Il carattere della guerra nel XXI secolo: Russia e Cina sono un bersaglio o una parte della guerra?

Di Levent Dölek*

La promessa di uno sviluppo capitalistico pacifico dietro la maschera della “globalizzazione”, che è stata la componente più significativa dell’attacco ideologico del capitalismo, è svanita [1]. Il mondo intero si rende conto che siamo sull’orlo di una nuova guerra. È ormai ampiamente accettato che gli Stati Uniti costituiranno una parte delle forze combattenti, mentre la Russia e la Cina, in una forma o nell’altra, si porranno contro gli Stati Uniti. Il nuovo attacco ideologico in queste circostanze si concentra sulla diffusione della convinzione che la Russia e la Cina, in quanto potenze mondiali in ascesa, rappresentino una minaccia per la pace nel mondo. Per circa due decenni, i media imperialisti, come Newsweek Time o The Economist, hanno costantemente predicato che il XXI secolo sarà il secolo della Cina. Putin, come “il nuovo zar russo in ascesa”, è recentemente sulle copertine degli stessi media. Non c’è motivo di credere che questi media abbiano buone intenzioni dietro la loro “propaganda” riguardo la Russia e la Cina. Lo scopo di questa propaganda è quello di oscurare l’aggressione imperialista degli Stati Uniti, presentando la Russia e la Cina come più forti e più aggressivi di quanto non siano realmente.

Il riflesso di questa propaganda imperialista nella sinistra, consapevolmente o meno, è quello di descrivere la Russia e la Cina come potenze imperialiste. Tradotto dalla sfera teorica alla pratica politica, questo si traduce in gravi errori, compresa la posizione estremamente reazionaria di difendere le organizzazioni settarie in Siria in nome di un appello a combattere contro “l’imperialismo russo”, e in errori relativamente riparabili, come nel caso di adottare un atteggiamento indeciso nei confronti dell’imperialismo statunitense. Crediamo che potremmo avviare un dibattito significativo e progressivo con coloro che adottino una posizione inconciliabile nei confronti dell’imperialismo statunitense e dei suoi alleati, adottando al contempo un atteggiamento prudente sulla possibilità che la Russia e la Cina diventino potenze imperialiste.

Pertanto, è di grande importanza analizzare la struttura socio-economica della Russia e della Cina per discutere il carattere dell’imperialismo e della guerra nel XXI secolo. Questo articolo esamina i principi generali dell’approccio marxista alla questione della guerra, come questi principi sono stati formulati durante le varie fasi dello sviluppo capitalista, e quale dovrebbe essere la posizione dei marxisti nelle attuali circostanze. Abbiamo già presentato un’analisi completa dell’approccio marxista alla questione della guerra in un dossier in Devrimci Marksizm, numero 25 [la rivista teorica del DIP, Partito Operaio Rivoluzionario di Turchia, n.d.t.]. In questo articolo, ci limitiamo a una spiegazione generale di quale dovrebbe essere la posizione dei marxisti di fronte alla guerra che si avvicina rapidamente. Non entreremo in un dibattito esaustivo sulla questione della strategia e della tattica. Certamente assumiamo che gli Stati Uniti siano parte della guerra insieme all’Unione Europea, alla Gran Bretagna e al Giappone, che sono in una posizione subordinata nei confronti degli Stati Uniti, ma che hanno un carattere imperialista. Nell’analizzare il carattere di Russia e Cina, ci concentriamo in particolare sulle caratteristiche distintive dell’imperialismo che esistono in questi paesi, piuttosto che offrire una spiegazione esaustiva della loro struttura socio-economica. Tra i due, siamo interessati soprattutto alla Cina. Questo perché il nostro punto di partenza essenziale, che è la teoria leninista dell’imperialismo, pone l’economia al centro della sua analisi. Egli concepisce la lotta imperialista per dividere il mondo come uno dei risultati della fase imperialista del capitalismo. La Cina è molto più avanti della Russia in termini di sviluppo economico, tanto che non è nemmeno paragonabile a quest’ultima. Pertanto, se la Cina non può essere caratterizzata come potenza imperialista, sarà possibile dire lo stesso anche per la Russia. Poiché la potenza e la capacità militare della Cina e della Russia, così come il loro posizionamento in Medio Oriente e nel Pacifico, meritano di essere esaminati da soli, non saranno al centro del nostro dibattito in questo articolo. Presenteremo la nostra posizione su questi temi sotto il sottotitolo del carattere della guerra, dove faremo riferimento alle decisioni prese dal IV Congresso del Partito dei Lavoratori Rivoluzionari (DIP).

La posizione marxista sulle guerre in generale

Lenin inizia il suo libro Guerra e socialismo affermando che i marxisti vedono sempre la guerra tra i popoli come una guerra barbara e mostruosa, e la rifiutano. Poi apre una parentesi, all’interno della quale si trova il contenuto del resto del suo libro. Il carattere mostruoso e barbaro della guerra crea la necessità di prenderla sul serio, ponendo i marxisti come veri e costanti critici di guerra affinché si astengano dall’adottare una posizione pacifista, conducendo invece una “guerra contro la guerra”. Lanciare una “guerra contro la guerra” significa partecipare a una lotta rivoluzionaria che combatte essenzialmente per la liquidazione di una società di classe, perché questa è la radice della guerra. Questa lotta richiede una valutazione di ogni guerra alle proprie condizioni. La distinzione tra guerre giuste e difensive e guerre aggressive e ingiuste si basa su questo fondamento. Facendo questa distinzione, il marxismo considera la guerra non dal punto di vista di un giornalista, ma dal punto di vista di un ufficiale, il che significa che le analisi e le valutazioni di un marxista sono orientate all’azione.

