Turchia: problemi di democrazia (negata)

Questa è la traduzione in italiano della dichiarazione del Partito Operaio Rivoluzionario (DIP), ampiamente adattata al lettore internazionale e leggermente abbreviata, riguardo la decisione della Commissione Elettorale Suprema (YSK) della Turchia per una ripetizione delle elezioni per il sindaco di Istanbul.

Boicottaggio! Tornare nel seno della nazione! Per un’assemblea costituente libera!

L’abrogazione delle elezioni del sindaco della municipalità metropolitana di Istanbul da parte della Commissione elettorale suprema (YSK nel suo acronimo turco) su richiesta dell’AKP e dell’MHP [rispettivamente il partito di Erdoğan e il tradizionale partito fascista turco che è stato recentemente alleato di Erdoğan] è l’ultimo e più eclatante esempio dell’incatenamento della volontà popolare da parte del regime dispotico di Erdoğan. La decisione presa dall’YSK è una violazione della legge elettorale, così come della propria giurisprudenza e persino dei casi precedenti, prefissata per le elezioni locali del 31 marzo.

Non c’è motivo di immaginare che la decisione sia stata presa su base giuridica. Questo è lo stesso YSK, nel quale agivano gli stessi giudici che hanno cambiato le regole del gioco a metà del referendum sul dispotico sistema “presidenziale” ideato dall’AKP. Quando il loro mandato è stato esteso un anno prima delle elezioni locali del 31 marzo di quest’anno, in flagrante violazione della costituzione, l’intera credibilità delle elezioni è stata distrutta (la costituzione vieta espressamente una decisione del governo o un atto parlamentare che può influenzare i risultati delle elezioni entro un anno dalle elezioni). Questo è stato infatti uno dei motivi principali per cui il DIP ha boicottato le elezioni locali.

E non solo questo. Le serie di elezioni tenutesi a partire dal 2015 sono state tutte poco chiare. L’AKP ha perso le elezioni di giugno 2015, così come la sua maggioranza in parlamento. Le ripetute elezioni del novembre dello stesso anno sono state organizzate all’ombra delle bombe esplose dall’ISIS (lo Stato islamico ha ucciso più di 100 persone ad Ankara il 10 ottobre 2015, due settimane prima delle votazioni), in un’atmosfera in cui solo l’AKP è stato in grado di fare propaganda nel periodo pre-elettorale. In seguito, il referendum che ha introdotto il sistema presidenziale a lungo agognato da Erdoğan, nell’aprile 2017, svoltosi sotto lo stato di emergenza dichiarato da Erdoğan dopo il fallito colpo di stato del 2016, è stato ulteriormente compromesso dal cambiamento delle regole a metà della partita, come già accennato. E le elezioni presidenziali del 2018 si sono svolte sotto l’ombra del capo di stato maggiore che è sceso in elicottero sul giardino di un aspirante rivale di Erdoğan (l’ex presidente della repubblica, Abdullah Gül, anch’egli fedelissimo dell’AKP che ora gioca a fare “il poliziotto buono”), dissuadendolo dalla corsa. I partiti di opposizione fedeli all’ordine politico sono responsabili del fatto che hanno tenuto la bocca chiusa ogni volta che l’AKP vinceva le elezioni sulla base di tali metodi illegittimi. Il DIP ha infine optato, nelle elezioni locali di quest’anno, per un boicottaggio, cercando di mobilitare la classe operaia e le masse in sciopero sulla base di una politica indipendente dalla classe capitalista, dell’imperialismo e del dispotismo di Erdoğan.

L’abrogazione e la ripetizione delle elezioni del sindaco metropolitano di Istanbul ha dimostrato quanto fosse corretta questa posizione politica. Il sindaco eletto di Istanbul, Ekrem Imamoğlu del CHP (Partito Popolare Repubblicano), il principale partito di opposizione, un tempo considerato a sinistra del centro, ha costantemente ribadito per settimane che il YSK era del tutto affidabile! Qui siamo faccia a faccia con quella rispettabile istituzione!

Le elezioni soffocate sotto un blocco

C’è stato un crescendo verso questa conclusione finale. L’ambiente era quello di una propaganda unilaterale prima delle elezioni. Ciò è stato ancora più forte nelle regioni curde del paese. Immediatamente dopo che i risultati sono stati resi noti, l’YSK ha negato ad alcuni dei legittimi vincitori dell’HDP, il partito curdo dominante, in province come Diyarbakır, Van e Mardin, il diritto di diventare sindaci con il pretesto che erano stati espulsi dal servizio pubblico sotto lo stato di emergenza dichiarato dopo il fallito colpo di stato, una misura notoriamente antidemocratica che è costata decine di migliaia di posti di lavoro attraverso decreti legge approvati senza la minima procedura richiesta. Ciò che è ancora più ironico è il fatto che lo stesso YSK aveva messo il sigillo di approvazione sulla candidatura di queste stesse persone, conoscendo bene la loro situazione. La minaccia che Erdoğan aveva costantemente fatto prima delle elezioni, secondo cui i sindaci eletti nella lista dell’HDP sarebbero stati rimossi a favore di amministratori nominati dal Ministero dell’Interno, si è così realizzata a partire dall’ora zero attraverso i servizi di un organo giudiziario apparentemente neutrale, l’YSK. Solo che questa volta gli amministratori sono i candidati dell’AKP che apparentemente hanno perso le elezioni!

