Stati Uniti, al centro della crisi globale

Di Pablo Heller

L’incontro annuale della Federal Reserve (FED) di Kansas City, con i rappresentanti delle principali banche centrali del mondo, non si è sottratto alle tensioni che oggi attraversano l’economia mondiale e, in primo luogo, quella americana.

Prima della riunione, Trump ha espresso il suo disaccordo con l’aumento dei tassi di interesse da parte della FED, che, secondo lui, potrebbero mettere a rischio l’attività economica del paese. Un nuovo incremento è previsto per settembre, nell’ambito delle quattro che l’agenzia ha previsto per l’anno. È la prima volta che un presidente ha osato esprimere un’opinione sulla politica della FED.

Alla luce di questa denuncia, si rivela la debolezza della pubblicizzata ripresa economica americana. Nel secondo trimestre, l’aumento di oltre il 4% del PIL annualizzato, il più grande dal 2014, è stato accompagnato da una riduzione della disoccupazione, basata sul lavoro precario e sui bassi salari. Ma, inoltre, questo percorso ascendente si basa su un crescente indebitamento e bassi livelli di produttività e di investimenti. Il presidente della Fed Powell ha messo in discussione il rapporto tra crescita economica e bassa disoccupazione. Sebbene la disoccupazione sia diminuita, l’economia continua a crescere in maniera anemica.

L’aumento dei tassi di interesse finora non ha causato una recessione. Non dobbiamo dimenticare gli sgravi fiscali ordinati dalla Casa Bianca, di pari passo con altre sovvenzioni alle aziende americane. Tuttavia, questa risorsa ha perso il suo vigore iniziale, a cui si deve aggiungere una decelerazione delle altre potenze capitalistiche e, anche, della Cina. Il prezzo internazionale del rame, classico indicatore dell’andamento dell’attività industriale, è in calo da giugno.

Indebitamento

Allo stesso tempo, il debito delle imprese negli Stati Uniti continua ad aumentare, come in gran parte del mondo. Con 8,6 trilioni di dollari, il debito societario statunitense è ora superiore del 30% rispetto al suo precedente picco del settembre 2008. Con il 45,3%, il rapporto debito/PIL è ai massimi storici e ha recentemente superato i livelli precedenti le ultime due recessioni.

Siamo davanti ad una bomba ad orologeria. Nei dieci anni trascorsi dalla crisi finanziaria globale, il debito nelle mani di società non finanziarie è cresciuto globalmente di 29 trilioni di dollari – quasi quanto il debito statale – secondo le nuove ricerche del McKinsey Global Institute.

La qualità media dei debitori americani è diminuita. Il ventidue per cento del debito societario non finanziario pendente include obbligazioni “spazzatura” di emettitori di grado speculativo, e un altro 40% ha un rating BBB, appena un passo sopra “spazzatura”. In altre parole, quasi due terzi delle obbligazioni provengono da società compromesse finanziariamente, compresi molti dettaglianti statunitensi. Queste aziende hanno un sacco di debito di grado speculativo che scade nei prossimi cinque anni, che è aggravato a causa del calo delle vendite come i consumatori fanno i loro acquisti online.

Questo spiega perché i tassi di interesse pagati dalle aziende statunitensi (che vanno dal 5 all’8%) sono simili e persino superiori a quelli dei paesi emergenti, compresi i paesi a rischio default. Un aumento maggiore dei tassi potrebbe stendere molte di esse. Trump vuole evitare questo scenario.

Guerra commerciale

D’altra parte, la pressione del magnate contro l’aumento dei tassi d’interesse mira ad abbassare il prezzo del dollaro rispetto alle altre valute, in linea con la guerra commerciale in corso. Ricordiamoci che questa era la promessa fatta a Davos dal segretario del Tesoro, Mnuchin, all’inizio dell’anno, contrariamente alle aspirazioni di Trump, stiamo assistendo ad una stabilità della moneta americana. Da parte sua, lo Stato deve affrontare un debito di 20 trilioni di dollari, che supera il PIL e che è destinato ad aumentare nel prossimo periodo a causa delle misure adottate dall’attuale amministrazione. L’aumento della spesa pubblica unito al taglio delle imposte implica un buco fiscale di diversi miliardi di dollari nei conti pubblici.