Marx ed Engels analizzarono le guerre nel loro periodo da “ufficiali” della classe operaia, si posizionarono e agirono di conseguenza. Analizzarono le guerre per condurre la lotta di classe verso una conclusione positiva o, in altre parole, dal punto di vista dell’interesse della rivoluzione mondiale, e determinarono la loro posizione di conseguenza. L’obiettivo invariabile della guerra è quello di disarmare il nemico, costringendolo a cedere alla tua volontà. Se la guerra è condotta da nazioni, all’interno delle quali ci sono divisioni di classe, e se una parte non è uno stato operaio, questa guerra trascina milioni di lavoratori sul campo di battaglia, ma si traduce in un trionfo della volontà di una classe dominante su quella di un’altra, mentre sono i membri della classe operaia che pagano gran parte dei costi. Tuttavia, sarebbe un errore se la classe operaia rimanesse indifferente alle guerre. Anche quando i decisori e gli esecutori di una guerra sono le classi dirigenti, questa guerra può produrre risultati progressivi e reazionari per il proletariato internazionale e le classi lavoratrici a causa dello sviluppo ineguale delle nazioni. Non solo un partito marxista lotta per un risultato con conseguenze favorevoli per le masse lavoratrici, ma si impegna anche in un intervento attivo e ben pianificato a tal fine.

Il carattere della guerra nel periodo preimperialista

Marx ed Engels, in questa prospettiva, sostennero le guerre delle nazioni e dei popoli sfruttati contro i colonialisti. Si sono schierati a favore degli afghani, degli indiani, dei cinesi contro gli inglesi e a favore degli egiziani e dei messicani contro i francesi. La ragione principale di questo atteggiamento è che il colonialismo costituiva il principale ostacolo allo sviluppo sociale e alla trasformazione delle terre coloniali. Nella guerra tra Francia e Prussia, Marx ed Engels si schierarono con i tedeschi, che combatterono una guerra difensiva contro l’aggressione di Bonaparte III. Per loro, quest’ultimo era nemico non solo dei tedeschi ma anche della Rivoluzione francese. Marx ed Engels salutarono la Repubblica proclamata grazie alla sconfitta di Bonaparte III. Tuttavia, non appena la guerra delle classi dirigenti tedesche perse il suo carattere difensivo e divenne aggressiva contro la Repubblica francese, non esitò ad opporvisi [2]. Durante questo periodo di tempo, Marx ed Engels rilasciarono dichiarazioni a sostegno della collaborazione della classe operaia nei partiti di combattimento sotto l’ombrello dell’Associazione Internazionale dei Lavoratori (Prima Internazionale).  Essi cercarono invariabilmente di allontanare la classe operaia dalle illusioni nazionaliste e di stabilire una linea politica indipendente dalla borghesia e dalla classe dei proprietari terrieri.

Marx ed Engels sostennero gli ottomani nella guerra di Crimea. Il dispotismo ottomano era senza dubbio reazionario, e Marx ed Engels si opposero a questo dispotismo e alle sue manifestazioni di classe e nazionali. Così percepirono lo zarismo russo, insieme ad altri attori reazionari, come una minaccia per tutte le forze progressiste e rivoluzionarie. Per questo motivo, favorirono la sconfitta russa per il bene delle lotte rivoluzionarie e progressiste, così come per gli interessi del proletariato internazionale [3].

In definitiva, non solo dobbiamo valutare ogni guerra alle proprie condizioni, ma dobbiamo anche considerare le circostanze storiche di ogni guerra. Nell’era delle rivoluzioni borghesi, ogni sviluppo per sciogliere l’ordine feudale è stato progressivo in termini di preparazione del terreno per la storica vittoria del proletariato. È grazie a questa prospettiva che Marx ed Engels hanno sostenuto non solo le guerre contro il colonialismo che ostacolano lo sviluppo e la trasformazione sociale, ma anche le guerre contro le strutture dispotiche, le barriere nel percorso di sviluppo delle società contro il feudalesimo.

Lenin spiega il contesto storico che ha determinato la posizione di Marx ed Engels come segue: “L’era 1789-1871 ha lasciato profonde distese e ricordi rivoluzionari. Prima che il feudalesimo, l’assolutismo e l’oppressione straniera fossero rovesciati, lo sviluppo della lotta proletaria per il socialismo era fuori discussione. Quando si parlava della legittimità della guerra “difensiva” rispetto alle guerre dell’epoca, i socialisti avevano sempre in mente proprio questi oggetti, che equivalevano ad una rivoluzione contro il medievalismo e la servitù” [4].

