Brasile: Bolsonaro assume l’incarico circondato dai mezzi blindati

di Jorge Altamira

Il 1° gennaio si è inaugurato il mandato presidenziale di Jair Bolsonaro. Sedici anni fa, anche l’arrivo di Lula Da Silva fu interpretato come un punto di svolta nella storia politica del Brasile. Tra un evento e l’altro, un filo conduttore strategico spicca sull’evidente differenza tra i tentativi politici dell’uno e dell’altro. Lula arrivò al governo nel quadro dell’enorme shock scatenato dalla crisi asiatica del 1997, che, dopo aver attraversato la Russia, arrivò in Sud America con le svalutazioni del real brasiliano e dei pesos di Argentina e Uruguay, e il crollo della convertibilità. Da allora, la crisi capitalistica internazionale ha fatto diversi passi in avanti; il 2018 si è chiuso con enormi crolli borsistici e, soprattutto, con altri episodi decisivi come la disintegrazione dell’Unione Europea, che si manifesta nell’impasse della Brexit, nella vicina bancarotta dell’Italia e nella ribellione popolare in Francia e Ungheria contro i piani di aggiustamento. Il FMI prevede un arretramento economico per il prossimo anno, al limite della recessione, con un epicentro in Cina. In America Latina, la pressione della fuga di capitali continua, mentre sul piano politico il governo macrista sta camminando sul precipizio in Argentina, e i partiti tradizionali del Messico hanno appena subito un clamoroso pestaggio per mano di una forza emergente di carattere nazionalista e populista, guidata da López Obrador. Come l’esperienza petista, quella di Bolsonaro deve essere inquadrata nella prospettiva di un maggiore sviluppo della crisi mondiale.

Lula e Bolsonaro

Bolsonaro e Lula sono anche intrecciati da un rapporto contraddittorio. A nessuno sfugge, a questo punto dello sviluppo della crisi politica in Brasile, che la vittoria di questa fascistizzante mediocrità che è Bolsonaro, è il risultato del fallimento del tentativo politico petista. Nel decennio e mezzo di governi guidati dal PT, il regime capitalista non è stato minimamente colpito – al contrario. Il Brasile ha aperto le porte a un gigantesco afflusso di capitali internazionali, che ha pompato l’economia nazionale attraverso un gigantesco indebitamento – sia internazionale che interno. La “ridistribuzione del reddito” era una farsa perché finanziata dai contribuenti stessi, in nessun modo a spese del capitale. Questo periodo ha visto il debutto della “riforma pensionistica” che Bolsonaro cerca ora di portare alle sue ultime conseguenze. Quando il vento contrario ha cominciato a calmarsi, la crisi che ne è derivata è stata imposta ai lavoratori, con politiche di aggiustamento. Nella baldoria delle grandi imprese capitalistiche, la dirigenza petista ha intascato diverse tangenti milionarie insieme ai suoi alleati politici padronali, poiché in ogni momento il PT ha governato in coalizione con loro – cioè, non aveva la minima indipendenza di classe. Lo slogan originario del PT – “trabalhador vota trabalhador ” [il lavoratore vota il lavoratore, n.d.t.] – fu disintegrato. Furono questi governi di coalizione a reintrodurre le forze armate nella politica brasiliana assegnando loro la “lotta contro il traffico di droga”. Ignorando questo bilancio politico, ora appaiono gli accademici di occasione che attribuiscono l’ascesa di Bolsonaro ad una sorta di destrizzazione dei cittadini. Quando questa esperienza si esaurirà, troveranno un’altra formula per continuare con questa manipolazione ideologica.

