La lotta contro l’aggiustamento capitalista in America Latina

Risoluzione della Conferenza latinoamericana contro le riforme del lavoro e delle pensioni reazionarie e antioperaie.

La crisi capitalistica globale si è cristallizzata in America Latina con una destabilizzazione economica generale. Per cercare di superarla, le borghesie latinoamericane (Argentina, Nicaragua) si affrettano a chiedere prestiti FMI.  Non solo le nazioni si incatenano più saldamente al capitale finanziario e all’usura, ma quest’ultima richiede in cambio “riforme strutturali” e piani di capitolazione.  Le riforme del lavoro e della sicurezza sociale stanno colpendo tutti i paesi dell’America Latina.  La Conferenza latinoamericana ha discusso la questione in una commissione speciale composta da sindacalisti e dirigenti di Brasile, Uruguay e Argentina.  La riforma del lavoro brasiliana, approvata l’anno scorso con il governo Temer, serve da “modello” per tutte le borghesie latinoamericane.  In Uruguay, hanno dichiarato che se non sarà attuata una riforma simile porteranno le loro fabbriche in Paraguay, dove il lavoro è più economico e con minori conquiste.  Cristiano Ratazzi, capo del monopolio Fiat, ha sollevato la necessità di imporre una riforma del lavoro alla “brasiliana” durante i “colloqui di lavoro”.  Altrimenti, minacciano di andare in Brasile.  Stanno giocando con la crisi e la disoccupazione che hanno provocato per introdurre una competizione che mette a confronto i lavoratori di entrambi i lati del confine.  Per sconfiggere questi piani è necessaria un’azione generale del movimento operaio organizzato.  Ma tanto la CUT brasiliana, quanto la PIT-CNT uruguaiana e la CGT argentina hanno permesso a questi attacchi di avanzare, subordinandosi politicamente ai governi e ai partiti borghesi nazionalisti e popolari, la cui strategia è la collaborazione di classe.

Solo dove i lavoratori sono organizzati, indipendentemente dalla borghesia e dai suoi partiti, la classe operaia riesce ad arrestare questi anticipi che cercano di far sì che la crisi sia pagata dal lavoratore.  In Argentina, la riforma del lavoro non ha potuto essere votata, perché la grande resistenza mostrata il 14 e 18 dicembre ha reso la borghesia prudente.  Le dimissioni del ministro del Lavoro, Jorge Triaca, sono il prodotto di questa impasse governativo-padronale.  Colui che lo ha sostituito, cioè il ministro della produzione, Dante Sica, ha rinviato la riforma fino al 2020, ma ha detto che sta per continuare con le riforme della “produttività” per ogni ramo: vale a dire, applicando la riforma del lavoro negli contratti collettivi, come in larga misura è stato fatto con il recente accordo dei petrolieri.

L’altra riforma reazionaria è quella del sistema pensionistico.  In generale, l’obiettivo è quello di allungare l’età pensionabile e ridurre l’importo dell’assegno, trasformando la pensione in un sussidio di assistenza alla vecchiaia.  In tutta l’America Latina, le borghesie hanno il sangue agli occhi e vogliono scaricare questo attacco su lavoratori e pensionati.  Dopo averli sfruttati per tutta la vita, quando la loro forza nel continuare a lavorare diminuisce, vogliono accelerarne la loro morte.  Questo è quello che ha detto Cristine Lagarde, capo dell’FMI: che gli anziani “vivevano troppo”.  Questi attacchi al sistema pensionistico hanno provocato grandi esplosioni e lotte popolari.  In Nicaragua c’è stata una rivolta che, fino ad oggi, il governo di Ortega intende ancora annegare nel sangue, con centinaia di morti, feriti ed esiliati.  Lo stesso in Argentina.  E in Brasile, Bolsonaro ha chiesto a Temer di cercare di vedere se può imporlo prima di entrare in carica in gennaio, per salvare sé stesso dallo shock.  È probabilmente la prima grande sfida di Bolsonaro.  La Commissione e la Conferenza hanno votato un piano d’azione comune: nel caso del Brasile, mobilitazione di solidarietà davanti alle ambasciate quando è in programma l’avanzamento della riforma pensionistica reazionaria, propaganda comune sui nostri giornali, ecc.

Strategicamente, è stata sollevata la necessità di recuperare i sindacati e le centrali operaie come strumento di lotta e difesa delle condizioni di vita dei lavoratori.  Promuovere la formazione di raggruppamenti sindacali di classe, legati alla costruzione di partiti operai rivoluzionari, definiti dalla prospettiva del governo dei lavoratori: senza l’indipendenza dalla borghesia e dai suoi governi, la forza operaia sarà annullata e dirottata di fronte agli attacchi reazionari dei capitalisti in crisi.  L’unità dei lavoratori attivi, disoccupati e pensionati deve essere saldata in un fronte comune di lotta.  Un programma e una guida per la lotta contro l’aggiustamento capitalista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...