L’imperialismo: La fase suprema del capitalismo

Il capitalismo ha acquisito un carattere monopolistico ed è entrato nella sua fase imperialista a partire dall’ultimo quarto del XIX secolo. Anche se le nazioni in guerra non sono cambiate, questo fenomeno ha cambiato il carattere della guerra. Lenin sottolinea che le guerre borghesi condotte in nome della libertà erano già diventate storia e diventava predominante la lotta inter imperialista per dividere il mondo. Questa trasformazione non avvenne a causa del cambiamento nei governi delle nazioni o della loro dissociazione etica dai valori della rivoluzione borghese come l’uguaglianza, la libertà e la fraternità. Queste nazioni divennero forze che opprimevano e schiavizzavano la maggioranza dei popoli e delle nazioni del mondo a causa dello sviluppo e della maturazione del capitalismo [5].

Lenin osserva che sia il colonialismo che l’imperialismo esistevano prima dell’era del capitalismo moderno e anche prima del capitalismo stesso. L’Impero Romano aveva colonie e praticava l’imperialismo nel senso di espansione territoriale. Tuttavia, dopo aver raggiunto lo stadio più alto del capitalismo, è impossibile comprendere l’imperialismo indipendentemente dalla politica coloniale e imperialista del capitale finanziario. A questo proposito, Lenin afferma che “le disquisizioni ‘generali’ sull’imperialismo, che ignorano, o mettono in secondo piano, la differenza fondamentale tra sistemi socio-economici, si trasformano inevitabilmente nella più vaporosa banalità o vanteria, come il confronto: ‘Grande Roma e Gran Bretagna’”[6] L’imperialismo non è la politica espansionistica dei singoli paesi, ma lo stadio più alto del capitalismo.

Lenin spiega le caratteristiche della fase dell’imperialismo basata sul cambiamento strutturale del capitale e del capitalismo. Come ha spiegato Marx ne “Il Capitale”, nel processo di accumulazione del capitale la concorrenza ha portato all’intensificazione e centralizzazione del capitale, e di conseguenza sono emersi i monopoli. Il capitalismo monopolistico ha sostituito il capitalismo competitivo. L’unificazione del capitale finanziario e del capitale industriale ha creato il capitale finanziario, che è l’unità caratteristica del capitale imperialista. L’esportazione di capitale è diventata più dominante e decisiva dell’esportazione di materie prime. Giganteschi gruppi capitalisti monopolistici internazionali dividono il mondo tra di loro. Potenti stati capitalisti completano la divisione territoriale del mondo. [7].

Nell’era dell’imperialismo, le grandi potenze definiscono l’atto di guerra e compiono la divisione territoriale del mondo. Tuttavia, l’analisi dell’imperialismo richiede di fare distinzioni tra queste grandi potenze. Secondo Lenin, tra le sei grandi potenze che dividevano il mondo, Stati Uniti, Germania e Giappone erano giovani ed emergenti stati capitalisti (imperialisti) e Inghilterra e Francia erano i vecchi stati capitalisti (imperialisti). Con una struttura socio-economica dominata da relazioni pre-capitalistiche e circondata dalle moderne forze imperialiste capitaliste, la Russia era molto diversa dalle altre.[8] Nel definire la posizione della Russia nella prima guerra mondiale come imperialista, Lenin ha sottolineato questa differenza cruciale: “In Russia, l’imperialismo capitalista dell’ultimo tipo si è pienamente rivelato nella politica dello zarismo verso la Persia, la Manciuria e la Mongolia; ma, in generale, in Russia predomina l’imperialismo militare e feudale”[9].

Gli elementi del militarismo e del feudalesimo che dominavano l’imperialismo russo erano presenti anche nell’imperialismo ottomano. Tuttavia, l’Impero Ottomano era una semicolonia e non possedeva le caratteristiche distinte dell’imperialismo definito come la fase più alta del capitalismo. Pertanto, né la Russia né l’Impero Ottomano non possono essere visti come potenze imperialiste che definirono il carattere (imperialista) della Prima Guerra Mondiale. Erano dipendenti dalle grandi potenze imperialiste e quindi occupavano una posizione secondaria (nella migliore delle ipotesi) nella rivalità inter imperialista. Di conseguenza, l’imperialismo della Russia e degli Ottomani assomigliava all’imperialismo della Grande Roma piuttosto che all’imperialismo capitalista [10].

L’enfasi sul capitalismo monopolistico, sul capitale finanziario e sull’esportazione di capitali nella teoria dell’imperialismo di Lenin mostra i principali fondamenti delle grandi potenze che lottano per la divisione e la ri-divisione del mondo. Grandi eserciti, territori espansivi e popolazioni relativamente alte erano le fonti di potere degli imperi precapitalistici. Nell’era dell’imperialismo, l’esportazione di capitali prese il posto delle campagne militari e l’invasione dei mercati da parte del capitale finanziario prese il posto degli eserciti invasori. Sul piano internazionale, gli eserciti imperialisti (che sono finanziati da super profitti derivati dal saccheggio delle materie prime e dallo sfruttamento di manodopera a basso costo e che utilizzano le capacità tecniche e tecnologiche fornite dall’industria capitalista) divennero dominanti in ogni campo. Gli eserciti degli imperi precapitalistici orgogliosi del loro onnipotente passato furono sconfitti dagli invasori imperialisti (come nel caso della Cina) o divennero potenze ausiliarie al servizio dell’imperialismo (come nel caso della Russia, degli Ottomani e dell’Austria-Ungheria).

