50 anni dopo la ribellione di Stonewall: cosa è successo nel 1969?

Sulla rivolta anti-repressiva che ha segnato un prima e un dopo per il movimento LGBT.

di Mayra Francesca – Gruppo LGBT 1969 e Partido Obrero

Questo 28 giugno ricorre il 50 ° anniversario degli eventi del Stonewall, quando la resistenza ad un raid della polizia sullo Stonewall Inn, un bar in Greenwich Village occupato per le persone LGBT, ha scatenato una rivolta che durata per diversi giorni e notti.

Il 1969 è stato senza dubbio un anno caratterizzato da una situazione pre-rivoluzionaria a livello internazionale, con grandi rivolte popolari in varie parti del mondo e negli Stati Uniti, una potente agitazione anti-imperialista contro la guerra in Vietnam e per i diritti dei neri, duramente vessati dalle forze repressive. In questo contesto, la ribellione di Stonewall ha segnato un’impennata della lotta del movimento LGBT, comunità che ha abitualmente sofferto persecuzioni e la violenza della polizia.

st.jpgScontri con la polizia durante le rivolte di Stonewall.

La rivolta

In questa zona del Greenwich Village, nelle prime ore del mattino, la polizia aveva richiesto l’identificazione delle persone presenti e persino controllato i genitali delle persone che indossavano abiti “femminili” per conoscere il loro sesso (c’era una legge che non permetteva di vestirsi con più di tre indumenti del genere opposto). Le donne trans furono sistematicamente arrestate, percosse e violentate dai commissari. Le persone LGBT si incontravano in quest’area, anche se per gran parte di esse i balli e le feste non erano affatto una priorità, dal momento che pativano l’assenza di cibo, l’esclusione dal lavoro, la mancanza di accesso al sistema sanitario e, in molti casi, la mancanza di una casa per dormire.

Quel 28 giugno, il dipartimento di polizia di New York ha condotto uno dei soliti raid allo Stonewall Inn, alle 1:20 del mattino. Quattro poliziotti in borghese e due ufficiali in uniforme irruppero nello stabilimento, la polizia bloccò le porte generando la confusione più totale. Ma questa volta, l’attacco repressivo portò a una situazione inaspettata: alcune persone presenti decisero di non farsi identificare e le donne trans resistettero all’ispezione. L’atmosfera si surriscaldò fino al punto che ad un certo momento della notte, i poliziotti erano bloccati nel bar, mentre fuori di esso si accalcavano circa 150 persone (comprese ovviamente quelle della comunità LGBT). Le forze antisommossa (la TPF, Tactical Police Force) del dipartimento di polizia di New York sono arrivate per liberare i poliziotti che si trovavano all’interno dello Stonewall Inn, dopodiché si è intensificata la repressione, ma ancor di più la resistenza contro di essa, raggiungendo nei giorni successivi migliaia di persone.

Per la prima volta nella storia, c’era un raggruppamento di questa entità con persone organizzate contro un sistema repressivo che riproduceva l’odio verso la diversità sessuale e di genere. E tale movimento, per questo, ha assunto un carattere di mobilitazione e combattimento in strada, indipendente dallo Stato e contro le sue forze repressive.

kk.jpgChristopher Street Liberation Day marzo

La ribellione e dopo

La ribellione di Stonewall ha dato origine nei mesi successivi all’emergere di nuove espressioni del movimento. Sei mesi dopo, fu fondato un giornale chiamato Gay, distribuito in città, seguito da altri due nelle settimane seguenti: Come Out! Gay Power. Inoltre, il numero di lettori di queste tre pubblicazioni era compreso tra 20.000 e 25.000.

