Abuso di minori, famiglia e capitalismo

Il seguente articolo è di una dirigente del Partido Obrero argentino, lo abbiamo tradotto perché aldilà di alcuni dati e riferimenti specifici del suo paese di origine, la descrizione generale di come questa società promuova sistematicamente la violenza sui minori (e sulle donne) è una denuncia pertinente alla società italiana; non per una affinità culturale tra i due paesi, ma perché è la società capitalista, la sua violenza nello sfruttamento e la sua difesa dell’istituzione familiare, a creare le condizioni necessarie per la diffusione dei casi di violenza e abuso verso i minori – infatti l’articolo riporta dati anche di realtà differenti rispetto l’Argentina come gli USA e l’Africa. In Italia i casi di violenza sui minori denunciati, una infima parte degli abusi, sono circa 6000, con vittima una bambina 6 volte su 10; violenza che passa dallo stupro al commercio di video pedopornografici. Come si vede un problema non solo di un continente lontano.

Di Olga Cristobal

Se si dovesse scegliere una sola ragione per farla finita col sistema sociale che subiamo, probabilmente basterebbe dire che, secondo l’Unicef, esistono nel mondo almeno 120 milioni di bambini sottomessi al terrore degli abusi sessuali. In Argentina, 1 ragazza su 5 e 1 ragazzo su 13 sono vittime di abusi sessuali prima dei 18 anni. Circa 2 milioni di ragazzi. Negli Stati Uniti, una ogni 4 e uno ogni 10. In alcuni paesi in Africa, una ogni 3 e uno ogni 6.

La violenza sessuale infantile assume infinite forme: lo stupro, il “grooming”, la pornografia, lo sfruttamento, le molestie, l’esibizionismo. È presente su internet, nel calcio, a scuola, nel rock, in chiesa, ma soprattutto nella sacrosanta famiglia. Certamente, non ha nulla a che vedere con l’erotismo o il desiderio sessuale, con la “tentazione” di cui parla il cinismo della Chiesa pedofila. Come lo stupro, è l’espressione estrema della violenza contro qualcuno più debole. Il godimento è un godimento di potere. Né ha a che vedere con la follia: è esercitato da persone perfettamente conformate ad altre esigenze sociali che scatenano la loro “follia selettiva” con i più fragili e indifesi.

“Le statistiche del Ministero della Giustizia mostrano che negli ultimi quindici mesi ci sono stati 2.094 bambini, bambine ed adolescenti vittime di abusi sessuali (…) quei numeri rappresentano una esigua parte di ciò che accade nella realtà”, dice in una nota Mariana Iglesias di Clarín. Il 47% delle vittime ha tra i 6 ei 12 anni; il 28% meno di 5 anni e il 25% dai 13 ai 17.

“Esigua parte” perché solo un caso su dieci viene denunciato, qualcosa di comprensibile perché il 93% degli aggressori sono uomini e il 70% sono parenti diretti -papa, nonno, patrigno, zio. La piccola voce, quindi, si deve animare contro qualcuno che le è stato insegnato che lo ama e accudisce. Una confusione devastante: gli specialisti dicono che le creature maltrattate incolpano se stesse. Gli abusatori di solito non fanno appello alla violenza, ma alla persuasione, ai giochi, agli inganni per dopo fare minacce per ottenere il loro silenzio. “Il bambino o la bambina sessualmente abusato crede che hanno provocato la reazione sessuale dell’adulto e s’incolpa senza compassione, cerca di proteggere l’aggressore, per il senso di colpa, la paura di ritorsioni, o per non provocare una bufera familiare – spiega Sonia Almada.

Tuttavia, quando i bambini sentono che c’è un ambito in cui stanno per essere ascoltati e contenuti, parlano. E ‘l’esperienza che lasciano le lezioni di educazione sessuale a scuola, dove le accuse di abusi sorgono in un modo incontenibile, spesso davanti l’impotenza e la disperazione della docente che ascolta e sa che poco potrà fare con quello che sente. È uno dei motivi per cui lo Stato non applica l’educazione sessuale a scuola e le Chiese sono totalmente contrarie a fornire questa opportunità.

La punta di diamante del discredito delle denunce è la burla della Sindrome da Alienazione Parentale (SAP), che afferma che le madri manipolano i ragazzi per accusare il padre. Sebbene la comunità scientifica – scuole di psicologi, società pediatriche, ecc. – smentisca l’esistenza della SAP, molti giudici la considerano valida in caso di abuso sessuale o in disputa per custodia o visita. Sebbene secondo il Forensic Medical Corps le false denunce non superino il 4% e siano rilevate al primo colloquio.