Il carattere della guerra nell’epoca dell’imperialismo e delle rivoluzioni proletarie

La posizione contro la guerra nell’epoca dell’imperialismo portò il movimento operaio e il marxismo ad un punto di svolta. Contro i socialdemocratici che distorcono la prospettiva della “guerra di difesa” di Marx ed Engels per legittimare l’appoggio dei propri governi borghesi imperialisti, i socialisti internazionalisti come Lenin, Trotsky, Lussemburgo e Liebknecht presero una posizione ferma contro la guerra imperialista. Tra i socialisti internazionalisti, Lenin divenne il rappresentante più coerente della prospettiva rivoluzionaria di Marx ed Engels. Lenin unì la posizione contro la guerra imperialista con la strategia di trasformare la guerra imperialista in guerra civile. La vittoriosa Rivoluzione d’ottobre fu il risultato di questa strategia. La rivoluzione proletaria che trionfò in Russia nel 1917 pose fine anche alla prima guerra mondiale [11].

Il sistema mondiale imperialista ha vissuto una rottura dopo la Rivoluzione d’Ottobre. Si apre l’era delle rivoluzioni proletarie. Le guerre successive possono essere (e furono) comprese in questo contesto storico. Nella guerra franco-tedesca del 1870-71, abbiamo visto che il carattere di una guerra in corso può cambiare. Allo stesso modo, la Rivoluzione d’ottobre cambiò il carattere della Prima Guerra Mondiale. Dopo la Rivoluzione di febbraio, è stato possibile trasformare la guerra imperialista in Russia in una guerra rivoluzionaria. La guerra rivoluzionaria si pose concretamente all’ordine del giorno dopo la Rivoluzione d’ottobre. Il trattato di Brest-Litovsk escluse una guerra rivoluzionaria contro la Germania. Tuttavia, la guerra dell’imperialismo contro lo stato operaio di recente fondazione continuò sotto forma di guerra civile. La guerra civile russa, iniziata nel 1918, fu una guerra in cui le classi combattevano visibilmente l’una contro l’altra. Fu una guerra rivoluzionaria e giusta del proletariato e una guerra reazionaria e ingiusta dei padroni russi e della borghesia. Il carattere della guerra cambiò anche per l’Impero Ottomano/Turchia alla fine della prima guerra mondiale. Insieme all’Austria-Ungheria, lo stato ottomano si unì alla guerra nel blocco imperialista guidato dalla Germania. Dopo aver perso la guerra, lo stato ottomano fu smembrato e invaso. Dopo quella fase, la guerra acquistò un carattere borghese, nazionalista e difensivo. In questa prospettiva, Lenin e Trotsky sostennero la lotta nazionale in Anatolia.

Nell’era delle rivoluzioni proletarie che si aprirono dopo la Rivoluzione d’Ottobre, l’Unione Sovietica divenne il fronte più importante e strategico della rivoluzione mondiale. Da quel momento, l’imperialismo ha cessato di essere un sistema veramente universale. Le guerre anticoloniali del XIX secolo furono strumenti di distruzione delle forme socio-economiche e politiche precapitalistiche nelle colonie e di avanzamento delle società colonizzate. Dopo la Rivoluzione d’Ottobre, le guerre nazionali contro l’imperialismo entrarono a far parte della rivoluzione proletaria mondiale. Lenin capì e sostenne il diritto delle nazioni all’autodeterminazione non come principio astratto, ma in stretta relazione con le esigenze della rivoluzione proletaria mondiale. Nel Secondo Congresso dell’Internazionale Comunista nel 1920, il famoso slogan del movimento rivoluzionario della classe operaia dalla pubblicazione del Manifesto Comunista, “Lavoratori del mondo, unitevi” fu rivisto come “Lavoratori e nazioni oppresse del mondo, unitevi!