Stonewall ha portato all’emergere di nuovi e più ampi raggruppamenti, come nel caso del Gay Liberation Front, che ha raggiunto un’estensione nazionale e persino ramificazioni in Germania e Inghilterra. Con un’influenza anti-imperialista già visibile nel suo nome (omaggio al Fronte Nazionale per la Liberazione del Vietnam o Vietcong), il gruppo ha indicato nel suo testo principale, il Manifesto Gay di Carl Withman del 1970, che “ci riconosciamo come radicali perché siamo consapevoli che il sistema stabilito genera oppressione, e non vogliamo conquistare solo qualche fetta di carne perché non ci piace quella marcia”. Con questa e altre dichiarazioni tendenti chiaramente a sinistra come la solidarietà con la lotta dei neri e quella dei lavoratori, quel manifesto gettava tuttavia il bambino con l’acqua sporca: dalla potente denuncia della persecuzione degli omosessuali in Stati socialisti burocratizzati, Whitman ne ricava il rifiuto di una visione rivoluzionaria (“non siamo né marxisti né comunisti”). Il testo evitava una precisa definizione di classe: “non ci adattiamo a nessuno dei suoi schemi di classe o di casta”.

Negli anni seguenti, il movimento LGBT fu attraversato dal dibattito tra l’affermarsi come movimento rivoluzionario o l’assimilarsi al capitalismo e ai suoi partiti. È stata quest’ultima tendenza a prevalere nelle principali organizzazioni, riducendo la lotta per le strade e virando verso una strategia che ponesse la propria fiducia nella lobby parlamentare. Il raggiungimento di leggi, che riguardavano diritti rivendicati a lungo dalla comunità, ha funzionato a sua volta come meccanismo di cooptazione, colpendo la lotta contro il problema di fondo: l’oppressione capitalista. In un sistema capitalista che impone l’eteronormatività e il modello familiare nucleare, è normale che la comunità LGBT sia uno dei settori più oppressi e perseguitati, poiché i modelli di relazioni alternative sfidano il ruolo imposto per i generi nelle famiglie.

Con forti critiche al trend assimilazionista e alla preminenza dei bianchi della classe media nel movimento LGBT, è stata fondata nel 1971 STAR (Azione Rivoluzionaria delle Transvestite di Strada), un gruppo che si è dedicato ad aiutare le donne di strada transgender senza fissa dimora che ha avuto come punti di riferimento Marsha P. Johnson e Sylvia Rivera.

Il 28 giugno 1970, ci fu la Marcia del Giorno della Liberazione di Christopher Street (strada dello Stonewall Inn), in cui ci sono stati scontri con la polizia e un gran numero di manifestanti, giugno è stato intitolato come “Mese dell’orgoglio” in onore alla rivolta di Stonewall, che ha segnato un prima e un dopo. Pertanto, le marce hanno cominciato a svolgersi nel Paese e in tutto il mondo per ricordare questa data.

50 anni

Come Gruppo LGBT “1969”, che deve il suo nome agli eventi di Stonewall, chiamiamo a prendere quel momento come esempio, dandoci l’indipendenza politica e l’orientamento della lotta che ha acquisito in quei giorni la rivolta.

Che la mobilitazione di questo 28 giugno sia un giorno di lotta che porta in piazza le richieste della comunità LGBT: contro la discriminazione della comunità dei travestiti (che oggi in Argentina hanno un’aspettativa di vita di 35 anni), contro la continuità – nonostante le conquiste democratiche strappate allo Stato – degli attacchi e dei crimini d’odio, che hanno come terreno fertile l’interferenza delle chiese sullo Stato.

Usciamo per le strade, convochiamo assemblee per la quota trans-travestiti nei luoghi di lavoro; per l’aborto legale e un’educazione sessuale completa, con contenuti che informino sulla diversità sessuale e di genere; contro il protocollo repressivo verso le persone LGBT di Bullrich; organizzandoci indipendentemente dallo Stato, dalle chiese e dai partiti dei padroni, che sia al governo che all’opposizione cercano di continuare con l’accondiscendenza verso il FMI e il pagamento del debito. Per una trasformazione sociale alla radice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...