L’intervento Yankee in Venezuela

di Jorge Altamira

La decisione di Trump di concedere il riconoscimento diplomatico a Juan Guaidó, presidente dell’Assemblea Nazionale del Venezuela, accompagnato dai suoi scagnozzi dell’OSA, costituisce un colpo di stato “sui generis”, in particolare internazionale. Trasferisce unilateralmente la sovranità del Venezuela a un governo “autoproclamato”, in una sorta di finzione che trasforma gli Stati Uniti nel “custode” dei beni e delle risorse del paese all’estero, in violazione di tutte le leggi internazionali. È quanto accade, ad esempio, con il deposito delle riserve auree del Venezuela nella Banca d’Inghilterra, che in ogni caso si era già rifiutata di rimpatriarle, anticipando il colpo di stato. Questo è ciò che accadrà con i flussi di denaro dal commercio estero venezuelano. Stiamo assistendo ad un colpo di stato di origine esterna e di portata globale.

Due colpi in uno

Ogni pezzo di questo colpo di stato è stato meticolosamente articolato, al punto che Guaidó non ha assunto davanti all’Assemblea Nazionale ma nella piazza pubblica, per evitare dissidi interni o per evitare l’arresto di tutti i suoi membri. L’autoproclamazione, tuttavia, gli toglie la legittimità politica che rivendica per sé stesso, perché rappresenta un colpo di stato contro i propri elettori. La metodologia del colpo di stato che è stata messa in moto segue una linea da tempo applicata dall’imperialismo statunitense, attraverso sanzioni sistematiche contro Stati sovrani, le loro aziende e funzionari, come sta accadendo con l’Iran, la Russia, la Cina, persino la Francia e la Germania. Nelle ultime settimane, Trump ha minacciato la Gran Bretagna di rifiutare la possibilità di un accordo commerciale se si rifiuta di lasciare l’Unione Europea – il Brexit. Non sorprende quindi che la maggior parte dei governi europei siano riluttanti a seguire Trump nel caso del Venezuela. L’ONU, ossia la famosa ‘comunità internazionale’, non ha ancora accompagnato il colpo di stato e ha dichiarato la sua volontà di “facilitare” i negoziati tra le parti.

La decisione di Trump di ignorare la rottura delle relazioni diplomatiche ordinata da Maduro rappresenta una sorta di interferenza territoriale dell’imperialismo in Venezuela, poiché trasforma la sua ambasciata in un viceregno. Maduro è probabile che risponda con un blocco della sede diplomatica – un taglio delle forniture e dell’energia. Quando qualcosa di simile accadde a Teheran all’inizio degli anni ’80, il presidente Carter cercò di liberare il sito attraverso comandi militari. Trump e i suoi scagnozzi hanno trasformato l’America Latina in uno scenario di guerra, coinvolgendo infine anche Cuba. Questo accade mentre aumentano le marce dei migranti centroamericani verso il nord; mentre peggiorano il confronto militare in Colombia e l’assassinio di massa di attivisti sociali; e nel bel mezzo della crisi negli Stati Uniti per la questione del muro con il Messico. In questo modo si sviluppa un quadro generale di provocazioni. La stampa americana parla apertamente di una crisi costituzionale negli Stati Uniti. I sostenitori repubblicani di Trump hanno iniziato a proporre una riforma costituzionale che rafforza i poteri di emergenza dell’esecutivo americano.

Un regime senza uscita

L’intervento americano ha rinnovato la forza della destra venezuelana, come dimostra la portata delle manifestazioni alle quali ha fatto appello mercoledì scorso. I suoi principali partiti, tuttavia, come Acción Democrática, sono rimasti indietro in questo scenario, che è stato invece occupato da Guaidó e dalla sua cricca di Voluntad Popular. D’altra parte, diversi osservatori hanno segnalato la comparsa di manifestazioni anti-Chaviste nella zona occidentale di Caracas, fino ad ora bastioni del regime del Maduro. Nella stessa zona si sono svolte anche ribellioni militari, accompagnate dal sostegno popolare. Questa incipiente modificazione della base sociale dell’opposizione non implica ancora un cambiamento nello scenario di polarizzazione politica tra il decrepito chavismo, da un lato, e la destra pro-Yankee, dall’altro. Da qualche tempo ormai ci sono crepe nelle forze armate venezuelane, che non sono immuni al crollo sociale e politico del regime madurista. L’Assemblea Nazionale ha approvato una legge di amnistia a favore dei militari che si insubordinano – una promessa incerta di dimenticare le accuse di corruzione contro un numero indeterminato di individui.

Crisi internazionale

La riorganizzazione capitalistica dell’economia venezuelana si annuncia come assolutamente catastrofica, se non mediata da straordinari aiuti internazionali, che il fronte capitalista mondiale non sembra in grado di organizzare, alla luce della guerra economica in corso e delle tendenze verso una depressione economica e uno scoppio finanziario. Questa prospettiva spiega le manovre di ogni tipo a favore di un’intesa tra le due fazioni in conflitto.

La crisi venezuelana è diventata, in definitiva, internazionale. Con la Russia, la Cina, la Turchia e l’Iran, da un lato, replica l’allineamento nella guerra in Medio Oriente. Ha diviso la politica latinoamericana. L’Alternativa Federal, che i kirchneristi hanno corteggiato in Argentina con la proposta di unità contro il macrismo, ha abbracciato con fervore l’interventismo yankee. I “nazionali e popolari” si trovano ora ad affrontare un’impasse irreversibile. In Brasile, la famiglia Bolsonaro è accusata di far parte di gruppi paramilitari; d’altra parte, si è rianimato il movimento contro l’aumento delle tariffe di trasporto (“passe-livre”), che nel 2013 ha messo in scacco matto il governo Rousseff-Temer. Le caratteristiche catastrofiche della riforma pensionistica preparata dal nuovo regime promettono una reazione popolare e una crisi politica lungo tutta la linea. L’America Latina è un vulcano. Altrettanto l'”impero”, con il consenso di Trump in caduta libera e un futuro finanziario di caratteristiche esplosive.

Facciamo appello ad una campagna internazionale della sinistra combattiva e a un dibattito politico generale.

Via gli Yankees dal Venezuela e dall’America Latina.

Abbasso i governi lacrime e sangue e della repressione.

Per congressi dei delegati operai in Venezuela e in tutta l’America Latina.

Per l’unità socialista dell’America Latina.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...