La coesistenza di un imperialismo in declino e di una crescente rivoluzione proletaria ha determinato il contesto storico della seconda guerra mondiale. Come la prima guerra mondiale, la seconda guerra mondiale ha avuto il carattere di una rivalità inter imperialista per la divisione del mondo. La seconda guerra mondiale non era semplicemente un conflitto tra il nazismo tedesco e il fascismo italiano da una parte e le democrazie inglese, francese e americana dall’altra. Era una guerra tra due campi imperialisti per la divisione del mondo. In questo contesto, la posizione del marxismo contro la seconda guerra mondiale era simile a quella dei bolscevichi contro la prima guerra mondiale, il che significava che la classe operaia di ogni paese doveva rifiutare di collaborare con le sue classi dominanti imperialiste. Da quando la Francia fu occupata all’inizio della seconda guerra mondiale e il potere capitalista invasore apparve (di fronte alla nazione francese e alla classe operaia francese) sotto forma di nazismo, la resistenza contro l’occupazione e il fascismo/nazismo ebbe un ruolo di primo piano. Per tutti gli altri paesi imperialisti, trasformare la guerra imperialista in guerra civile (per trionfare sulle loro borghesie nazionali e stabilire gli stati operaio) fu una strategia rivoluzionaria rilevante. Il carattere della guerra cambiò dopo l’assalto dei nazisti contro l’Unione Sovietica nel 1941. La guerra dell’Unione Sovietica contro il nazismo era una guerra difensiva e giusta. La politica di disfattismo rivoluzionario contro gli alleati imperialisti dell’Unione Sovietica doveva essere portata avanti ma in forma modificata. Senza dimenticare che gli alleati imperialisti dell’Unione Sovietica erano essenzialmente nemici dell’Unione Sovietica e della rivoluzione proletaria, dovevano essere impiegate tattiche adeguate che diano priorità alla vittoria militare dello stato operaio. L’obiettivo diretto e immediato del proletariato mondiale era la vittoria militare dell’Unione Sovietica. Quindi, la seconda ondata della rivoluzione mondiale iniziò con la vittoria dell’Armata Rossa sul fascismo, le guerre partigiane in tutta Europa e la guerra contro l’invasione giapponese in Cina. In conformità con il carattere dell’epoca, le rivoluzioni socialiste fermarono la guerra imperialista.

Che cosa definisce il carattere dell’economia russa e cinese: Esportazione di materie prime o esportazione di capitali?

L’imperialismo è una fase del capitalismo in cui diventa determinante l’esportazione di capitali, piuttosto che di materie prime. Nel XXI secolo, l’esportazione di capitali è diventata più facile sia tecnicamente che tecnologicamente. Gli attacchi neoliberali dell’imperialismo hanno, nel corso del tempo, smantellato notevolmente le barriere di fronte alla circolazione dei capitali. L’esportazione di capitali in queste circostanze non è limitata a una manciata di potenze imperialiste, ma si è piuttosto diffusa. Inoltre, l’approfondimento dell’integrazione del mondo imperialista ha portato a un aumento delle esportazioni di capitali tra le economie imperialiste e gli Stati Uniti e la Gran Bretagna ricevono ora un elevato livello di investimenti esteri diretti, oltre ad essere leader nell’esportazione di capitali come grandi potenze imperialiste.  Il fatto che i livelli di investimento che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna esportano e ricevono, ciascuno, sono all’incirca gli stessi, non cambia la caratteristica imperialista del capitale finanziario di questi paesi. Al contrario, sono al centro di un sistema capitalista mondiale sempre più integrato.

Paesi imperialisti come la Germania, la Francia e i Paesi Bassi, più l’Unione Europea nel suo complesso e il Giappone sono esportatori netti di capitali in termini di stock di investimenti diretti esteri. D’altra parte, la Russia e la Cina sono importatori netti di capitali in termini di stock di investimenti diretti esteri. Mentre lo stock degli investimenti diretti esteri della Cina è pari al 24% del suo PIL, l’esportazione di capitali raggiunge solo il 12% del PIL. Questa percentuale, per la Russia, è rispettivamente del 30 per cento e del 26 per cento, e questo nonostante sia l’esportatore numero uno di capitali verso le ex repubbliche sovietiche, il che dimostra che è anche un importatore netto di capitali [12].

Un attento esame sia della Cina che della Russia mostra che il carattere delle loro economie non è definito dall’esportazione di capitali, ma dall’esportazione di materie prime. La situazione della Russia è abbastanza ovvia. Il 40 per cento delle entrate di bilancio della Russia deriva dal petrolio, dal gas e dai loro derivati. La sua performance economica è fortemente dipendente dalla fluttuazione dei prezzi del petrolio. [13] Su scala globale, tuttavia, la Russia, con entrate totali dovute all’export di 353 miliardi di dollari, si trova in fondo alla classifica dei paesi esportatori, in competizione con gli Emirati Arabi Uniti. Per questo motivo, non discuteremo ulteriormente la situazione della Russia a causa della chiarezza della sua posizione, mentre la situazione della Cina sembra essere più controversa e merita di essere valutata più in dettaglio.

Con un reddito pari a 2,3 trilioni di dollari provenienti dalle sue esportazioni di materie prime, la Cina è al primo posto nella classifica degli esportatori. Se a questa cifra si aggiungono i 550 milioni di dollari delle esportazioni di Hong Kong, il reddito da esportazione della Cina è pari al doppio di quello di paesi come gli Stati Uniti (1,5 trilioni) o la Germania (1,4 trilioni) [14]. Il nostro punto è che l’esportazione di capitali dalla Cina è complementare alla gigantesca struttura economica di esportazione di materie prime del paese. In altre parole, l’economia cinese esporta sia beni che capitali, ma ciò che è determinante nel caso cinese è l’esportazione di beni, non la caratteristica distintiva dell’imperialismo dell’esportazione di capitali.