L’aumento dei tassi di interesse non è l’origine, ma la conseguenza dell’estrema vulnerabilità dell’economia nel suo complesso. Gli Stati Uniti hanno deficit gemelli – non è un attributo solo dell’Argentina – e hanno bisogno di rimpatriare i capitali situati all’estero per affrontare la crisi sul proprio fronte interno. E in questo senso, diventa un fattore di dislocazione e destabilizzazione dell’economia mondiale.

L’ascesa delle grandi aziende leader (Amazon, Google, Apple e Microsoft) non può mettere in ombra lo stato più generale dell’economia. “I profitti nel settore non finanziario degli Stati Uniti sono in calo, mentre i profitti globali delle imprese sono tornati in campo negativo. Questo è qualcosa che non si vedeva dal 2015, e che fu subito seguito da una recessione nel 2016” (Michael Roberts, Without Permit, 28/8). Questo mette in fibrillazione la bolla azionaria che ha raggiunto il suo massimo storico, mentre le divergenze tra il suo prezzo e le prestazioni delle aziende nell’economia reale diventano più pronunciate. Quest’anno, le aziende hanno speso più di 1 trilione di dollari riacquisto di azioni proprie, per aumentarne il prezzo.

Invece di investire in attività produttive, le grandi imprese hanno aumentato il loro indebitamento e hanno speso i loro soldi per l’acquisto di attività finanziarie. L’accumulo di debiti societari minaccia di ridurre ulteriormente i profitti se i tassi d’interesse aumentano e i salari si riprendono.

Un indicatore dell’insorgenza di una depressione in passato è stata l’inversione della curva dei rendimenti obbligazionari. Il tasso d’interesse sul denaro preso in prestito è solitamente più basso nel breve termine che nel lungo termine, poiché il mutuante recupera il denaro preso in prestito prima. Ma quando il rapporto si inverte, è perché l’accesso al credito diventa più costoso e difficile. In generale, è un sintomo dell’avvicinarsi della recessione. La curva americana va in quella direzione. “Il divario tra il rendimento a due anni e quello a dieci anni è ora in una curva molto piatta” (idem).

Divisione politica e crisi

Questo spiega perché alcune voci, anche all’interno della stessa FED, propongono di sospendere un ulteriore aumento dei tassi di interesse. Cresce anche la preoccupazione per le conseguenze di ulteriori aumenti dell’economia mondiale e, in particolare, dei paesi emergenti. Oltre all’Argentina e alla Turchia, altri paesi (Ucraina, Sudafrica e altri) sono nell’occhio del ciclone e la fuga di capitali si fa sentire in tutti i paesi emergenti, a cominciare dalla Cina. C’è il timore fondato dell’effetto domino che questa crisi può generare su scala globale.

Insieme alla polemica sui tassi di interesse, si estende la discussione intorno alla guerra commerciale incoraggiata dal governo.

La borghesia americana è divisa e i settori che pongono la necessità di frenare le ritorsioni commerciali stanno guadagnando terreno. “Nonostante i buoni risultati del mercato del lavoro, gli imprenditori statunitensi temono che l’imposizione di tariffe sul commercio internazionale rallenterà la generazione di nuovi posti di lavoro e investimenti” (El País, 27/8).

Ad eccezione del settore siderurgico, la maggior parte delle organizzazioni imprenditoriali considera dannosa l’imposizione di dazi del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio importato dall’Unione Europea, dal Canada e dal Messico. Gli effetti del protezionismo hanno anche un impatto sull’agricoltura, il polmone economico degli stati che hanno portato Trump a vincere le elezioni del 2016.

In questo punto, gli shock causati dalla politica economica ufficiale si intersecano con la crisi politica, che sta aumentando la sua tensione.

A novembre si terranno le elezioni di medio termine, nelle quali il governo rischia di perdere la maggioranza delle due camere. Nel frattempo, guadagna terreno la minaccia di un impeachment. È stato appena pubblicato un manoscritto di un funzionario, la cui identità rimane nascosta, rivelando un funzionamento caotico della Casa Bianca. Questo si aggiunge alle accuse di corruzione e scandali sessuali, alle quali Trump ha replicato energicamente. Questo fuoco incrociato evidenzia che gli Stati Uniti sono entrati in uno scenario di colpi e contraccolpi, il cui finale è aperto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...