Dopo l’atto di guerra

di Jorge Altamira

Con l’assassinio del generale iraniano Qassam Soleimani e della sua scorta all’aeroporto di Baghdad, Trump ha esteso la prerogativa statunitense di lunga data riguardo le esecuzioni selettive giudiziarie o extragiudiziali, in patria o all’estero, ai rappresentanti pubblici degli Stati esteri. Prende così forma l’instaurazione di uno stato di emergenza internazionale, che sotterra l’intero sistema bugiardo della “comunità internazionale” e delle sue istituzioni. La posizione degli “Stati democratici” su questo colpo di Stato internazionale è stata resa pubblica dalla NATO, che l’ha sostenuta incondizionatamente. Alcuni politici statunitensi non hanno potuto fare a meno di riconoscere che proprio questa circostanza comportava un’usurpazione del potere costituzionale esclusivo del Parlamento degli Stati Uniti di rilasciare dichiarazioni di guerra. L’atto di guerra è stato perpetrato in questo caso sul suolo di un altro paese, il che dovrebbe portare a un mandato di arresto dei suoi autori materiali e intellettuali. Mai un’occasione migliore di questa per attivare i tanto decantati “allarmi rossi” dell’Interpol.

Altre guerre

Il crimine di Baghdad, in questo modo, annuncia l’ingresso in un periodo di maggiori guerre, indipendentemente dalle speculazioni degli analisti, abbondanti di questi tempi, sul fatto che si tratti di un fatto isolato o che si arrivi a un cambio di governo negli USA per farne regredire la sua portata strategica. La diplomazia internazionale diventa come mai prima d’ora una variante degli “accordi di Monaco”, cioè operazioni di inganno, autoinganno e occultamento di nuove iniziative di guerra. Il risultato su questo cambiamento politico non potrebbe essere più conclusivo: non c’è ritorno alla “comunità internazionale” o ad altre sciocchezze bugiarde, né la democrazia nazionale può porre fine a questa marcia accelerata verso una guerra mondiale. L’arma della pace è, più che mai, la rivoluzione mondiale.

Subito dopo aver dichiarato che l’assassinio di Soleimani era un’azione di ‘prevenzione’ di una guerra, Trump ha inviato in Medio Oriente migliaia di truppe, anche aeree, e ha chiarito di aver già designato 50 obiettivi per l’attacco. Dopo che il parlamento iracheno ha votato per ordinare l’espulsione degli Stati Uniti dal paese, Trump ha risposto che avrebbe semplicemente distrutto l’Iraq attraverso sanzioni economiche. L’Iran ha risposto lanciando tre dozzine di missili balistici su due basi statunitensi in Iraq, atto che è stato squalificato dagli ufficiali della guerra psicologica degli USA come precedentemente concordato, per evitare vittime.

Se l’atto di guerra perpetrato a Baghdad è visto da molti come contraddittorio rispetto alla strategia di Trump, esposta ancora ben prima del suo arrivo alla presidenza, di voler ritirare gli Stati Uniti dal Medio Oriente, questo dimostra solo la futilità di quella “strategia”. E questo perché lo scenario coinvolge i protagonisti strategici della NATO, come l’Arabia Saudita, gli emirati del Golfo e, soprattutto, Israele.

Le scoperte di giacimenti di gas nel Mediterraneo orientale sono sufficienti per avvicinare il Medio Oriente all’Europa, in questo caso coinvolgendo direttamente Israele, Grecia, Cipro, con un potenziale confronto con la Turchia, la quale si è già mossa per coprirsi le spalle in Nord Africa, inviando truppe sul campo di battaglia della Libia. Il completamento del gasdotto russo-turco, che raggiunge la Bulgaria e bypassa l’Ucraina, dimostra ancora una volta l’impossibilità di una politica che mira a diminuire e non aumentare l’interferenza dell’imperialismo statunitense. Infine, coloro che trovano nell’autoapprovvigionamento di gas e petrolio raggiunto dagli Stati Uniti una motivazione per il ritiro, non capiscono come funziona il capitalismo e sono anche in ritardo rispetto a ciò che sta accadendo. Controllare l’Iran, il principale fornitore di petrolio della Cina, e l’Iraq, che potrebbe diventarlo, è essenziale nella guerra economica di Trump contro la Cina. Se è vero che l’intervento di Putin in Siria è molto costoso per la Russia, che sta spiazzando gli Stati Uniti, e che il conto per il pantano del Medio Oriente sta crescendo, Putin si è servito di questo per incrementare affari redditizi sul gas e altri non meno redditizi sulle armi – con i sofisticati missili venduti alla Turchia.