In seguito, le elezioni sono state poste sotto un controllo totale da parte delle forze dello Stato, della polizia e dei pubblici ministeri. Sono state organizzate operazioni per criminalizzare le persone per il solo fatto di essere componenti delle commissioni che controllano i seggi elettorali il giorno delle elezioni. Per legge, solo l’YSK è autorizzato a emettere sentenze sulle procedure elettorali. La polizia e i pubblici ministeri non possono, senza esplicite decisioni dell’YSK, immischiarsi in questo settore. Si tratta di una palese violazione del principio della par condicio per i partiti di governo e quelli dell’opposizione, in quanto questi ultimi non hanno voce in capitolo, ad esempio, nelle azioni della polizia.

Il motivo citato per l’annullamento delle elezioni di Istanbul è che, mentre per legge solo gli impiegati pubblici possono far parte delle commissioni elettorali, vi sono stati molti casi in cui gli impiegati di banca, ecc., hanno fatto parte di queste commissioni. Ma sono state le commissioni elettorali distrettuali, che operano sotto l’autorità dell’YSK, a redigere le liste delle commissioni elettorali. Pertanto, qualsiasi cosa sia successa era sotto la responsabilità dello stesso YSK. E le liste erano diventate definitive un mese prima delle elezioni, cioè non era più possibile fare appello contro di loro! Quindi è sulla base di una ragione del tutto falsa e illegale che l’YSK ha annullato le elezioni di Istanbul. Semmai ha ritenuto l’elettorato responsabile dei propri errori! Per aggiungere l’insulto al danno, è questo stesso YSK, con gli stessi giudici, che aveva cambiato le regole del gioco nel bel mezzo del processo elettorale durante il referendum con il pretesto che gli errori commessi dalle autorità elettorali non dovrebbero intralciare le scelte fatte dall’elettorato. Un’ipocrisia assoluta!

L’YSK ha deciso sotto minaccia

L’YSK è stato minacciato poco prima della sua decisione dal capo dello stato, presidente della repubblica e uomo forte dell’intero sistema istituito di recente, Recep Tayyip Erdoğan. Egli ha detto chiaramente che, per essere assolto da ogni sospetto, l’YSK deve annullare le elezioni di Istanbul. Uno dei pilastri della legge turca è che l’esecutivo non può, in nessuna circostanza, interferire con il funzionamento del sistema giudiziario. Essendo Erdoğan la prima figura dell’esecutivo, tale minaccia ha reso caricaturale questo principio fondamentale.

Kilıçdaroğlu e İmamoğlu: anche voi avete contribuito a questo risultato

Il primo atto del vincitore della gara a nome della CHP, Ekrem İmamoğlu, quando è stato nominato candidato era stato quello di visitare Erdoğan e di promettere che avrebbero formato un buon duo per occuparsi degli affari di Istanbul (Erdoğan stesso ha servito come sindaco di Istanbul negli anni ’90). Un giorno prima della decisione di abrogazione, İmamoğlu ha espresso piena fiducia nella decisione dell’YSK! Kılıçdaroğlu, il leader della CHP, da parte sua, ha la piena responsabilità di aver taciuto di fronte a tutte le violazioni delle passate elezioni e del referendum. L’amministratore delegato del più grande gruppo capitalista della Turchia, la Koç Holding Company, ha visitato Ekrem İmamoğlu la mattina stessa del giorno in cui ci si aspettava che l’YSK emettesse il suo verdetto finale. Non c’è dubbio che l’amministratore delegato ha predicato la moderazione al sindaco e gli ha ricordato i passaggi estremamente “delicati” che l’economia turca sta attraversando in questo momento!

Rompere le catene che schiavizzano la volontà del popolo

È ormai evidente a tutti che le elezioni organizzate dal regime sempre più dispotico della Turchia non hanno più alcuna legittimità. Non abbiamo bisogno di nuove illusioni elettorali, ma di una vera e propria mobilitazione per il pane e la libertà, per salvare la Turchia, e non solo Istanbul, dalle sue catene.

Il boicottaggio delle elezioni, che è stata la posizione del DIP nel periodo precedente le votazioni, avrebbe dovuto essere la prima scelta per le consultazioni locali. Ma ora è imperativo che l’intera opposizione contro il regime dispotico opti per un boicottaggio. Sarebbe una pura illusione pensare che da qui al 23 giugno, data stabilita dall’YSK per la ripetizione delle elezioni di Istanbul, si svolgerà un processo elettorale veramente normale. Ricordate le settimane e i mesi che hanno separato le elezioni di giugno dalle ripetute elezioni di novembre nel 2015 e capirete cosa ci riserva la Turchia nelle prossime settimane!

Il boicottaggio da solo non è più sufficiente! Tutti i parlamentari dell’opposizione dovrebbero dimettersi e tornare nel seno della nazione. L’agenda politica della Turchia non è né Istanbul, né le elezioni anticipate! Non lasciate che l’AKP e l’MHP opprimano il popolo! Boicottare la ripetizione delle elezioni di Istanbul! Evacuate l’impotente parlamento! Il futuro della Turchia sarà determinato dalla lotta nelle piazze delle città. Solo quando questa lotta avrà successo ci saranno elezioni per una Assemblea Costituente libera, senza divieti o soglie o catene elettorali! Solo un’Assemblea Costituente può rispondere alle esigenze di pane e libertà del popolo!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...