Contro-riformatore e reazionario

Il gabinetto designato da Bolsonaro è il più reazionario nella storia del Brasile. Non solo ci sono più ministri militari del governo del colpo di Stato del 1964, ma gli altri incarichi sono occupati da fascisti coscienti o mascherati. Il centro di gravità, tuttavia, è occupato dal ministro dell’Economia, Pablo Guedes, un ‘liberale’, come è accaduto in passato con la maggior parte delle dittature che hanno conosciuto l’America Latina. Il ministero di Guedes è equivalente a un governo parallelo, per il numero di ministeri che sono stati posti sotto il suo comando – Produzione, Commercio, Trasporti, Lavoro e altri. Come ha avvertito un editorialista del Financial Times, la sfida fondamentale di Guedes è quella di smantellare il sistema di welfare sociale e stabilire un sistema di capitalizzazione – non abbastanza per raccogliere 200 miliardi di dollari per le privatizzazioni, che poi svaniranno in rifiuti statali. L’insistenza su questo smantellamento costituirà senza dubbio la “madre di tutte le battaglie” del prossimo governo. Guedes intende anche rompere il sistema di protezione commerciale dell’industria per far posto al capitale internazionale. Questo ministro è una sorta di avversario del “cerchio rosso”, come viene chiamata la “patria contratista” in Argentina [la cerchia di aziende favorite dal governo, n.d.t.], con l’obiettivo di rafforzare l’accumulazione capitalistica attraverso il cosiddetto “mercato dei capitali”. Dall’ascesa del governo Temer, la privatizzazione del petrolio ha fatto molta strada, soprattutto attraverso l’apertura di offerte a capitali stranieri. Secondo i media, l’alto comando militare ammetterebbe la privatizzazione delle compagnie satelliti di Petrobras, ma non della stessa. Questo è ciò che sembra accadere con il “gioiello” industriale brasiliano, l’impresa aeronautica Embraer, che dovrebbe privatizzare parzialmente il suo settore commerciale.

In materia di lavoro, il prossimo shock non è meno decisivo, perché la riforma già approvata dal Congresso, è in anticipo rispetto all’applicazione nei grandi conglomerati economici, dove sono in vigore i contratti collettivi. Il “contratto individuale” e il “lavoro intermittente” si scontrano con i diritti dei lavoratori delle grandi aziende, e non importa quante contorsioni la burocrazia sindacale faccia, come è successo finora, per conciliare la difesa del suo status con la politica distruttiva del governo, lo scontro è all’ordine del giorno.

Disegno d’offensiva

Bolsonaro mantiene questo programma di “aggiustamento” nonostante una traiettoria di dichiarazioni “nazionaliste”; non è difficile, come si vede, adattarsi a qualsiasi realtà, anche se dovrà arbitrare gli inevitabili conflitti che le privatizzazioni, la mancanza di protezione industriale e gli scontri sulla gestione del mercato dei capitali provocheranno. Il programma del nuovo presidente è, tuttavia, assolutamente reazionario e potenzialmente fascista. La proposta di sradicare l’influenza democratica e di sinistra nell’educazione è, per la sua portata, un appello alla guerra civile; lo stesso vale per la lotta contro i diritti rivendicati dal movimento delle donne, che coinvolge anche la salute. Bolsonaro ha il problema eminentemente tattico di attaccare su tutti i fronti allo stesso tempo, con il rischio che qualsiasi ritardo eroderà la sua base di supporto sociale. I suoi sostenitori capitalisti hanno già iniziato attacchi nelle campagne per cacciare i contadini dalla loro terra o perseguitarli per la loro attività organizzativa. Il Brasile potrebbe rientrare in un periodo di semi-guerra civile nelle campagne. Negli ultimi giorni è stato annunciato che il progetto di guerra all’istruzione sarebbe stato ritardato. Tuttavia, è stato riconfermato il disegno di legge che autorizza il porto d’armi e la dottrina Chocobar, che protegge le forze repressive dall’uccidere i cittadini comuni. Nel quadro della sua politica generale, questo è un passo verso il fascismo, perché mira chiaramente a facilitare l’organizzazione di bande armate. La tendenza fascista del nuovo governo non può essere ignorata se si tiene conto della dimensione della guerra sociale che ha annunciato. Questo va sottolineato anche se non raccoglie ancora, né raccoglie realmente le risorse politiche necessarie per imporsi su una resistenza e una ribellione popolare. Rispetto alle sue ambizioni, il governo di Bolsonaro è debole.