Inoltre, l’olio di scisto e il gas di scisto americano stanno mandando in bancarotta le aziende che li sfruttano – il “flusso di fondi” non copre le scadenze del debito che hanno sostenuto. Infine, la vita utile dei giacimenti da roccia sarebbe notevolmente più breve di quanto stimato.

La rappresaglia dell’Iran contro le basi statunitensi in Iraq ha una forte connotazione politica – raggiungere la ritirata degli Stati Uniti. I capigruppo parlamentari curdi e sunniti non hanno partecipato alla sessione che ha votato l’uscita militare statunitense dall’Iraq, che il governo non è altrimenti in grado di attuare. Il nord del Paese, il Kurdistan, è uno dei due grandi poli petroliferi dell’Iraq; Trump potrebbe favorire la divisione del Paese, e persino favorire la Turchia nell’occupare posizioni nella zona turcomanna, come reclamato da Erdogan. L’unione di forze tra Usa e Iran, che ha permesso l’espulsione dello Stato Islamico di Mosul, si basava sul mantenimento dell’unità dell’Iraq. Lo Stato iracheno è, tuttavia, un’entità fallita, incapace di organizzare la produzione e di fornire i servizi di base. L’attuale governo è solo ad interim. L’Iraq non può esistere come Stato in un contesto di guerra e di saccheggi. La crisi militare in corso ha lasciato in secondo piano, per un brevissimo periodo di tempo, lo sviluppo della rivoluzione irachena.

Rivoluzione e guerra

Questo stesso scenario storico ha portato a una grave crisi politica in Iran, che sta vivendo un’ondata di ribellione popolare e di repressione sanguinosa da parte del regime degli Ayatollah. Nelle strade e nei luoghi di lavoro, ci sono richieste per il ritiro dell’Iran da tutti gli scenari stranieri, al fine di destinare le risorse dello Stato alla soddisfazione dei bisogni primari. Trump chiede che queste manifestazioni facciano pressione per il ritiro dell’Iran dall’Iraq e per un “cambio di regime” in Iran. L’Iran, da parte sua, alimenta l’odio delle masse per i crimini degli Stati Uniti e del sionismo al fine di chiedere il ritiro degli Stati Uniti – anche se come arma di contrattazione politica. Il regime iraniano ha consentito la supervisione del suo lavoro in campo nucleare da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia e da parte delle grandi potenze, in cambio di un allentamento delle sanzioni economiche statunitensi. L’Iran è un alleato della Russia in Siria, nonostante Putin, che ha il controllo aereo della Siria, permetta il bombardamento israeliano delle milizie iraniane e dell’esercito siriano da parte di Israele. Senza l’aiuto dell’Iran, le occupazioni del Pentagono in Afghanistan (2001) e in Iraq (2003) non avrebbero avuto luogo.

Tutto questo porta a una grande questione politica per i lavoratori di tutta l’Asia occidentale. Le masse irachene, soprattutto nel sud, chiedono l’espulsione degli Usa da un lato e dell’Iran dall’altro, con lo slogan “avere un Paese”, nonché la laicità del regime politico. Le masse ribelli chiedono in Libano il ritiro delle milizie iraniane, in Iran che il loro Paese si ritiri da tutti i teatri di guerra. Il nazionalismo arabo o iraniano, islamico o laico ha un preciso carattere borghese, e ha aspirato e aspira tuttora a un ruolo dominante nella regione. Questo è quello che è successo e sta succedendo con l’Egitto, la Turchia, l’Iran e l’Arabia Saudita (ora comandata da un sanguinario principe bonapartista). Una concreta caratterizzazione del nazionalismo borghese è sempre necessaria. È anche chiaro che le richieste popolari prevedono un’azione internazionale da parte di queste masse, e la consapevolezza, soprattutto, che l’obiettivo dell’emancipazione politica e del progresso sociale può essere realizzato solo attraverso un’unione di governi operai socialisti in Medio Oriente.

Su questo punto è necessario un ampio dibattito internazionale. Ciò che è sicuramente chiaro è che l’assenza di un programma di fronte alla guerra e di un programma di potere è un potente limite per il raggiungimento di una vittoria storica per gli sfruttati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...