Proteste in Russia contro l’innalzamento dell’età pensionabile. Repressione e centinaia di arresti.

Il progetto di Putin di innalzare l’età pensionabile da 55 a 60 anni per le donne e da 60 a 65 anni per gli uomini ha provocato un’ondata di proteste e disordini popolari in Russia. La misura è stata annunciata insieme ad un aumento dell’IVA (dal 18 al 20%) durante la Coppa del mondo e ha già una mezza sanzione da parte della Duma di Stato, una sorta di Camera dei deputati russa.

Di fronte all’indignazione popolare, Putin ha introdotto modifiche estetiche al progetto, ma la sua essenza rimane. Con una speranza di vita di 66 anni per gli uomini e 77 per le donne, secondo i dati dell’OMS, la riforma condanna i primi a morire mentre lavorano. D’altra parte, la natura miserabile delle pensioni (una media di 210 dollari al mese) spinge attualmente un terzo dei pensionati a continuare a lavorare. Questo mentre un’oligarchia è arricchita dal saccheggio del paese.

Le forze che sembrano trarre vantaggio dal malcontento sono il Partito Comunista e Alexei Navalny, un oppositore liberale che è stato escluso dalle ultime elezioni presidenziali, e che mantiene legami con l’imperialismo e con gruppi nazionalisti e di estrema destra (La Nación, 11/1/15). L’ultima ondata di proteste ha avuto luogo questo fine settimana, contemporaneamente allo sviluppo delle elezioni comunali, del governatore e dei parlamenti provinciali. Ci sono state proteste in 80 città che hanno riunito decine di migliaia di persone, poco più di 2.000 a Mosca. Il governo ha represso le proteste e arrestato centinaia di manifestanti. La settimana precedente, una manifestazione nella capitale russa ha riunito 10.000 manifestanti.

Le elezioni si sono svolte in questo contesto instabile. I candidati del partito ufficiale della Russia Unita hanno vinto nella maggior parte delle regioni, ma con un livello significativo di astensione (la partecipazione a Mosca è stata solo del 30%, secondo Al Jazeera). In quattro distretti il partito al potere dovrà andare al ballotaggio nella corsa per il governatore – in due di loro, contro i candidati del Partito Comunista e in due contro i rivali del Partito Liberale Democratico della Russia, una forza di destra (Moscow Times, 10/9).

Le misure contro le pensioni sono l’ennesima indicazione del carattere reazionario del governo di Putin, che arbitra nei suoi stessi termini il processo di restaurazione capitalista nel paese della Rivoluzione d’Ottobre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...