Altri che si rivolgono al SAP sono organizzazioni di genitori violenti o violenti che rivendicano il “diritto” di ricongiungersi ai propri figli. Apadeshi (un’organizzazione di abusatori) garantisce un’assistenza legale gratuita con i loro avvocati e psicologi, che hanno forti legami con il clero.

La complicità della giustizia

Quando l’aggressore è estraneo e non appartiene al clero, la giustizia è più permeabile alla denuncia. Ma quando il bambino si anima a dire cosa succede in casa sua – ed è la madre a denunciare – i giudici serrano i ranghi con lo stupratore: solo tra l’1/2% viene condannato. “L’abuso intrafamiliare è il più dannoso, il più complesso da diagnosticare, con infinite difficoltà in famiglia e soffre di una sordità da parte del sistema giudiziario. I genitori abusatori sono un tabù sociale (…) è molto raro che la giustizia credi nella parola del bambino e lo psicologo che lo assiste, di mille casi denunciati solo uno è condannato. È una tortura per il bambino e per la madre “, spiega Almada.

La “sordità giudiziaria” è spiegata perché l’abuso sessuale nell’infanzia smaschera la famosa cellula di base della società, il nucleo primario in cui si impara ad obbedire, a tacere e a che i più forti comandano. Rivelare la putrefazione della famiglia significa rivelare la putrefazione del regime sociale che la abbellisce. La complicità dello Stato chiarisce, nel caso fosse necessario, che non siamo di fronte a un problema di soggettività deviate ma davanti la imperativa necessità di un regime di classe di educare dalla culla alla rassegnazione davanti la violenza e l’oppressione; e nell’alienazione del corpo. Di ogni 1000 abusi se ne denunciano 100 e se ne condanna 1.

Prima si accusava i bambini di mentire, cosa che tuttora fa la Chiesa, che per prima etichetta le loro vittime come bugiardi e poi cerca di comprare il loro silenzio. Ma “quando la psicologia ha dimostrato che non era così, si è iniziato a screditare le madri che accompagnavano i loro figli nelle denunce. Le madri protettrici sono sistematicamente e faticosamente boicottate per un sistema giudiziario sessista e corporativo “, dice l’ex giudice Carlos Rozanski, il fondatore della Associazione Argentina di Prevenzione dell’Abuso Infantile Adolescenziale.

La maggior parte dei casi è radicata nella giustizia della Provincia di Buenos Aires e in alcuni casi, come nel caso delle ginnaste olimpiche, sono trascorsi più di 25 anni dagli eventi denunciati oggi. Molti esperti considerano che “in Argentina esiste una rete di pedofilia organizzata”. Le reti internazionali di pornografia infantile vengono periodicamente “scompaginate” senza che mai si diffonda chi sono le loro teste. Solo nell’ottobre di quest’anno, gli abusi sessuali hanno smesso di essere un crimine di ordine privato per diventare un crimine di azione pubblica e la giustizia sarà in grado di indagare senza che i genitori o i tutori ratifichino la denuncia. Ciò significa che fino ad ora, se qualcuno aveva visto un adulto violentando un bambino e andava dalla Giustizia, e né la madre né il padre convalidavano le sue parole, la risposta in gergo legale era che non si mettesse dove non era chiamato. Incluso si riconosce la prescrizione solo a partire della denuncia e indipendentemente dalla età della vittima.

I limiti di qualsiasi progresso sono evidenti: dopo aver sbandierato per mesi con la nomina di una difensore dei minori – un ritardo che esiste dal 2005, quando si è votato la Legge integrale del bambino, bambina e adolescente – si è deciso sospendere la sua elezione per ancora un anno perché la cosca della commissione bicamerale non è arrivata ad un accordo. In un paese in cui il 10% dei bambini tra i 5 ei 15 anni di età lavora, quasi il 30% non ha accesso all’istruzione elementare, il 65% non ha un’alimentazione adeguata e il 46,6% vive sotto il linea di povertà.

La violenza è strutturale al capitalismo. Contro le donne, contro i bambini, contro i lavoratori, contro i migranti. S’impone nello scenario internazionale e s’impone nell’ambito familiare. E si infuria con i più fragili.

Dobbiamo farla finita con esso.

2 pensieri su “Abuso di minori, famiglia e capitalismo

  1. Certo. Prima di tutto è già esistita e ha assunto diverse forme nelle varie epoche e culture che hanno caratterizzato la preistoria e la storia dell’umanità. Inoltre è stata rivista e sperimentata nel periodo dello stato bolscevico in seguito alla rivoluzione in Russia.
    Qualche suggestione:

    http://www.marxistsfr.org/italiano/kollontai/comunismo-famiglia.htm
    http://www.centrogramsci.it/classici/pdf/famiglia_engels.pdf

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...