Ad esempio, l’esportazione di capitali da parte della Cina attraverso l’acquisto di porti e terminali è diversa dalla condotta del capitale finanziario imperialista che cerca di trovare manodopera a basso costo all’estero. I porti per la Cina non sono un mezzo per trasferire i profitti in eccesso acquisiti dal capitale attraverso lo sfruttamento di manodopera a basso costo. Piuttosto, la Cina li usa per vendere merci al mondo, merci prodotte in Cina utilizzando la sua forza lavoro a basso costo.  È come un’estensione della sua posizione nell’economia mondiale in qualità di primo paese esportatore che la Cina investe nei porti di tutto il mondo. Nonostante questi investimenti, i monopoli commerciali dello stato cinese, che possiede 29 porti in 15 paesi e 47 terminali in 13 paesi, sono all’incirca allo stesso livello, o addirittura indietro alla compagnia danese Maersk (41 paesi, 76 porti), alla Swiss Mediterranean Shipping Co. (22 paesi, 35 terminali) e alla DP World di Dubai (40 paesi, 77 porti) [15].

Mentre il 40 per cento delle esportazioni cinesi di capitali diretti si concentra nei settori minerario, petrolifero ed energetico, solo il 4 per cento è destinato all’industria manifatturiera. La Cina è uno dei maggiori clienti di materie prime ed energia e questa domanda emerge da una produzione orientata all’esportazione all’interno dei confini cinesi, cioè dall’impulso all’esportazione di materie prime. La variabile determinante negli investimenti diretti della Cina all’estero è il reddito nazionale del paese in cui il capitale cinese viene esportato. [16] Gli investimenti esteri della Cina non puntano alla manodopera a basso costo, ma ai grandi mercati. I grandi mercati significano più domanda di beni cinesi, il che dimostra che l’esportazione di capitali cinesi è un’estensione della sua esportazione di materie prime e che questa caratteristica dell’economia cinese non può essere definita come un indicatore dell’imperialismo.

C’è anche una grave fonte di malinteso riguardo ai dati sull’esportazione cinese di capitali. Quando Hong Kong, ex colonia britannica, è stata ceduta alla Cina nel 1997, la Cina e la Gran Bretagna hanno concluso un accordo noto come “un paese, due sistemi”, in base al quale il libero mercato e la struttura liberale di Hong Kong hanno ottenuto l’immunità. Per questo motivo, gli investimenti della Cina a Hong Kong sono calcolati come parte dell’esportazione di capitali cinesi. Inoltre, gli investimenti stranieri di Hong Kong in Cina sono considerati capitali stranieri. La Cina offre molti incentivi per attirare gli investimenti stranieri. Per questo motivo, il capitale cinese che avvia un’attività a Hong Kong ritorna in Cina (“round tripping”) e si avvale degli incentivi previsti per gli investimenti esteri. La quota di Hong Kong nell’esportazione di capitale cinese raggiunge il 70% e il capitale reinvestito in Cina come risultato di un round tripping è stimato al 40% dell’esportazione di capitale cinese [17].

 Il carattere contraddittorio del capitale finanziario russo e cinese

Tre giganti del petrolio e del gas naturale, Gasprom, Lukoil e Rosneft, e due banche nazionali quotate in borsa, Sberbank e VTB Bank, sono le società russe che sono tra le 500 società più grandi del mondo. La Cina, d’altra parte, entra nella lista come uno dei paesi leader, con circa 20 aziende nella top 500. Se a questo si aggiunge la crescente attività borsistica sia in Cina che in Russia alla crescente importanza del capitale delle banche, si può facilmente affermare che il capitale finanziario, caratteristico dell’era dell’imperialismo, esiste in Russia e in Cina. Tuttavia, quasi tutte queste società sono o società di proprietà statale o società per azioni in cui lo Stato è il principale azionista. L’unica società privata cinese che è arrivata alla lista è la Noble Group di Hong-Kong, che è in realtà una società britannica fondata da un grande commerciante di carbone di nome Richard Elman. Il motivo per cui queste società sono tra le prime 500 al mondo non è il capitalismo sviluppato di Cina e Russia, ma la leadership russa nelle risorse naturali e l’enorme mercato cinese, dato che ha la più grande popolazione del mondo.

Possiamo osservare un modello di proprietà statale che non è compatibile con le tendenze classiche del capitale finanziario, specialmente quando si tratta della Cina. La tendenza preminente negli investimenti esteri della Cina non è quella del tipo “greenfield”, che significa costruire da zero nuove fabbriche, unità produttive, impianti, ecc. Tuttavia, gli investitori cinesi hanno guadagnato una seria notorietà. Mentre il capitale finanziario classico opera con il fine di massimizzare il profitto, le motivazioni politiche e burocratiche della Cina possono a volte far passare in secondo piano la redditività dell’investimento. L’esempio emblematico di questo è stato il caso di una compagnia statale cinese, la Angbang Insurance Group, che ha acquistato il famoso Waldorf Astoria Hotel di New York. Dopo il restauro, il Waldorf Astoria è rimasto chiuso per mesi a causa della sospensione del direttore del gruppo, Wu Xiaohui, nel corso di un’indagine. Questo incidente ha comportato una perdita di oltre un miliardo di dollari [18]. Tali incidenti non solo suscitano sospetti nei confronti degli investitori cinesi, ma spingono anche lo stesso governo cinese a imporre serie restrizioni agli investimenti esteri. Nel 2017, il governo cinese ha vietato gli investimenti in casinò e simili, introducendo restrizioni all’esportazione di capitali su beni immobili, alberghi e luoghi di intrattenimento [19].

