna frontista – di “unità democratica” in Brasile e “anti-macrista” in Argentina, che ha ottenuto il sostegno di diversi settori della sinistra – per esempio il Psol, in Brasile. Qualunque sia il percorso di questo approccio frontista, il suo volo sarà breve, data la portata della crisi e il recente esaurimento delle rispettive esperienze. Il chavismo latinoamericano, in rinculo, utilizza una minaccia di ascensione o di rafforzamento della destra, per attaccare la proposta di un’alternativa indipendente dai lavoratori; curiosamente, la destra fa lo stesso, per evitare nuovi ‘argentinazos’. La lotta politica per un’adeguata caratterizzazione della fase attuale in America Latina è un aspetto fondamentale per determinare una politica rivoluzionaria. Prendendo tutti gli elementi insieme, la borghesia ha perso l’iniziativa strategica e potenzialmente è passata alla sinistra indipendente dai blocchi capitalistici.

Un’adeguata sintesi di questa caratterizzazione si riflette nella ribellione popolare in Nicaragua, che sta assumendo un carattere insurrezionale. Il regime di Ortega, un chavista nominale, è un agente diretto del FMI e del grande padronato ‘nicaraguense’ e straniero, che lo hanno premiato come il miglior “alunno” degli investimenti stranieri in America Latina. Combatte la ribellione popolare con i metodi fascisti delle “task force”. Le masse in lotta, tra l’altro, non sono arrivate a questa situazione con una prospettiva politica propria, il che dà spazio alle manovre “democratiche” degli imprenditori e del clero ortodosso, che civetta con la ribellione. Mentre le persone in lotta chiedono la caduta immediata della famiglia Ortega, il clero e la borghesia hanno accettato la richiesta di elezioni anticipate per la metà del prossimo anno, cioè la continuità della cricca criminale. Questa è anche la posizione ufficiale del Dipartimento di Stato di Trump e della Segreteria Generale dell’OSA [Organizzazione degli Stati Americani, n.d.t.]. Anche il nuovo successore di Raul Castro a Cuba si è orientato verso questo campo controrivoluzionario. L’intero campo di democratizzazione ‘nicaraguense’ sostiene risultati ‘negoziati’ o ‘attraverso il dialogo’, accettando la ‘protezione’ delle bande orteguiste fino al completamento di un’eventuale transizione politica.

La degenerazione controrivoluzionaria del chavismo continentale si può vedere, naturalmente, in Venezuela. È stata impiantata un’economia di confiscatoria verso il popolo, senza via d’uscita alternativa, in considerazione del fatto che la Cina e la Russia subordinano il sostegno ad una riforma economica ad un accordo con Washington e al prezzo di una completa privatizzazione del bacino dell’Orinoco, come il Brasile ha imposto, anche se in altre condizioni, con Petrobras e il petrolio pre-sal.

La questione del potere si pone per il proletariato e contadini in America Latina in termini di tappa. La sinistra assume una posizione rivoluzionaria quando sviluppa una delimitazione politica di fronte al potere del capitale, nel suo senso più ampio, e prepara politicamente i lavoratori più avanzati e l’intera classe in lotta per questa prospettiva. La conquista degli spazi elettorali da parte della sinistra rivoluzionaria, in opposizione a quanto sostenuto dal cretinismo antiparlamentare, costituisce una grande vittoria politica e ha rafforzato la capacità di sviluppare la coscienza rivoluzionaria delle masse e la determinazione a lottare per il potere attraverso l’azione diretta degli sfruttati. La contraddizione tra l’azione parlamentare, da un lato, e l’approccio rivoluzionario del potere, dall’altro, deve essere risolta attraverso la propaganda e l’agitazione, senza concessioni al parlamentarismo.

La tappa in cui è entrata l’America Latina, nel contesto implacabile della crisi mondiale, richiede una politica internazionalista continentale e l’unità di azione delle forze rivoluzionarie. È necessaria una Conferenza internazionale della sinistra in America Latina. Si tratta di un metodo che serve a rafforzare la delimitazione politica con la sinistra democratizzante o centrista, perché si sviluppa sul terreno storico concreto. È una delimitazione che collabora allo sviluppo della comprensione delle prospettive rivoluzionarie. Pontificare per gli amici è sterile e demoralizzante. Non c’è un solo settore della sinistra latino-americana che sviluppi una proposta di potere di fronte alla maturazione della crisi economica e politica, nei termini della recente Conferenza internazionale che un gruppo di quartetti di partiti quartinternazionalisti ha tenuto a Buenos Aires all’inizio dello scorso aprile.

Ci troviamo di fronte ad un panorama mondiale dalle caratteristiche eccezionali, che sfida l’insieme dell’avanguardia operaia internazionale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...