La consacrazione di Bolsonaro ha aperto un nuovo fronte nella crisi internazionale, questo perché si intreccia con il governo e la politica di Trump. Ha già ratificato la sua alleanza politica e militare con il sionismo, nonostante possa causare la perdita di importanti mercati nello spazio economico arabo. Probabilmente ha già discusso la questione con questi regimi, che diventano sempre più alleati dello stato sionista. L’intenzione di porre fine al governo venezuelano è stata sollevata in modo aperto, il che pone uno scontro con la Cina e la Russia, che sostengono Maduro. Sarà necessario valutare se ci sarà un negoziato congiunto con loro per abbreviare il mandato del regime venezuelano, cosa che è prevedibile alla luce dei tanti cambiamenti nella politica mondiale degli ultimi mesi. La questione della Cina, tuttavia, è su un altro binario, che è quello della guerra economica internazionale. Trump ha esteso questa lotta a tutta l’America Latina. Come si può vedere, Bolsonaro inizia il suo governo in un quadro di convulsioni e crisi in tutti i campi, quindi il suo sviluppo avrà un impatto fondamentale sulla crisi politica che l’America Latina sta attraversando. Il Brasile inaugura un governo reazionario in via provvisoria. Se si confrontano le sue possibilità con quanto accaduto con il macrismo argentino, da un lato, o con l’enorme crisi politica che l’amministrazione Trump ha scatenato negli Stati Uniti, dall’altro, è chiaro che la caratterizzazione della tappa che dovrebbe favorire l’ascesa di Bolsonaro è condizionata.

La sinistra

Tutto indica che la sinistra brasiliana sta entrando in questo nuovo periodo in un avanzato grado di demoralizzazione. Boicotterà la cerimonia di assunzione del protofascista, semplicemente per necessità. Finora non ha offerto un bilancio di ciò che è successo, figuriamoci una politica o un programma. Ha deciso di lasciare l’iniziativa a Bolsonaro e ai militari e di guardare alle divergenze che possono emergere nel ‘fantastico trio’ del nuovo governo -Guedes-militari-clan fascista. Il PT cercherà rifugio in parlamento, dove cercherà di stringere alleanze in nome di un Fronte Democratico. La sinistra brasiliana che resta in un campo di lotta di classe dovrebbe procedere in modo diverso e richiedere un dibattito immediato basato su proposte e programmi. L’analisi politica deve sostituire l’impressionismo. A questo dibattito devono essere convocati tutti i lavoratori, le donne e l’attivismo giovanile. La sinistra latinoamericana nel suo insieme si trova di fronte all’obbligo di discutere di una politica continentale, di fronte ad esperienze contraddittorie come quella messicana, da un lato, e quella brasiliana, dall’altro, e anche di fronte all’Argentina, potenzialmente la più esplosiva di tutte – oltre alle insinuazioni di guerra contro il Venezuela o alla crisi migratoria in America Centrale e Messico, da un lato, e negli Stati Uniti, dall’altro. La carta più forte di Bolsonaro, dei militari e dei contro-riformatori è la mancanza di direzione della sinistra e dei sindacati.

Una caratterizzazione di quello che sarà il governo di Bolsonaro non può che essere approssimativa. Mentre prepara un’offensiva contro i lavoratori, si muoverà lungo una linea di arbitrato di caratteristiche peculiari. Si presenta come un semi-bonapartismo di coalizione tra bolsonarismo, neoliberalismo e i militari. Oltre a questo, dovrà formare una coalizione ‘à la carte’ con il Congresso, come in Argentina, dove opereranno tutte le lobby del capitalismo locale, specialmente quelle che temono di essere spodestate. Nonostante il sostegno di 55 milioni di voti, la sua stabilità dovrà essere messa alla prova nella lotta di classe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...