A differenza delle loro controparti americane, tedesche, francesi e giapponesi, né la Russia con i suoi monopoli del petrolio e del gas, le sue banche statali e i suoi oligarchi in continua crescita a causa del saccheggio dello Stato operaio, né la Cina con il suo gigantesco ma prematuro capitale finanziario può costituire la base di una potenza imperialista. Tuttavia, una tale conclusione non implica che la situazione attuale rimarrà la stessa per sempre. Anche se il capitale finanziario russo è ben lungi dall’avere un carattere imperialista, lo sviluppo del capitale finanziario cinese richiede un attento esame. Tuttavia, non possiamo parlare di imperialismo se la Cina non eleva la sua economia a un nuovo livello in cui l’esportazione di capitali, non l’esportazione di materie prime, diventa dominante.

Inoltre, è impossibile per la Cina salire nella lega dei paesi imperialisti finché non cerca manodopera a basso costo al di là dei suoi confini, ma continua ad offrire salari tra i più bassi del mondo e rimane un paese in cui il capitale fluisce e da cui si muove la propria popolazione. A questo proposito, dobbiamo ricordare che Lenin ha aggiunto anche il fenomeno migratorio agli indicatori dell’imperialismo: “Una delle particolarità dell’imperialismo connesso con i fatti che sto descrivendo, è il calo dell’emigrazione dai paesi imperialisti e l’aumento dell’immigrazione in questi paesi dai paesi più arretrati dove si pagano salari più bassi”[20] Nel mondo di oggi, se non esiste una cosa come quella dei lavoratori migranti americani, tedeschi, danesi, olandesi, olandesi, canadesi, inglesi o francesi, la ragione è che questi paesi sono potenze imperialiste. E anche la relazione inversa deve essere considerata vera.

Risultati e prospettive

Lenin afferma che la lotta per la ripartizione del mondo tra le grandi potenze nell’era dell’imperialismo si sviluppa su una base formata dal capitalismo monopolistico, dal capitale finanziario e dall’esportazione di capitale: “L’epoca dell’ultima fase del capitalismo ci mostra che crescono certe relazioni tra associazioni capitalistiche, basate sulla divisione economica del mondo; mentre parallelamente e in relazione ad essa, crescono certe relazioni tra alleanze politiche, tra Stati, sulla base della divisione territoriale del mondo, della lotta per le colonie, della “lotta per le sfere d’influenza”. Quando cerchiamo di dare un senso alla guerra nella nostra epoca, questa chiara comprensione ci spinge a indagare le infrastrutture economiche della Russia e della Cina, che sono ovviamente uno dei poli delle contraddizioni politiche e delle tensioni militari.

Abbiamo dimostrato nei loro schemi di base che le infrastrutture economiche di Russia e Cina non sono di carattere imperialista. La posizione difensiva della Russia e della Cina, in quanto parti di tensioni militari che scuotono il mondo di oggi, è determinata dalle suddette infrastrutture. In realtà, la posizione difensiva di Russia e Cina può essere facilmente osservata senza una simile analisi. Ciò che determina il carattere della guerra nel XXI secolo è l’accerchiamento della Russia e della Cina da parte dell’imperialismo statunitense, in alleanza con i suoi alleati subordinati dell’imperialismo europeo e giapponese, al fine di integrare i paesi precedenti nel sistema mondiale imperialista in modo incontrollato, portando a compimento il processo di restaurazione capitalista in questi paesi.

Ribadiamo, questa posizione può senza dubbio cambiare nel tempo. Tuttavia, affinché ciò avvenga, il capitale finanziario di Russia e Cina dovrebbe svilupparsi in modo tale che l’esportazione di capitali diventi dominante, mentre l’esportazione di beni di prima necessità si collochi in una posizione secondaria nell’economia. Solo a questa condizione questi paesi possono competere con gli Stati Uniti e i suoi alleati nella lotta imperialista di dominio come potenze imperialiste indipendenti. Uno sviluppo più probabile sarebbe che la Russia e/o la Cina combatteranno a fianco di un campo imperialista nel caso di una divisione all’interno del campo imperialista. Quest’ultima situazione significa una posizione simile a quella della Russia e dello Stato ottomano durante la Prima Guerra Mondiale. Considerando la situazione attuale del mondo e gli sviluppi politici, si può dire che la probabilità di tale alternativa è molto bassa.

Anche se Russia e Cina sono in una posizione giusta e difensiva contro il blocco imperialista guidato dagli Stati Uniti, né il dispotismo di Putin, né il PCC, il Partito “Capitalista” della Cina, sono un’alternativa per il proletariato mondiale da seguire e offrire sostegno politico. L’interesse del proletariato mondiale risiede nella sconfitta dell’imperialismo. Il potere militare di Russia e Cina riduce la possibilità di un’invasione imperialista quasi all’impossibile. Tuttavia, prima di un attacco militare, questi paesi si trovano di fronte al rischio di un collasso economico e politico, derivante dalla distruzione di tutte le conquiste della rivoluzione proletaria e dalla forte mobilitazione di tutte le dinamiche della crisi capitalista in quei paesi. Vale a dire che, anche se queste potenze possono resistere all’imperialismo, non possono sconfiggerlo. D’altra parte, la sconfitta della Russia e della Cina per mano dell’imperialismo darebbe luogo a risultati regressivi in tutto il mondo. Pertanto, non è possibile alcuna imparzialità tra l’imperialismo e questi paesi. Al contrario, ogni colpo ricevuto dall’imperialismo spianerebbe la strada a dinamiche rivoluzionarie. Ciò che alla fine condurrà alla sconfitta dell’imperialismo del XXI secolo è la rivoluzione proletaria, come nel caso della Prima e della Seconda guerra mondiale.

*Levent Dölek è vicepresidente del DIP (Partito dei lavoratori rivoluzionari) ed ex docente alla Facoltà di Economia dell’Università di Istanbul prima di essere espulso con uno dei primi decreti legge sullo stato di emergenza in Turchia nel 2016 a causa della sua lotta politica. È uno scrittore di Devrimci Marksizm (Marxismo Rivoluzionario) e la sua edizione annuale in inglese Revolutionary Marxism, e il giornale Gerçek (Verità).

 

Note

[1] Questa è una versione leggermente abbreviata dello stesso articolo in turco, pubblicato su Devrimci Marksizm, numero 35, estate 2018. È stato tradotto in inglese da Burak Başaranlar.

[2] Cfr. il “Secondo discorso del Consiglio generale dell’Associazione internazionale dei lavoratori sulla guerra franco-prussiana (Marx)”, http://hiaw.org/defcon6/works/1871/civil-war-france/ch02.html.

[3] Per le opinioni di Marx su questa questione si veda Karl Marx, Türkiye Üzerine (Şark Meselesi) [Sulla Turchia (La questione orientale)], tradotto da Selahattin Hilav e Attila Tokatlı, İstanbul: Gerçek Yayınevi, 1974.

[4] V. I. Lenin, Socialismo e guerra, https://www.marxists.org/archive/lenin/works/1915/s+w/ch01.htm#v21fl70h-299.

[5] Ibid.

[6] V.I. Lenin, Emperyalizm Kapitalizmin En Yüksek Aşaması [Imperialismo: la fase più alta del capitalismo], tradotto da Cemal Süreya, Ankara: Sol Yayınları, 1998, pp. 92-93.

[7] Ibid., pp. 100-101.

[8] Ibid., p. 92.

[9] V.I. Lenin, Sosyalizm ve Savaş [Socialismo e guerra], p. 18.

[10] Lenin ha continuamente sottolineato questa distinzione, specialmente per quanto riguarda la Russia. D’altra parte, Lenin utilizzò la tattica del “disfattismo rivoluzionario” e la strategia di “trasformare la guerra in guerra civile” nella lotta contro la Russia, che si unì alla Prima Guerra Mondiale dalla parte dell’imperialismo inglese e francese e combatté una guerra a carattere coloniale/riciclaggio. Questa lotta ha indubbiamente reso necessario sottolineare il carattere ingiusto e imperialista della guerra condotta dalle classi dominanti della Russia. L’errore di coloro che sostengono che la Russia è sempre stata imperialista deriva da un’errata lettura di questa enfasi.

Per un’analisi dettagliata della posizione, delle tattiche e delle strategie di Lenin e dei bolscevichi riguardo alla guerra, si veda Levent Dölek, “Devrimci Marksist savaş politikası “Devrimci Marksizm, n. 25, Inverno 2015-2016, pp. 11-39.

[12] https://data.oecd.org/fdi/fdi-stocks.htm#indicator-chart.

[13] https://financialtribune.com/articles/world-economy/66149/russia-says-economy-less-dependent-on-oil.

[14] https://www.statista.com/statistics/264623/leading-export-countries-worldwide/.

[15] https://www.forbes.com/sites/wadeshepard/2017/09/06/chinas-seaport-shopping-spree-whats-happening-as-the-worlds-ports-keep-going-to-china/#14ab39244e9d.

[16] Wade Shepard, “China’s Seaport Shopping Spree: Che cosa sta vincendo la Cina acquistando i porti del mondo”, https://www.cmi.no/publications/file/3332-what-determines-chinese-outward-fdi.pdf.

[17] Chia Le, “I numeri della Cina non raccontano la storia completa degli investimenti esteri”, Nikkei Asian Review, https://asia.nikkei.com/Economy/Xia-Le-China-s-numbers-don-t-tell-full-story-on-foreign-investment.

[18] Xie Yu, “Chinese Overseas Acquirers Export Capital and Leave Black Eye”, South China Morning Post, http://www.scmp.com/business/china-business/article/2113872/chinas-overseas-acquirers-export-capital-and-leave-black-eye.

[19] http://www.xinhuanet.com/english/2018-01/16/c_136900334.htm.

[20] https://www.marxists.org/archive/lenin/works/1916/imp-hsc/ch08.htm.

[21] https://www.marxists.org/archive/lenin/works/1916/imp-hsc/ch05.htm.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...